Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Etna Comics 2013: il ReBottage

etnacomics2013 editoriale02di Alessandro Bottero

In Italia ci sono tante manifestazioni a fumetti. Tante, forse troppe. Alcune hanno una loto identità precisa. La Regina, la Commerciale, la Sedicente Artistica, la Antiquaria, la Popolare (ognuno abbini il nome alla manifestazione che ritiene più azzeccata). Poi c’è Etna Comics, che a mio modesto modo di vedere, modo di vedere formatosi in ventidue anni di presenza a tutte le manifestazioni svoltesi in Italia dal 1991 ad oggi (ok, magari me ne sono sfuggite tre o quattro…) è oggi, nel 2013, in QUESTA situazione di mercato e di realtà effettiva del mondo del fumetto, se non la migliore in assoluto una delle prime tre in Italia. Per me è la migliore, ma per amore di par condicio diciamo che è alla pari con altre che esistono da decenni (Etna Comics solo da tre anni).

Lo dico per farmi trattare bene dall’organizzazione? Perché mi pagano? Perché le altre mi stanno antipatiche? No. Lo dico perché dati alla mano è vero. Come valuto una manifestazione? La valuto sotto una serie di elementi:

- aspetto commerciale (ossia la quantità di proposte/novità offerte all’acquisto dei frequentatori, e il risultato di incasso del singolo standista);

- aspetto culturale (numero e promozione delle mostre; numero e spessore culturale delle conferenze/workshop; presenza di un CATALOGO; risposta del pubblico alle proposte culturali);

- aspetto organizzativo (efficienza dei servizi; velocità di risposta alla richiesta di intervento da parte degli standisti; cura ed attenzione dell’organizzazione verso gli ospiti; coordinamento e competenza nel proprio campo di ogni singolo membro dell’organizzazione);

- aspetto popolare (affluenza dei visitatori e varietà delle tipologie di pubblico (dal collezionista duro e puro al ragazzino appena affacciatosi sul fumetto);

- aspetto didattico (presenza di scuole di fumetto come standisti/organizzazione e momenti di didattica all’interno del programma);

- aspetto servizi (bagni e bar per la sopravvivenza quotidiana degli espositori)

Ora, fatto salvo che l’ultimo punto è quello dove il 99% delle manifestazioni frana, perché il servizio di pulizia all’interno dei complessi dipende da appalti esterni a chi organizza la singola manifestazione, e che anche il servizio di ristorazione presente all’interno delle strutture non dipende da chi organizza le manifestazioni, e detto che sotto questo punto di vista Etna comics ha delle pecche come le hanno tutte le manifestazioni (bisognerebbe pulire più spesso i bagni e cercare di stabilire degli accordi con il punto bar per dei bonus per gli espositori), e che quindi per l’u,timo punto siamo alla pari con Lucca, Roma, Torino, Milano, Napoli eccetra eccetra, per quel che riguarda gli altri punti, esaminandoli tutti, e incrociando i vari aspetti, la valutazione complessiva di Etna Comics è altissima.

Ci possono essere meno novità presenti, perché ci sono meno espositori presenti che a Lucca o Napoli, ma ce ne sono molte di più rispetto a Roma, Milano o Torino.

A livello di mostre possono essere meno che a Lucca, ma sicuramente più che Roma, e alla pari con Napoli, e soprattutto erano disponibili i CATALOGHI per la mostra di Sergio Toppi e Sergio Cavallerin, mentre a Lucca sono anni che di cataloghi nemmeno l’ombra.

L’attenzione per gli ospiti supera alla grande qualsiasi cosa possano fare sia Lucca che Napoli che le altre manifestazioni, visto che tutti i giorni (TUTTI i giorni) agli ospiti viene offerto il pranzo, e tutte le sere (TUTTE) viene offerta la cena, ossia c’è un’attenzione COSTANTE per tutta la durata della manifestazione, e non una sera su tre o quattro. Mi potreste dire “Bella forza. Altre manifestazioni hanno più ospiti”. E io dico “Bella forza, ma ALTRE manifestazioni hanno MOLTI più fondi a disposizione, alcune addirittura fondi pubblici, se non sbaglio circa 200.000 euro per promuovere il turismo o ricordo male?” Massimo rispetto e sostegno assoluto a chi si fa (scusate il francesismo) un MAZZO TANTO con molti meno soldi a disposizione.

L’afflusso di pubblico quest’anno è stato superiore all’anno passato, superando di molto i 40.000 spettatori, cifra che per una manifestazione nata nel 2011 è un traguardo incredibile.

La realtà dei fatti è che Etna Comics è riuscita a proporsi come polo aggregativo di tutta un’area (Sicilia in massima parte e Sud Italia limitrofo per una parte significativa ma residuale) che di solito non partecipa alle altre manifestazioni nel corso dell’anno. È all’80% un pubblico stanziale, intendendo stanziale = siciliano. Quindi è un pubblico che gli editori non incrociano nel corso degli altri eventi, e quindi chi come la Panini Comics si è chiamata fuori per motivi abbastanza incomprensibili (e non dico altro) ha sbagliato alla grande. Sia sotto il profilo COMMERCIALE di vendita ed incasso , sia sotto il profilo EDITORIALE di promozione dei propri prodotti. Ma ognuno fa la sue scelte, e poi accetta la conseguenze.

Personalmente le cose che mi colpiscono sono sempre due:

- a livello di persona che cerca di lavorare in questo campo anche per promuovere e diffondere contenuti, l’elemento che trovo molto presente ad Etna Comics è il piacere e la voglia dei frequentatori di ascoltare e partecipare ai momenti culturali, siano essi workshop o conferenze. Rispetto a manifestazioni dove alle conferenze o ai laboratori partecipano in due o tre sparuti lettori, vedere le varie sale sempre ricche di presenze, e presenze vive e vivaci, fa piacere.

- a livello di persona che ama avere dei rapporti umani positivi ed arricchenti con chi organizza un evento a cui partecipo l’intensità ed il calore di Etna Comics rimane insuperabile. Antonio, Alessio, Antonio, Monia, Sergio, Dario, Pippo, e tutti gli altri nessuno escluso, sono persone di una cortesia, un garbo e una professionalità che fa bene al cuore.

Chiudo salutando i vecchi amici con cui sono stato, come sempre, bene: Marco, Carmelo, Padre Stefano Marcello, Fabrizio Gianni, Luciano, Luca, Emilio,Dino, Pasquale, Emanuele, Antonio, Luca, Andrea, Ilaria, Gian Marco, Pino, Gualtiero e due che ho conosciuto a questa edizione e che hanno arricchito l’esperienza: Paolo Cossi, ottimo disegnatore e ottima persona, e Giovanna Casotto, che è una autrice completa e che dovrebbe prendere più consapevolezza del proprio valore.

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:541 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:730 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:799 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:929 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:956 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:498 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3818 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto