Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Clamoroso: Topolino chiude! In Grecia…

topolino grecia editorialedi Alessandro Bottero

Gli editori di fumetti italiani da edicole hanno scritte nella mente una serie di regole ferree che ritengono dogmi di fede. Quali? Eccone qualcuna: in Italia i personaggi negri non vendono; i fumetti con una protagonista femminile non vendono; i fumetti che hanno come protagonisti un gruppo non vendono; i lettori non vogliono spiegazioni, vogliono solo leggere le storie; a gennaio si vende meno; e la più incrollabile di tutte è NEI MOMENTI DI CRISI LA GENTE HA BISOGNO DI SVAGARSI, quindi il fumetto resiste alla crisi perché fa svagare la gente.

Perfetto. È arrivato il momento, dopo quasi ventitre anni di lavoro in questo campo di dire con forza che questi sono pregiudizi, al massimo opinioni, e che ritenerli dogmi di fede editoriale è una idiozia. Anche se a dirli fosse il Signor Editore di Successo in persona. Ma perché questo incipit così veemente? Perché mentre qui ci si accapiglia e si litiga per 3 o 4.000 copie vendute, e ancora si sopravvive e non ci si rende conto che la festa è finita e la crisi c’è e che chi dice il contrario dice idiozie, dall’altra parte del mare, in quel paese che sta servendo da immenso laboratorio sociale per quello che presumibilmente ci aspetta nel futuro prossimo, ossia una elite di ultra ricchi e terremoti sociali che devasteranno tutte le conquiste realizzate nel XX secolo, sulla base dei diktat del mercato, succede una cosetta che fa riflette. Sto parlando della Grecia, la prima vittima delle politiche di rigore e di distruzione dello stato sociale operate da chi comanda veramente (non certo la Merkel o Monti, al massimo utili idioti che ci mettono la faccia).

In Grecia, notizia del 3 settembre 2013, dopo 48 anni chiude Topolino. Esatto. Il fumetto simbolo dell’intrattenimento per famiglie, quello che non da fastidio a nessuno perché non vuole dare fastidio, quello che ha il brand Disney alle spalle, quello che è commerciale, quello che in teoria è l’espressione più perfetta dell’intrattenimento a basso costo per le masse, chiude. Non ce la fa più. Si arrende. Non ci sono più i soldi. E perché non ci sono? Perché le PERSONE non hanno più i soldi per comprarlo. Perché quando arrivi al punto di non avere più i soldi per pagare l’affitto, il mutuo, per comprare da mangiare, allora dell’intrattenimento te ne freghi. E non stiamo parlando di un fumetto sperimentale, o di un tentativo per attirare nuovi lettori. Parliamo di Topolino, mica pizza e fichi. Parliamo di una presenza nelle edicole che durava da 48 anni. Ossia più del 90% dei fumetti che attualmente sono pubblicati in Italia. Allora, carini miei che vi ostinate a dire “Non è vero che c’è la crisi. Va tutto bene!” piantatela ed uscite dalla vostre torre di avorio della supervisione/gestione/lavoro fisso presso editori che ancora resistono. Ammettete che le vendite sono in calo. Accorgetevi anche voi che i problemi ci sono, e che la cultura, anche quella a fumetti, sta diventando sempre più residuale, sempre più un lusso in una situazione in cui il potere di acquisto delle famiglie e dei singoli è diminuito terribilmente negli ultimi due anni. Cari supervisori, editori, direttori, curatori di serie e collane, ma lo sapete quanto è aumentata la spesa per la roba da mangiare di una famiglia dal 2012? Lo sapete quanto sono aumentate le spese per mantenere un figlio o una figlia adolescente? Lo sapete quando costa un litro di latte o un etto di prosciutto cotto al supermercato? Io credo proprio di no,e magari mi sbaglio e vi sottovaluto, ma non credo.

La crisi c’è. Topolino chiude in Grecia, e se la Disney se ne sbarazza qui da noi, appaltandolo in esterno forse le cose non sono tutte rose e fiori.

Ho soluzioni? Ho risposte che diano luce e speranza? No. Ma so una cosa: se un problema c’è, e questo problema C’E’, il primo passo per iniziare ad incamminarsi verso la soluzione è riconoscerlo. Finché lo neghi non solo non risolverai mai nulla, ma ingannarei chi, in buona fede, si fida di te.

Magazine

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:194 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:345 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:558 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:220 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3600 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3441 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:13036 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto