Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » I Grandi Misteri delle Edicole: Editoriale Cosmo

editoriale cosmo intervistadi Alessandro Bottero.

Ci sono cose nelle edicole che sfidano le leggi della logica e della comprensione del reale. Realtà che come il calabrone non dovrebbero volare, poi però volano e fanno la pernacchia a chi glielo fa notare. È vero che la vita vince sulle teorie e che come Don Ferrante si muore di peste anche se la logica e la filosofia dimostrano inequivocabilmente che la peste non esiste, ma santo cielo… a volte i misteri sono davvero TROPPO misteriosi. Oggi parliamo di uno di loro, ossia della Cosmo detta anche Editoriale Cosmo, o i Cosmonauti, o Quella casa editrice che pubblica un boato di cose e nessuno capisce come fa. Il mistero è proprio questo. Ho preso il catalogo della Cosmo da quando è nata a oggi, cosa disponibile sotto forma di file PDF scaricabile dalla rete, e ho contato 197 titoli dall’autunno 2012 a oggi. 197 titoli. In due anni e mezzo. Se si prende un albo Cosmo pubblicato in questo marzo 2015 tipo ad esempio Dogma (l’ho comprato e quindi so di cosa parlo) in terza di copertina ci sono UNDICI uscite mensili per marzo. Undici. Non due. Non tre. Non quattro Undici. Ossia poco meno della Sergio Bonelli. E oltretutto quelle della Cosmo sono serie che escono. No, perché è facile annunciare e poi magari ritardare. No. La Cosmo esce. Undici cose. Al mese. E questo è già un mistero perché ad esempio NON si sa chi le traduca. Se si esaminano le gerenze non c’è scritto NULLA. Solo un anonimo Grafica, Traduzione, Testi e Lettering I Cosmonauti. Ora, in una società dove il lavoro individuale in teoria andrebbe riconosciuto, anche perché la traduzione è un lavoro che cade nel diritto d’autore e per legge il diritto d’autore comprende il diritto alla ATTRIBUZIONE e alla PATERNITA’ dell’opera, il primo mistero è Perché niente nomi? Perché questo anonimato assoluto? Perché questa OPACITA’?

Passiamo al secondo mistero: come fanno a reggere? I costi di realizzazione di un prodotto Cosmo in giro si sanno. Chiunque tratta o ha trattato con gli editori francesi sa benissimo quanto chiedono. Diciamo che un albo a 96 pagine che raccolga due albi francesi come DIRITTI (o anticipi Royalties) ti può costare tranquillamente da 1000 a 1500 euro. Anche i costi di stampa sono conosciuti a chi lavora nel settore. Un prodotto formato bonellide può costare diciamo 30 centesimi a copia per una tiratura di 10.000 copie. Diciamo che, e la butto lì, tra stampa e diritti un albo di 100/144 pagine ti può costare da 4.000 a 5.000 euro. E non metto in mezzo Iva e altre fesserie. Bene. Su un albo che ha un prezzo di copertina di 3,20, tu editore ricavi più o meno il 35% ossia 1,12 euro. Vogliamo dire che hai un contratto col distributore SUPER FAVOREVOLE e hai strappato il 40%? Ok, allora tu da un albo che costa 3,20 ricavi 1,28 euro. Per ammortizzare diciamo solo 4.000 euro di spesa devi vendere 3125 copie (più o meno) e così pareggi i costi. Se ne vendi di meno vai in passivo. Il punto è che parrebbe (e dico PARE, ok? non ho PIU’ i dati, ho solo i dati che avevo l’anno scorso) che queste cose NON vendano tutte stabilmente più di 3500 copie. E prima che qualcuno tiri in ballo i bonellidi della Lion o della SaldaPress vi dico subito che i diritti di una serie americana costano molto, molto, molto di meno di una serie francese. Sapete quanto fa pagare la Dargaud all’Aurea per le serie francesi? Io si, perché me l’ha detto chi vende i diritti della Dargaud :“Perché dovremmo darli a voi questi fumetti, quando abbiamo l’Aurea che ci paga questa cifra?”, e per 46 pagine parliamo di cifre altine. Ma torniamo a noi. Il mistero quindi è: come fa la Cosmo a pubblicare 11 serie al mese se pare (PARE) che quasi nessuna sia in attivo, o perlomeno pareggi i conti? È però vero che sento dire che la Cosmo deve fallire da quasi due anni, e come per il calabrone la vita smentisce la teoria. Voglio chiarire una cosa: a me personalmente non interessa se la Cosmo fallisce o va avanti. Non ce l’ho con loro. Certo, trovo il loro modo di rapportarsi con chi rappresenta un sito di informazione, si presenta allo stand e chiede informazioni abbastanza poco educato, ma queste sono opinioni mie private. Per me possono continuare a pubblicare per altri quarant’anni. In perdita o con un successo a palate. Non mi cambia la vita. Però la curiosità c’è. Ed è la curiosità di chi si chiede: perché? Perché produrre UNDICI albi al mese, in una condizione di mercato così strana? Dove questo tipo di prodotto stenta? Dove il fumetto a priori stenta? Dove le vendite calano? Dove NON è vero che non c’è la crisi? Perché?

Il terzo mistero della Cosmo è: ma chi compra i loro fumetti ha 20/decimi di vista? Già gli albi francesi a formato originale sono pieni di parole (e in Francia nessuno rompe il C***O agli sceneggiatori dicendo che scrivono troppo, ma si sa… in Italia siamo tutti sceneggiatori e critici letterari…) – Se poi riduci il formato a una taglia bonellide, il font è talmente piccolo che praticamente non ci si capisce niente. Per cui ripeto: gli albi Cosmo sono rivolti a chi ha innesti bionici oculari, in grado di adattarsi alle diverse dimensioni del prodotto????

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:323 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2125 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2235 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1340 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2265 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1539 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1881 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto