Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Fare fumetti può costare la vita: 11 morti in Francia per la satira contro l’Islam

di Alessandro Bottero

Nel mondo del fumetto italiano da qualche anno è diventato facile e soprattutto lucroso, attaccare la chiesa cattolica, dipingendola come brutta, cattiva, bigotta, oscurantista, stupida, pedofila e così via. Qualche esempio? Don Zauker, Suore Ninja, autoproduzioni a gogò, e altre piacevolezze. Quasi sempre, tranne poche eccezioni, si tratta di prodotti nemmeno divertenti, ma al massimo rancorosi, o cliché-osi. Ma tanto fanno figoso, e così siamo tutti contenti. È fichissimo attaccare, accusando di essere perfido e criminale, chi non può fare nulla. Direi che siamo dalle parti del “Vi piace vincere facile”, ma si sa. A confronto di certi autori di fumetti italiani Don Abbondio sembra John Rambo. Intanto però nel mondo reale chi ha davvero le palle (e scusate il maschilismo rozzo dell’espressione, ma rende bene l’idea) e dirige la satira contro chi se la merita davvero non viene acclamato e lodato. No. In Francia chi si permette di fare satira sull’Islam lo ammazzano. È notizia di oggi che la redazione del periodico Charlie Hebdo, la sede della rivista, che era già stata distrutta da un incendio provocato da un lancio di molotov. è stata assalita da un commando di fondamentalisti islamici (e uso queste due definizioni in modo voluto e preciso, perché si tratta di FONDAMENTALISTI e ISLAMICI, non di criminali comuni o semplici pazzerelli) che ha voluto vendicare le offese che la rivista aveva arrecato, per loro, al Profeta, ossia a Maometto. Secondo l’Islam infatti non è permesso raffigurare il Profeta, e meno che meno raffigurarlo in modo satirico. Chalrie Hebdo però non si mai calato le braghe, come capita spesso invece da noi, e ha continuato a far quello che credeva lecito. Le sue vignette erano di cattivo gusto? Può essere. Erano divertenti? Magari anche no. Ma non importa. Importa che Charlie Hebdo aveva capito che è troppo facile “vincere facile” e che se dichiari che “si deve fare satira su tutti, sempre, e senza limiti”, allora devi farla anche sull’Islam, non solo sulla Chiesa Cattolica. Ovviamente in Italia gli autori dal forte e robusto spirito laico e illuminato di tutto questo se ne guardano bene. La risposta è sempre la stessa “Non è una cosa che ci riguarda. Mica abbiamo l’Islam in casa”. E questa è una idiozia, detta da chi si mette le mani su tutti e due gli occhi e non vede cosa succede quando i ragazzi e le ragazze di fede islamica cresciute in Italia, a contatto con i valori della nostra società cercano di emanciparsi dal retroterra della famiglia di origine. Ma si sa… se non VUOI vedere, è inutile indicarti le cose. Comunque il dato di fatto è che ci sono 11 morti perché delle persone hanno pensato che l’esercizio della libertà di pensiero andava portato avanti in tutte le direzioni, non solo contro il Papa o la Chiesa. 11 morti per delle vignette satiriche sul Profeta Maometto. E il dato di fatto è che il fondamentalismo Islamico arriva a spingere persone ad uccidere chi raffigura Maometto in una vignetta. Allora, come fece John Kennedy, che quando i Sovietici isolarono Berlino Ovest sperando di prenderla per fame disse chiaro e forte "Ich Bin eine Berliner" (Io sono un Berlinese) e gli USA aiutarono Berlino Ovest a resistere vanificando il progetto Sovietico, il mondo del fumetto italiano dovrebbe dire TUTTO "Je Suis Charlie Hebdo", e sbattere in prima pagina su siti, blog, pagine Facebook e riviste, le vignette che tanto fanno incazzare i fondamentalisti islamici. Cari fondamentalisti islamici…Ammazzateci tutti, tanto sempre bastardi restate.

PS. Noto invece che degni opinion leader del mondo del fumetto si divertono a sprecare tempo e fiato sulla vicenda dei marò, prigionieri del governo indiano (e uso il termine prigionieri in senso proprio e voluto). Certo, che una voce autorevole di una casa editrice che ha fatto del suo essere popolare la cifra del suo successo si diverta in questi modi iconoclasti e molto radical chic fa un po’ ridere. Penso che Tex se avesse avuto Kit Carson e Tiger Jack prigionieri del governo messicano con accuse impeccabili dal punto di vista formale se ne sarebbe fregato della forma legalista e sarebbe andato a liberare i suoi amici, ma si sa…L’importante è l’immagine del personaggio che si proietta sui social….

charlie ebdo vig


Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:541 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:730 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:799 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:929 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:956 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:498 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3818 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto