Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Perché il diritto d’autore va abolito

copyright editorialedi Alessandro Bottero

Chi mi segue sa che da anni porto avanti una riflessione sul diritto d’autore radicalmente diversa da quella che viene proposta da associazioni, autori, sindacati e altre realtà. Per me il diritto d’autore va radicalmente ripensato alla radice e se possibile abolito. La conoscenza è ricchezza comune e non può essere ingabbiata da motivazioni economiche o di mercato. Vogliamo dire che bisogna mantenere una esclusiva di sfruttamento economico? Ok. Massimo dieci anni. poi basta. E non ha alcun senso che gli eredi di un autore possano accampare diritti sulle opere. Sarebbe come se uno che NON ha seminato, arato e curato un campo dicesse “i frutti e le verdure di questo campo sono miei”. Se NON hai fatto nulla, ma sei solo un parente non c’è alcun motivo legale e morale per cui tu goda di alcun diritto.

Se vi sono sembrato semplicistico è perché la questione è semplice. E si può risolvere con risposte semplici, a prescindere da cosa dicano sindacati, associazioni, SIAE, e corrispettivi negli altri paesi. Ricordiamoci che una fesseria ripetuta milioni di volte da milioni di persone non diventa per questo una verità. Resta una fesseria ripetuta milioni di volte da milioni di persone. Quindi non mi interessa se tutte le brave persone rispettose delle legge e dei diritti degli autori dicono cose diverse dalle mie. Se dicono cose prive di senso logico ed etico ho tutto il diritto di oppormi e dire Aboliamo il diritto dì’autore.

Cosa succederebbe se si abolisse il diritto d’autore e la conoscenza diventasse di pubblico dominio? Crollerebbe la struttura della civiltà occidentale come la conosciamo oggi? Il velo del tempo si squarcerebbe e i morti tornerebbero in vita? Credo proprio di no. Semplicemente si metterebbero a disposizione idee e concetti così che la libera creatività dell’autore si posa esprimere, e se uno è bravo e scrive una bella storia allora io lettore preferirò la sua. E l’editore intelligente non ruberà le idee a uno scrittore capace, ma se è intelligente, PAGHERA’ lo scrittore capace perché lavori per lui. La distorsione del diritto d’autore inteso come esclusione da chiunque altro dall’opera, ha ingenerato nella mentalità degli autori il terrore che qualcuno mi rubi l’idea. Signori, sveglia! Non faccio alcun discorso di etica, di morale, di rispetto dell’autore. Parlo a livello terra terra di impiego di energie e di tempo impiegato nella produzione. È più faticoso e richiede più tempo rubare idee ad altri, tentando di usare idee altrui, che non coinvolgere gli autori che hanno inventato il personaggio X e quindi lo sanno usare/gestire/ scrivere.

Fintanto che il creatore di Bot-Man sarà in grado di essere il più bravo e il più efficace a scrivere storie di Bot-Man nessuna casa editrice seria gli ruberà le idee o il personaggio, perché è più semplice far lavorare sul personaggio chi il personaggio lo conosce.

Se però esiste una persona che è più brava di me, autore di Bot-Man, capace di scrivere storie più belle e migliori di quelle che potrei scrivere io, perché dovrei impedirgli di farlo, solo perché “il personaggio è mio, e lo scrivo solo io”? Il personaggio l’ho inventato io, ma se NON LO SO SCRIVERE, o se ALTRI LO SANNO SCRIVERE MEGLIO, allora è giusto che lo scrivano loro.

Perché la meritocrazia qui non dovrebbe essere applicata? La invochiamo su tutto, sul lavoro, a scuola, nel mondo del fumetto, e stigmatizziamo le persone fisse e immutabili che vivono di rendita, e invece ci va bene quando il diritto d’autore viene tramutato in RENDITA statica e che blocca la creatività altrui?

Voi mi direte “ma così ai poveri autori vengono sottratte le loro idee!”. Non è vero. Nessuno sottrae niente a nessuno. Che io possa scrivere una storia dell’Uomo Ragno mica significa che la Marvel non possa farla scrivere a chi vuole lei. Significa solo che il lettore SCEGLIERA’ quale storia privilegiare: la mia, o quella della Marvel. Se quella della Marvel è MIGLIORE della mia tanto di cappello. Se quella che scrivo io è MIGLIORE, allora verrà scelta la mia. Ma io non ho RUBATO nulla a nessuno. Saremmo nel campo del “furto” se io NON avessi creato l’Uomo Ragno e dicessi “Solo io scriverò le storie dell’Uomo Ragno, e nessun altro”. Impedire ad altri di scrivere storie su un personaggio è il vero furto, perché sottrae alla comunità un diritto, il diritto alla condivisione dei contenuti e all’espressione delle capacità narrative del singolo.

Sto incitando al plagio e alla pirateria? Ma certo che no. Io sono un bravo bambino rispettoso delle leggi e mai mi sognerei di far incazzare la Marvel o la Panini Comics scrivendo storie dell’Uomo Ragno.

Ma se qualcuno lo facesse non credo mi sentirei triste per loro.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:541 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:730 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:799 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:929 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:956 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:498 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3818 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto