Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Diritto d’Autore: una riflessione sulla recente sentenza Eredi Kirby contro Marvel Comics

jack kirby editorialedi Alessandro Bottero

L’11 agosto scorso la corte di appello federale di New York ha deciso che i diritti sui fumetti creati da Jack Kirby tra il 1958 e il 1963per la Marvel Comics (e parliamo di Uomo Ragno, Fantastici Quattro, Hulk, Thor, X-Men, Vendicatori, Iron Man, ecc…) non torneranno ai suoi eredi ma rimarranno alla casa editrice. La cosa non è di poco conto, e forse, nel cinquantenario della creazione dei Vendicatori e degli X-Men, con prevedibili celebrazioni che si protrarranno da qui a fine anno in tutte le manifestazioni, è utile non lasciar cadere nel dimenticatoio questa notizia, ignorata da tutti i siti di informazione, o quantomeno non sufficientemente sottolineata.

Chiunque rifletta sulla cosa si rende conto benissimo dell’importanza di questa decisione non tanto nel campo dei fumetti, ma in quello dei film TRATTI dai fumetti e che usano esattamente questi personaggi. Il successo che i film tratti dai fumetti Marvel che utilizzano i personaggi creati o co-creati da Kirby è immenso. Uomo Ragno, Hulk, Iron Man, X Men, Vendicatori, Fantastici Quattro, sono una delle franchigie di maggior successo in questo momento. Sicuramente molto più dei film tratti dai fumetti della DC Comics. Perdere una parte dei diritti su questi personaggi avrebbe avuto come effetto immediato il costringere i proprietari della Marvel a trattare con la famiglia Kirby per

poter continuare ad usare questi personaggi nei vari kolossal. La Marvel ha già annunciato il film The Avengers: Age of Ultron per il 2015 e un film dedicato ad Ant-Man, ed ha fatto capire di avere un calendario di film in programma che arriva fino al 2021, con un prevedibilissimo Vendicatori contro X-Men come pezzo forte (non l’hanno detto, ma ci scommetto qualsiasi cosa).

Su cosa si basa la decisione della corte? Sul fatto che tutto quello che ha realizzato Kirby in quel p eriodo era un lavoro "for hire" ("a noleggio"), cosa che legalmente invalida le richieste della famiglia. Ti commissiono un lavoro, ti pago, e finisce lì. Stop. E poi io ci faccio quello che mi pare. Tu non sei l’autore. Al massimo sei un REALIZZATORE, ma i diritti sono miei. Non degli autori, ma dell’editore.

E veniamo a noi. Poniamo che io pubblichi un volume con le storie dei Fantastici Quattro. Ho violato un copyright? Ovvio. Ma nessuno mi dica che sto violando un diritto di autore, perché in questo caso il diritto d’autore, perversamente, non protegge L’AUTORE ma solo chi ha pubblicato quella storia. Se pagassi la Marvel per poter avere il diritto di pubblicare i Fantastici Quattro i soldi dati non andrebbero agli autori. Andrebbero SOLO ed ESCLUSIVAMENTE alla casa editrice, che poi decide lei se dare o meno delle royalties agli autori. Ma questa è una concessione della casa editrice, non un DIRITTO precedente ed inalienabile degli autori. Quindi non venitemi a dire il diritto d’autore, così come è applicato, protegge gli autori e serve a difenderli. Sono solo idiozie, dette da cui è, diciamo in buona fede, colluso con un sistema che degli autori se ne sbatte.

La famiglia di Jack Kirby ha perso, e sulla base della legge non poteva non perdere, perché ha voluto giocare su un tavolo truccato dove il banco (le multinazionali che pubblicano fumetti e producono film) vince sempre. Hanno perso come aveva perso Marv Wolfman prima di loro, e Steve Gerber, e Romano Scarpa. Hanno perso perché la legge esistente sul diritto d’autore e le dinamiche commerciali di produzione non sono strutturate per far vincere gli autori. E non sono strutturate nemmeno per far vincere i piccoli editori. Sono studiate a tavolino per far vincere i GROSSI gruppi editoriali e le multinazionali. Punto. E chiunque non lo veda o è miope, o è in mala fede.

L’unico modo in cui si può scardinare questo sistema è ABOLIRE il diritto d’autore così come è strutturato ora, e ammettere finalmente che chiunque può usare i contenuti. Se non esistesse un diritto d’autore, allora la famiglia di Kirby potrebbe dire andare da un produttore ALTERNATIVO alla Marvel e dire “Facciamo un film sui Vendicatori”. Così come potrei farlo io, e chiunque altro. E la Marvel avrebbe migliaia di concorrenti, e sarebbe spinta a dare il massimo perché la gente vada a vedere il suo film e non quello degli altri.

La cosa porterebbe vantaggi immediati alla famiglia Kirby? Probabilmente no, ma almeno avrebbero la soddisfazione di poter usare LIBERAMENTE e senza dover chiedere il permesso a nessuno quello che Jack Kirby aveva creato. Poi starà a loro darsi da fare per realizzare un buon prodotto, e se non saranno capaci è giusto che falliscano. Ma il principio per cui non devo elemosinare ad altri il permesso di utilizzare quello che Jack Kirby ha creato non ha prezzo.

E lo stesso vale per qualsiasi altro contenuto. La DC Comics fa un film su Superman? Perfetto. Ne ha il diritto, ma CHIUNQUE dovrebbe avere questo diritto, e dovrebbe essere la qualità del prodotto a far scegliere alle persone cosa andare a vedere.

Il diritto d’autore va abolito, e i contenuti devono essere a disposizione di chiunque, per dare a tutti la possibilità di impegnarsi a realizzare i prodotti migliori. Questo significa abolire le “posizioni di rendita” di autori e eredi? Esatto. Significa esattamente questo. Libera condivisione dei contenuti, e possibilità da parte di chiunque di utilizzarli per realizzare prodotti, senza dover pagare il permesso a nessuno. E non ditemi che in questo modo gli autori sarebbero penalizzati, perché lo sono già. L’attuale legge sul diritto dì’autore mantiene gli autori nella condizione di schiavi più o meno ben pagati. Eliminarlo non negherebbe ad un autore di impegnarsi per realizzare il suo prodotto nel modo migliore. Darebbe solo a tutti la possibilità di usare gli stessi contenuti per realizzarne un altro migliore. Sarà il pubblico a decidere. Io posso anche aver ideato un personaggio o una storia eccellente, ma se dopo la prima storia riesco a realizzare solo schifezze allora è giusto che altri prendano il mio personaggio, la mia idea e tentino di fare di meglio. Facciamo un esempio: Berardi e Milazzo hanno smesso di realizzare storie di Ken Parker lasciandolo in prigione, senza dare una vera risoluzione alla storia del personaggio . Trovate corretto che non sia possibile per nessuno provare a realizzare un’altra storia che ponga fine a questo impasse, solo perché gli autori negano il diritto? Io no. In un mondo ideale tutti dovrebbero avere il diritto di provare a realizzare una storia che porti avanti la saga di Ken Parker, senza dover pagare per questo permesso, perché non è GIUSTO bloccare tutto dicendo “il personaggio è mio e io decido cosa fare.” Non è giusto. Può essere legale, ma non sempre quello che è legale è anche giusto.

La famiglia di Kirby ha perso perché ha giocato su un tavolo dove non poteva vincere. L’unica soluzione è far saltare il tavolo, e dare vita a un nuovo modo di concepire la cosa, dove il principio base sia la libera condivisione di TUTTI i contenuti senza dover pagare permessi a nessuno.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:541 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:730 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:798 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:928 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:956 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:498 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3818 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto