Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Censura: quando si usano i bambini in modo strumentale

editoriale comicscodedi Alessandro Bottero

“Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezza.” Questo diceva Benjamin Franklin nel 1755, ed è ancora vero oggi. Perché questo incipit? Perché è notizia di poche settimane fa (la trovate ampiamente commentata su Internazionale n.1031, in un articolo a firma Laurie Perry) che il governo inglese dopo un anno di discussioni ha attivato il cosiddetto porn filter, un meccanismo per cui (sintetizzando molto) agli utenti di Internet verrà chiesto se intendono o meno accedere a certi contenuti della rete che di base saranno bloccati a meno di non dire esplicitamente che gli si vuole accedere.

Cosa è successo? È successo che si è urlato per invocare una tutela dei poveri piccoli bambini che navigano, dicendo che la pornografia è un mostro tentacolare che esce dagli schermi e corrompe le menti delle piccole generazioni e quindi è NECESSARIO agire per proteggere i bambini. Peccato che quest’azione, nobile a parole, nasconda obiettivi ben diversi. In pratica, come è accaduto anche in altri paesi negli anni precedenti (Danimarca, Australia, ecc..) il governo inglese usando lo specchietto delle allodole della protezione dei bambini sta silenziosamente monitorando l’accesso a tutta una serie di siti “scomodi”. Siti gay NON pornografici, siti dove si parla del download e dei modi con cui fare file sharing, siti dove si portano avanti lotte antagoniste e in opposizione alle politiche di sicurezza o economiche del governo. Cosa interessa al porn filter, se io voglio accedere a siti dove si parla di file sharing? E soprattutto, perché io adulto devo dire COSA voglio vedere su internet, per avere il permesso di accedervi?

Il modus operandi è sempre lo stesso: si dice che si agisce nell’interesse dei bambini, perché nessuno mai avrà il coraggio di dire “No. Non è vero che lo fate per protegger ei bambini. Lo fate per i vostri interessi”. Si dice “Dobbiamo impedire che i nostri figli vedano le donne nude sullo schermo del PC” sicuri che nessuno dirà nulla, per non passare per un pervertito.

La protezione dei bambini è diventata l’arma buona per tutte le occasioni e con cui far passare in modo trasversale ogni limitazione alla libertà.

Bene, è il momento di dire che è sbagliato. È arrivato il momento di dire che la censura è sbagliata. È arrivato il momento di dire che queste campagne di cosiddetta protezione dell’infanzia, a parte pochi ingenui in buona fede che ci credono veramente, sono orchestrate e promosse da chi invece vuole imbrigliare e controllare Internet. La libertà della rete da fastidio, e quale modo migliore per farla passare per dannosa, se non dipingendo l’immagine del potevo piccolo bambino esposto a turpitudini orribili e sconvolgenti? Chi potrebbe mai opporsi al MOIGE che invoca la salvezza dell’infanzia, o al governo inglese che dice “Lo facciamo per i nostri figli. Dobbiamo proteggerli!”. E intanto però censuriamo anche un bel po’ di altri spazi, così CONTROLLIAMO meglio internet.

C’entra qualcosa con fumetto questo? Sì. Molto. La censura esiste anche nel fumetto, e in quanto censura è sbagliata e andrebbe abolita. La dicitura “adatto a un pubblico maturo” è risibile. Molti adulti che conosco non sono maturi. In teoria non dovrebbero leggere i fumetti adatti a un pubblico maturo. Un negoziante sincero dovrebbe dire “Guarda, è vero che hai trent’anni, ma non sei maturo. Non te lo posso vendere. Ciao ciao.”

Che la Star Comics anni fa si sia vista costretta a mettere nella gerenza di Dragonball una scritta per cui diceva che i personaggi raffigurati nelle storie erano tutti maggiorenni, cosa provocata da attacchi violenti da parte di chi accusava il manga di essere “perversi e di traviare la mente dei bambini, perché si vede un vecchio che brama le mutandine di un personaggio raffigurato chiaramente come adolescente”, è una cosa talmente inverosimile che se non l’avessi visto con i miei occhi non ci crederei mai. Eppure è successo perché qualcuno ha pensato fosse suo dovere proteggere i bambini.

Esiste il diritto dell’editore non NON pubblicare cose che non ritiene di voler avvallare. Ma questa non è censura. Si tratta di scelte editoriali e commerciali. Se la Walt Disney prima e la Panini ora non pubblicano storie con nudi su Topolino non è censura, e sarebbe stupido chi la ritenesse tale

La censura è quando si impedisce l’espressione dell’artista. Quando la si vieta per legge, e quando si impedisce in modo coercitivo all’artista di diffonderla.

Io ormai diffido di qualsiasi affermazione fatta a nome dei bambini e in nome di una difesa dei bambini, se poi nei fatti queste affermazioni portano a una limitazione della libertà di condivisione e diffusione delle informazioni.

Parafrasando il vecchio Benjamin Franklin possiamo dire che chi cede la propria libertà sperando di ottenere maggiore sicurezza, perde per sempre la prima e non otterrà mai la seconda.

Gli unici a guadagnarci saranno coloro che hanno interesse a limitare la libertà del singolo. E state pure tranquilli che a loro dei bambini non gliene frega assolutamente niente, visto che gli stessi che tuonano contro la terribile pornografia su internet non fanno nulla contro la piaga del lavoro minorile nei paesi del terzo mondo.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:541 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:730 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:798 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:929 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:956 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:498 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3818 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto