Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Historica, trionfatore nelle edicole

historica editorialedi Alessandro Bottero

Veramente l’uso corretto della lingua italiana esigerebbe l’uso del termine Trionfatrice visto che parliamo di una collana termine di genere tendente più al femminile che al maschile, ma i Nazi-grammatici con me non hanno mai avuto vita facile. Trionfatore ho scritto e trionfatore ripeto. E pure A Me MI Piace Historica. Per quei due o tre abitanti di Comignano del Peltro, paesino la cui edicola non riceve rifornimenti dall’aprile del 2006, che ancora non sanno cosa è Historica, vi svelerò che è la collana varata da Mondadori nelle edicole che con cadenza mensile presenta bei volumoni cicciotti e robusti dove si trovano cicli (autoconclusivi o in più volumi) di fumetti storici, tratti da quell’immenso arcipelago che è il mercato francese. Partita nel novembre 2012 con Airborne 44 - La battaglia delle Ardenne di Philippe Jarbinet, dedicato alla Seconda Guerra Mondiale, Historica si è mossa fino ad oggi secondo queste direttrici più o meno: Seconda Guerra Mondiale; Impero Romano; Medioevo; epoca Napoleonica. Certo per un vetusto appassionato di fantascienza ucronica come me un poco piange il cuore sapere che esistono fior di capolavori inediti dedicati a rivisitare gli eventi storici a base della fatidica domanda “E se….”, che non possono trovare posto nella collana, perché la filosofia di fondo di Historica è quella di presentare fumetti assolutamente aderenti alla realtà storica fattuale, sia pur all’interno della narrazione di storie di avventura. Ma a parte questo difettuccio, devo dire che avendola seguita per un anno intero sono pienamente soddisfatto della collana. La confezione è ottima, i contenuti di livello elevato, il prezzo (e parliamo di volumi cartonati formato francese di 192 pagine distribuiti in edicola) è davvero basso, visto che si tratta di 12,99 euri a volume. Finora oltre ad Airborne 44 sono usciti Bois-Maury, Memorie della Grande Armata ,Vae Victis (volumi 1-2-3), Il gufo reale, Le 7 vite dello Sparviero (volumi 1-2) ,Berlino, Gengis Khan ,L'ultimo volo, Gli scudi di Marte, Piuma al vento, e nel primo trimestre 2014 sono già sicuri Belem (gennaio), Attila vol.1 (febbraio) e La Battaglia (marzo).

Cosa ci insegna questa collana, partita come un esperimento e che a un anno di distanza si rivela un esperimento riuscito (e la riprova che è riuscito è il fatto che la Mondadori ha affiancato a Historica, una collana bimestrale di volumi sempre tratti dal mercato francese, ma in formato singolo albo)?

Primo: in edicola esiste un pubblico per questi prodotti. Non è numeroso, ma esiste.

Secondo: è un pubblico fedele ma esigente. Ti segue, mantenendo più o meno costanti le vendite, ma vuole una confezione editoriale e uno spessore nelle storie che giustifichino la spesa, sia pure una spesa che oggettivamente è inferiore alla media.

Terzo: esiste un pubblico che ama il genere storico, e la cosa non è da sottovalutare. In Italia ormai da decenni a parte Dago o Joan (ambientato all’epoca della Guerra Civile Spagnola) e pubblicati dall’Eura/Aurea non esistono serie regolari e/o continuative dedicate al genere storico. Gianfranco Manfredi ci ha provato con le due miniserie Volto Nascosto (ambientato all’epoca delle guerre coloniali italiane) e poi Shangai Devil (spostando l’azione nella Cina del Celeste Impero), ma erano due miniserie, e una volta conclusesi il filone si è chiuso. È vero che nel parco testate Bonelli esiste la collana Le Storie, ma non è precisamente la cosa a cui penso. Non è una collana o una serie di fumetti di genere storico in senso proprio, come invece troviamo a decine e decine nel mercato francese. Parlo di fumetti dove la Storia sia parte integrante della storia, e non solo una cornice o una ambientazione sullo sfondo.

Historica mi dice che è possibile raccontare storie usando la Storia come elemento cardine del discorso, senza per questo essere necessariamente pallosi o didascalici. E il punto è proprio qui: solo una società che ritiene la Storia degna di stima e rispetto potrò produrre autori che siano in grado di maneggiare la Storia con la stessa stima, rispetto e passione, ed usarla come spunto e materiale narrativo. In Italia succede questo? Assolutamente no. In Italia la Storia è vista come una cosa noiosa, pallosa, inutile e solo da studiare a scuola per evitare un debito formativo. Abbiamo una delle Storie nazionali più ricche di elementi narrativi e spunti, eppure i nostri autori non scrivono di Storia. E sono sicuro che se un editore volesse mettere in piedi un albo bonellide da edicola e un autore proponesse una serie o miniserie di genere storico non verrebbe minimamente preso in considerazione perché “Un fumetto storico???? Ma sei pazzo????”, dimenticandosi che in Italia il fumetto bonellide in edicola NON pubblicato da Sergio Bonelli più venduto da anni è Dago Ristampa (dietro quel fenomeno unico e irripetibile di Rat-Man). Se Dago da anni vende complessivamente su Lancio Story e sui monografici decine di migliaia di copie ogni mese un motivo di sarà. O no?

È vero che esiste la storia d’Italia a fumetti, e anche il volume per i 150 anni dlel’Unità d’Italia pubblicato dalla casa editrice San Paolo, ma non bastano. Oltretutto… possibile che ancora non esista una narrazione a fumetti alternativa alla vulgata ufficiale sul Risorgimento? Possibile che nessun autore abbia raccontato la distruzione voluta, spietata e sistematica del Regno delle Due Sicilie e la sua economia da parte degli invasori Savoia? Perché in Italia, a differenza di quel che succede in Francia o in Giappone ad esempio, non si usa il fumetto come un modo come altri per raccontare e/o esplorare la storia del paese e della società? Perché i fumetti storici non vendono? Non è vero. Questo è uno dei tanti dogmi di fede che gli editori si cuciono nella testa e che poi è impossibile togliere.

Historica dimostra che i lettori non hanno paura del fumetto storico.

I lettori non comprano i fumetti BRUTTI, non comprano i fumetti dove non succede niente, non comprano i fumetti che sono solo un insieme di cliché.

Ma se gli dai la ciccia sono ben contenti di addentarla.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:806 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:673 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2537 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2653 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2222 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2669 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1883 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto