Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale. La bolla dei Pregiudizi ci avviluppa tutti

prejdi Alessandro Bottero. Ultimamente sta diventando sempre più importante e preoccupante il problema delle cosiddette Bufale da Internet. Ossia la diffusione più o meno volontaria di notizie false, tramite i social network attraverso cui passa ormai la stragrande parte delle informazioni assunte dalle persone.

Il problema non è di poco conto. Anticamente (e mi fa sorridere dover usare questo avverbio) l’autorevolezza della testata giornalistica o di chi parlava e si esponeva in prima persona – ci metteva la faccia – si fondava se quel che si diceva o scriveva era vero, ossia aveva una corrispondenza col reale. I capiredattori di una volta, quelli che torturavano, estenuavano e terrorizzavano i praticanti volevano che OGNI singolo fatto citato in un articolo fosse controllato non una, ma due o tre volte, questo per evitare che si potesse dire “Hai pubblicato una cosa NON VERA”. La distanza dalla verità – che se involontaria era indice di pressapochismo e incapacità professionale, se voluta invece diventava menzogna per secondi fini – era la morte dell’autorevolezza. Il giornale o la persona che diceva cose scomode ma VERE era autorevole, anche se era solo contro tutti. “È la stampa, bellezza”, diceva Humprey Bogart, e poteva rovinare i potenti perché pubblicava cose VERE, e i lettori si fidavano di lui perché sapevano che quello che leggevano era vero.

Ora è tutto cambiato. Ora esistono siti che volutamente pubblicano notizie false, sapendo che sono false, avvertendo i lettori con scritte in caratteri piccoli che quello che leggono è tutto falso, ma facendolo SOLO per avere più click sui propri siti e pagine Facebook e quindi vendere spazi pubblicitari. I Mi Piace, i followers, gli amici su Facebook o i contatti sul sito sono diventati la nuova cifra dell’autorevolezza. Un sito è autorevole se ha tanti contatti. Una pagina Facebook è autorevole se ha tanti amici e I Like “Ma che parli te che hai solo 10 amici, PEZZENTE!”. Non conta se le cose che scrivi o dici sono vere, Ormai la verità ha perso.

A questo aggiungiamo altri due dati: la tendenza ad informarsi solo tramite i social network e nei social network attraverso le pagine di persone o enti informativi a noi affini, e la chiusura della maggior parte di noi in bolle autoreferenziali (le cosiddette filter bubble) per cui esistiamo in uno spazio informativo dove veniamo in contatto quasi solo con notizie o altre voci che confermano e rafforzano quello che già crediamo giusto.

E questo accade anche nei fumetti. I pre-giudizi su autori, fumetti, siti, blog, ci avviluppano e orientano a priori il nostro alimentarci di informazioni. Il diverso, quello che viene bloccato dalla nostra bolla autoreferenziale , resta sempre al di fuori dal nostro interesse.

Se sono convinto a priori che l’autore X sia bello, buono e bravo e quello che fa sia il successo più epocale dell’intero universo, difficilmente accetterò di esaminare con serenità e obiettività voci discordanti, quand’anche fossero vere e oggettive. La bolla del pregiudizio in cui sono racchiuso e che è rafforzata da tutti gli altri che vivono nella stessa bolla o in bolle identiche connesse tra loro , creano dei filtri talmente forti e impervi che la realtà difficilmente riesce a scalfirli.

Il problema sono i social in sé? No, ovvio. I social sono degli strumenti. Da soli non sono capaci né di agire in modo positivo né in modo negativo. Sono le persone che usano i social in modo corretto (eliminando il più possibile i pregiudizi e VERIFICANDO le notizie che leggono) o sbagliato (rafforzando i filtri, rendendo sempre più spesse e impervie le bolle die pregiudizi).

Il problema è se le persone siano abbastanza competenti da saper usare nel mondo più efficace gli strumenti che utilizzano in modo così superficiale. Se le persone siano capaci di utilizzare e sfruttare nel mondo più efficace e critico la ricchezza delle fonti disponibili, così da ridurre il più possibile l’autoreferenzialità ed allargare l’orizzonte.

La soluzione non è nemmeno un generico e fideistico ricorso alle Fonti, perché le fonti stesse sono (possono) essere offuscate dai pregiudizi e dare informazioni sbagliate e/o incomplete. Se l’editore X dice quanto vende un fumetto, ma non la tiratura e il numero delle copie distribuite non è una fonte attendibile e citarlo non serve a nulla, se non a rafforzare nel lettore l’idea che chi lo cita sia autorevole. MA questa patente di autorevolezza in realtà si basa sul fatto che lettore e sito di informazione si ritrovano assieme nella stessa bolla autoreferenziale, e chi parla/scrive si limita a confermare cose che il lettore già ha deciso come vere.

Viviano tutti all’interno di bolle autoreferenziali, perché siamo pigri ed è più semplice e comodo leggere/ascoltare/annuire a chi dice cose con cui siamo già d’accordo e che ci piacciono.

Ma così non cresceremo mai. Né come idee, né come conoscenza, né come persone.

 

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:214 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:1955 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2089 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1215 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1786 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1431 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1731 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto