Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Roberto Recchioni nuovo supervisore di Dylan Dog: auguri e buona fortuna

bonelli-editorialedi Alessandro Bottero

Avrei potuto scrivere l’ennesimo editoriale vibrante e accalorato, sulla scia della notizia che Roberto Recchioni è diventato il supervisore di Dylan Dog. Ma che c’è da dire? Recchioni ha avuto questo poto (a mio parere) perché si è giocato bene le sue carte con Multiplayer e ha fatto incontrare Multiplayer.it e Sergio Bonelli Editore. La cosa ha fatto sì che Bonelli ottenesse una visibilità e incassi che in momenti di crisi come questi sono un miracolo e tutto qui. Recchioni ha giocato bene le sue carte, e adesso è arrivato ad uno dei posti più potenti nel mondo del fumetto italiano. Tanto di cappello, ma non mi si venga a dire che ci sono altri motivi. Fare il supervisore in casa Bonelli è una cosa molto diversa dal farla per la Star Comics o per l’Aurea. Auto-supervisionarsi su John Doe o su Detective Dante, è ben diverso dal dover valutare, seguire, coordinare il lavoro altrui. Il bravo supervisore è quello di cui non si nota la presenza. Ossia quello che annulla la propria personalità e fa sì che l’autore esprima il massimo delle sue potenzialità, entro confini stabiliti non dal supervisore ma dall’editore. Una Rockstar non può essere un supervisore. Ma staremo a vedere.

Io penso piuttosto a Giovanni Gualdoni, che di punto in bianco si è ritrovato senza il lavoro a cui si era dedicato con passione e pazienza da anni e anni. Diciamo le cose come stanno: Gualdoni paga per tutti il calo di vendite di Dylan Dog, che in cinque anni ha perso 50.000 lettori. Prima la linea Maginot era a 200.000 lettori. Ora siamo calati sotto i 150.000. Di chi è la colpa? Del supervirose o della casa editrice che stabilisce i paletti entro cui agire? Quando devi produrre 12 albi mensili, un gigante, uno speciale, un almanacco, un paio di color fest, un paio di maxi, arriviamo almeno a 24 storie all’anno. Una iperproduzione che fatalmente porta con sé il calo qualitativo. Soprattutto se a scrivere sono sempre gli stessi. Se poi pensiamo che l’innovazione sia far usare il cellulare a Dylan Dog allora stiamo freschi. Altro che 148.000. Andrà bene se nel 2015 non saremo scesi sotto le 100.000 copie al mese. Gualdoni non è colpevole, se non di aver cercato di seguire fedelmente il modello di produzione che gli si era chiesto. Servono 24 storie all’anno, perché il mercato è vorace, e dobbiamo mantenere il fatturato. Tu producile e stai molto attento: se le vendite calano sei il primo a pagare. Il mercato è in calo, la crisi c’è, e i numeri sono quelli che sono.

Ovvio che uno che riesce a muovere le sue carte e a portare nella Bonelli il portale di videogiochi più forte in Italia, con una capacità di comunicazione e di visibilità del prodotto tale da non avere rivali va premiato, non credete? Ma il premio può velocemente diventare una maledizione, perché il lettore normale, quello che non legge i forum, che non segue la pagina facebuch di tizio o caio, di chi sia il supervisore di Dylan Dog se ne frega. Se non gli piacciono le storie smette di comprarlo, come hanno fatto in 50.000 negli ultimi anni. E non l’hanno fatto perchè ce l’avevano con Gualdoni. L’hanno fatto perché le storie erano sciape, piatte, e nessun autore (NESSUN AUTORE, e ci siamo capiti) di questi ultimi anni è riuscito a invertire la tendenza. Forse non sono nemmeno le storie. Forse è il personaggio. Forse o lo si stravolge alla radice, tentando il tutto per tutto, come fece Walt Simonson su Thor, o forse il destino è un’aurea mediocrità a prescindere da supervisori Rockstar, o joint venture con Multiplayer. Si parte da 148.000. Sale o scende?

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:459 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2300 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2420 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1486 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2433 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1667 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2045 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto