Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Da Roma a Catania, passando per il resto del mondo

etnacomics2015 editorialedi Alessandro Bottero

Il periodo aprile-giugno 2015 ha visto una serie di manifestazioni dedicate al fumetto molto intenso. Al di là di quelle a cui sono stato presente con incontri o semplice presenza da spettatore (Romics, Japan Fest, Napoli Comicon, Arf!, ed EtnaComics) ce ne sono state anche altre (Torino, Carrara, ecc…). Finita la girandola di partenze ed arrivi è possibile fermarsi e fare il punto della situazione. Come sembra il mondo del fumetto ORA, dopo aver incontrato persone in giro per l’Italia e aver toccato con mano come reagisce il pubblico alle proposte e alle novità? Diciamo subito una cosa. Se una manifestazione vuole essere popolare, ossia coinvolgere un pubblico numeroso deve abbandonare l’idea che il fumetto da solo basti. Non è vero. Il fumetto da SOLO non attira più.

O meglio il fumetto da solo attira ormai un pubblico minoritario all’interno del mondo dell’entertainment. Qualsiasi manifestazione, se aspira a fare numeri al di sopra delle 30.000 presenze (volevo dire 20.000 ma sarà generoso) paganti, ossia BIGLIETTI deve necessariamente prevedere cosplay, cartoni animati e cinema/Tv. Può piacere o meno ma è così. Il pubblico di massa va dove ci sono elementi di intrattenimento di massa. Il fumetto da solo non garantisce più numeri di massa. E la riprova si ha se si confrontano i numeri di un Arf!, festival pensato programmaticamente solo per i fumetti e manifestazioni come Romics o EtnaComics o Napoli Comicon, dove invece è l’entertainment a 360° a essere l’obiettivo. 10.000 presenze paganti all’Arf!, contro le oltre 100.000 di Romics e del Comicon di Napoli e le circa 60.000 di Etna comics. I numeri da soli non sono indice e segno di qualità, ovvio, ma sono un dato. È ovvio che se organizzo un festival dell’ebanisteria rinascimentale mi rivolgerò a un pubblico più di nicchia - sicuramente più specializzato e competente – che se organizzassi un festival dell’Ikea. Obiettivi diversi generano numeri diversi.

La stupidità – o presunzione – sarebbe pretendere che il mio disco di musica noise concettuale DEBBA vendere quando l’hit dance. E il fallimento si ha quando quello che è pensato per la massa, attira numeri da condominio. Mi sento di dire che le cinque manifestazioni da me seguite sono state tute positive. Secondo me hanno colto gli obiettivi che si erano proposti, sia pure con margini di miglioramento. Romics ad esempio, è molto forte nel settore cinema, e nell’ottica di una proposta di intrattenimento a 360# gradi per chi viene si può imparare da lei. La cosa su cui si può lavorare molto nel suo caso è l’offerta di incontri, dove invece l’Arf!, è risultato vincente. Onestamente erano anni che non vedevo folle simili agli incontri e la cosa è molto bella. Ma va detto che il rischio è che le persone non siano venute all’Arf!, ma solo a sentire un incontro. La differenza è sottile ma molto profonda. Una manifestazione deve avere come obiettivo quello di far entrare una persona nel suo spazio e trattenerlo con tutta una serie di cose, eventi, proposte non solo di incontri ma anche di novità editoriali (se ci limitiamo al fumetto). Chi viene, ascolta UN incontro e poi se ne va in realtà sarebbe potuto anche andare a una sala conferenze. È stato l’incontro a muoverlo, non l’evento Festival. Lo stesso problema può averlo il Japan Fest di Catania, festival dedicato al mondo dell’Oriente in tutte le sue sfumature. Anche qui il rischio è che sia il singolo evento a richiamare la persona. A mitigare questo pericolo c’è il forte senso di appartenenza sociale che anima il mondo del Cosplay e degli appassionati di Anime/Manga, senso di appartenenza sociale che nel mondo del fumetto non-orientale è progressivamente scemato. L’appassionato di anime o Cosplay quindi viene sì a sentire tizio o caio, ma poi si sente parte di una comunità e quindi rimane nell’evento. Chi viene a sentire Tizio o a farsi fare la firma da Zerocalcare una volta ottenuto il suo scopo se ne va. Non si sente parte di una comunità.

Romics e Etna Comics poi hanno visto il fenomeno degli Youtubers. Ubn padiglione di Romics aveva uno spazio dedicato a questi nuovi fenomeni di aggregazione di massa giovanile, e devo dire che mi sono spaventato. Un giorno sono andato nel padiglione, precisamente per vedere con i miei occhi cosa succedeva, e ho visto scene di idolatria mediatica quasi inconcepibili per me, vecchio e vetusto fumettista. Migliaia di ragazzini/e si accalcavano per farsi delle foto (scusate, ma a selfie preferisco l’italianissimo farsi una foto) assieme allo/a youtuber o farsi firmare delle magliette. È questo il presente? È questa la generazione a cui si dovrebbe pensare quando si progettano serie nuove a fumetti. Ormai il Cosplay, che sembrava il nuovo che avanzava cinque anni fa, è superato. Facebook è vecchio. Twitter resiste a fatica. Il pubblico dei 13/16, ossia quello che per anni è stato il sacro graal dei fumetti manga, ora è dedito ai vine, agli youtubers, e così via.

Dopo Sio - vera rivelazione di questa annata con decine di migliaia di copie vendite dei suoi volumi - gli editori si accapigliano per scovare i nuovi fenomeni che da Youtube e/o Facebook riescono a sbarcare su carta. A Etnacomics ho visto più di un editore parlare con ragazzi che presentavano i loro progetti NON nati su carta, ma già viventi su YouTube o su Facebook. Lo scouting sui social sta diventando sempre più parte integrante del compito di un direttore editoriale che si deve guadagnare lo stipendio. Etna Comics ha chiuso questa sequela di appuntamenti e devo dire come sempre in modo ottimo. È la manifestazione più accogliente verso gli ospiti, quasi al livello di coccolamento eccessivo, ed è una manifestazione dove gli incontri - anche quelli culturalmente più impegnativi – sono sempre seguiti. Forse è quella che riesce a trovare un equilibrio tra esigenza di fare numeri popolari, e offerta culturale di buon livello – seguita dagli appassionati. La sottolineatura è importante perché anche Romics, o Napoli Comicon offrono buoni incontri, ma la partecipazione è molto più scarsa che a Catania. Ora vado in letargo estivo fino a settembre quando si terrà la prima edizione del Palermo Comicon, manifestazione che dalle premesse appare molto interessante.

etnacomics manifesto 2015

Magazine

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:348 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:482 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:677 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:305 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3667 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3510 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:13111 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto