Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Di lettori e ideologie

bonelli-editorialedi Alessandro Bottero

Ultimamente si sta diffondendo nella rete un approccio abbastanza interessante al rapporto lettore-fumetto. Pare che alcune categorie sociali non possano leggere determinati fumetti perché non sono in sintonia con i valori che detti fumetti esplicitano. Per essere più chiari: “Non puoi leggere Dylan Dog, perché sei leghista!” E la posse scatenata tutta ad appoggiare la mozione. L’argomento è interessante e merita quantomeno due riflessioni del Botman. Prendiamola alla larga. Stephen Michael Stirling, un autore di fantascienza abbastanza famoso per i suoi cicli come quello dedicato ai Draka, un’Ucronia dove “tutto quello che poteva andare male nel XX secolo l’ha fatto”. Stirling disse una volta "C’è un termine tecnico per indicare chi confonde le’ opinioni di un personaggio di un libro con quelle dell’autore. Il termine è IDIOTA”. Che voglio dire con questo? Che è idea comune (lo spero) che è stupido identificare autore e personaggi di finzione, sovrapponendo in toto le opinioni espresse e sostenute da un personaggio con quelle dell’autore che SCRIVE quel personaggio. Diversamente dovremmo dire che Thomas Harris (autore) è un cannibale, tanto quanto Hannibal Lecter (personaggio). Quindi l’autore e la narrazione possono divergere come opinioni e valori vissuti. Dato questo per scontato il punto però è: se la scrittura della storia X può essere dovuta da mille fattori, non ultimo dei quali una commissione da parte di terzi che pagano l’autore X perché scriva storie del personaggio Y, e l’autore X semplicemente esegue un lavoro di artigianato narrativo inventando una storia e raccontandola (magari anche una storia che a lui fa schifo, ma che VENDE e per cui è pagato) la LETTURA della storia x deve prevedere a priori l’adesione da parte del lettore alle opinioni espresse dal personaggio?

Per essere più chiari. Io posso leggere i fumetti di LANDO o CORNA VISSUTE o fumetti erotici con scene di sadismo e violenza verso le donne come in FEROCIOUS, solo se condivido quello che viene raccontato, o posso, nel caso, essere in disaccordo con quello che viene detto dai personaggi ma leggere lo stesso il fumetto X? O per essere più chiari: Se sono un razzista, camorrista, mafioso, sadico, misogino, abbandono i cani per la strada d’estate, piscio sui barboni quando giro di notte in città, vendo crack davanti alle elementari, vado a mignotte e poi non le pago e le meno pure, evado le tasse, picchio i vecchi e buco i palloncini ai bambini piccoli, posso leggere Dylan Dog? O Tex? O l’Uomo Ragno? O Topolino? O quello che accidenti mi pare? E posso, in questa era di social, dire “Ho letto X e non mi è piaciuto”? O devo aspettarmi che mi si risponda “Tu sei leghista, devi stare zitto”? Non so voi ma questa logica io l’ho vissuta negli anni ’70, quando TUTTO era ideologizzato. Se eri di sinistra dovevi leggere certe cose e NON potevi leggere o sentire altre. Se eri di destra NON potevi leggere certe cose o sentire certi autori. Se eri di sinistra dovevi vestirti in un certo modo. Se eri di destra in un altro. Linus era di sinistra. Eureka di destra. I cantautori erano di sinistra. La Disco Music di destra. L’Eskimo e la barba erano di sinistra. Se ti vestivi bene eri di destra. E se non votavi PCI (almeno) non potevi leggere Linus, perché … non potevi e basta. Non era una cosa per te. E non potevi dirlo. O se lo leggevi dovevi dire che eri di sinistra. Ossia qualsiasi cosa era ideologizzata. Siamo di nuovo a questo punto?

Quarant’anni dopo siamo ancora al punto che “Sei FASCIO e quindi non puoi azzardarti a leggere i NOSTRI fumetti!”. O forse non sarà che tutto questo non è atro che una astutissima tecnica per SVIARE L’ATTENZIONE? Tu mi critichi il fumetto e io la butto in caciara per alzare un polverone ideologico che nasconde le tue critiche. Squalifico chi critica, per non dover rispondere alle critiche stesse. Tecnica astuta e che se supportata da una posse scatenata e ben addestrata funziona quasi sempre. Anche perché i social sono geneticamente predisposti alla caciara e non al ragionamento. Non so se stanno tornando gli anni ’70. So solo che quando leggo queste cose esternazioni per cui un XXX non dovrebbe leggere il fumetto Y mi viene solo da sorridere. Tristemente sorridere. Ah, e per dare la mia risposta. Sì, uno che è razzista, camorrista, mafioso, sadico, misogino, abbandona i cani per la strada d’estate, piscia sui barboni, vende crack davanti alle elementari, va a mignotte e le mena, evade le tasse, picchia i vecchi e buca i palloncini ai bambini piccoli può leggere quello che vuole, e non posso essere io a dire “Tu non lo puoi leggere perché sei XXXXXX!”. I motivi per cui uno legge un fumetto sono i più vari, e ridurli solo a “Lo leggo perché mi IDENTIFICO al 100% con le opinioni espresse dal personaggio” è talmente riduttivo che mi stupisce che persone ufficialmente serie come gli addetti ai lavori possano sostenerlo.

Magazine

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:348 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:482 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:677 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:305 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3667 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3510 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:13111 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto