Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Clamoroso: Topolino chiude! In Grecia…

topolino grecia editorialedi Alessandro Bottero

Gli editori di fumetti italiani da edicole hanno scritte nella mente una serie di regole ferree che ritengono dogmi di fede. Quali? Eccone qualcuna: in Italia i personaggi negri non vendono; i fumetti con una protagonista femminile non vendono; i fumetti che hanno come protagonisti un gruppo non vendono; i lettori non vogliono spiegazioni, vogliono solo leggere le storie; a gennaio si vende meno; e la più incrollabile di tutte è NEI MOMENTI DI CRISI LA GENTE HA BISOGNO DI SVAGARSI, quindi il fumetto resiste alla crisi perché fa svagare la gente.

Perfetto. È arrivato il momento, dopo quasi ventitre anni di lavoro in questo campo di dire con forza che questi sono pregiudizi, al massimo opinioni, e che ritenerli dogmi di fede editoriale è una idiozia. Anche se a dirli fosse il Signor Editore di Successo in persona. Ma perché questo incipit così veemente? Perché mentre qui ci si accapiglia e si litiga per 3 o 4.000 copie vendute, e ancora si sopravvive e non ci si rende conto che la festa è finita e la crisi c’è e che chi dice il contrario dice idiozie, dall’altra parte del mare, in quel paese che sta servendo da immenso laboratorio sociale per quello che presumibilmente ci aspetta nel futuro prossimo, ossia una elite di ultra ricchi e terremoti sociali che devasteranno tutte le conquiste realizzate nel XX secolo, sulla base dei diktat del mercato, succede una cosetta che fa riflette. Sto parlando della Grecia, la prima vittima delle politiche di rigore e di distruzione dello stato sociale operate da chi comanda veramente (non certo la Merkel o Monti, al massimo utili idioti che ci mettono la faccia).

In Grecia, notizia del 3 settembre 2013, dopo 48 anni chiude Topolino. Esatto. Il fumetto simbolo dell’intrattenimento per famiglie, quello che non da fastidio a nessuno perché non vuole dare fastidio, quello che ha il brand Disney alle spalle, quello che è commerciale, quello che in teoria è l’espressione più perfetta dell’intrattenimento a basso costo per le masse, chiude. Non ce la fa più. Si arrende. Non ci sono più i soldi. E perché non ci sono? Perché le PERSONE non hanno più i soldi per comprarlo. Perché quando arrivi al punto di non avere più i soldi per pagare l’affitto, il mutuo, per comprare da mangiare, allora dell’intrattenimento te ne freghi. E non stiamo parlando di un fumetto sperimentale, o di un tentativo per attirare nuovi lettori. Parliamo di Topolino, mica pizza e fichi. Parliamo di una presenza nelle edicole che durava da 48 anni. Ossia più del 90% dei fumetti che attualmente sono pubblicati in Italia. Allora, carini miei che vi ostinate a dire “Non è vero che c’è la crisi. Va tutto bene!” piantatela ed uscite dalla vostre torre di avorio della supervisione/gestione/lavoro fisso presso editori che ancora resistono. Ammettete che le vendite sono in calo. Accorgetevi anche voi che i problemi ci sono, e che la cultura, anche quella a fumetti, sta diventando sempre più residuale, sempre più un lusso in una situazione in cui il potere di acquisto delle famiglie e dei singoli è diminuito terribilmente negli ultimi due anni. Cari supervisori, editori, direttori, curatori di serie e collane, ma lo sapete quanto è aumentata la spesa per la roba da mangiare di una famiglia dal 2012? Lo sapete quanto sono aumentate le spese per mantenere un figlio o una figlia adolescente? Lo sapete quando costa un litro di latte o un etto di prosciutto cotto al supermercato? Io credo proprio di no,e magari mi sbaglio e vi sottovaluto, ma non credo.

La crisi c’è. Topolino chiude in Grecia, e se la Disney se ne sbarazza qui da noi, appaltandolo in esterno forse le cose non sono tutte rose e fiori.

Ho soluzioni? Ho risposte che diano luce e speranza? No. Ma so una cosa: se un problema c’è, e questo problema C’E’, il primo passo per iniziare ad incamminarsi verso la soluzione è riconoscerlo. Finché lo neghi non solo non risolverai mai nulla, ma ingannarei chi, in buona fede, si fida di te.

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:338 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2145 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2251 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1355 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2284 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1561 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1896 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto