Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Kick-Ass 2: forse non avevamo torto…

di Alessandro Bottero

Vi ricordate quando mesi fa dissi (QUI) che Kick-Ass 2 a mio avviso era un fumetto concettualmente sbagliato, perché si beava di una violenza volutamente eccessiva (rileggendolo per vedere se sbagliavo sono arrivato alla conclusione che non sbagliavo, e che in realtà qui siamo di fronte a un uso meramente commerciale e pornografico della violenza)? All’epoca mi beccai le critiche dei critici raffinati perché non avrei capito che era una raffinata raffigurazione della violenza reale, una sublimazione. O per dirla più banalmente “Botté, quelli sono pupazzi disegnati. Non bambini veri!”

kickassvo2pag9l

Ok. Adesso Jim Carrey, che recita nel film tratto da Kick Ass 2 ha detto su twitter quanto segue: "L'ho girato a un mese dalla strage di Sandy Hook e ora in tutta coscienza non posso sopportare quel livello di violenza - ha scritto - i recenti eventi hanno provocato un cambiamento nel mio cuore".

Anche Carrey è uno che non capisce che quelli sono solo bambini disegnati? Carrey non capisce che quello che ha fatto è un film e non è la vota vera? Anche Carrey è uno che non capisce niente?

Non credo. Credo che il punto sia che se da un lato ovviamente (lo ripeto perché è sempre meglio essere espliciti) vi è la massima libertà dell’artista, dall’altro l’artista non vive in un vuoto pneumatico e chiedersi quale sia il perché o il senso dell’opera che sta realizzando non sia poi del tutto sbagliato.

È ovvio che è sbagliato stabilire un legame diretto di causa ed effetto tra cinema, fumetti, serie TV o altro e risultati sulla società, ma un legame INDIRETTO tra opere e costruzione di un humus di contenuti che pervadono la società in cui appare l’opera X non è possibile negarlo. Se l’arte o l’intrattenimento non avessero il MINIMO effetto/influenza sulla società in cui appaiono, allora l’arte perderebbe tutto il suo senso, e si limiterebbe ad espressione nemmeno privata, ma puramente individuale ed inaccessibile ad altri.

Scusate tanto ma se è lecito far vedere dei bambini massacrati da una sventagliata di mitra, allora perché non è lecito anche far vedere in un fumetto persone che evadono le tasse, o che non rilasciano la ricevuta fiscale, o altri comportamenti chela società stigmatizza e che vivono benissimo lo stesso? Ossia, per chiarire, se diciamo che è lecito mostrare l’efferatezza della violenza, anche in assenza di una sanzione per la perpetra, perché non è lecito mostrare chi va contro i comportamenti socialmente stigmatizzati e la fa franca? Perché Tex non può più fumare? Perché non ci sono personaggi dei fumetti che fumano al ristorante fregandosene delle leggi? Perché non ci sono personaggi che dicono “voglio essere pagato in nero perché non voglio pagare le tasse”?

Perché? Perché in questo caso non vogliamo che il fumetto dia un’immagine positiva di atteggiamenti che la società stigmatizza e che danno fastidio anche a noi.

Invece con Kick-Ass 2 sventagliare di pallottole dei bambini era artistico.

Ora Carrey dice di aver cambiato idea, e si becca la replica piccata di Millar che dice che tutte le sequenze che vedremo sul grande schermo erano già nella sceneggiatura, letta e approvata da Carrey 18 mesi fa.

E allora? Non si può cambiare idea e non condividere più quello che si è fatto?

Magazine

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:194 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:345 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:558 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:221 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3600 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3441 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:13036 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto