Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » La primavera di Romics

romics primavera2013di Alessandro Bottero

La novità del 2013 è stata che Romics ha raddoppiato le edizioni, aggiungendo una edizione primaverile a quella ormai consolidata autunnale. La cosa probabilmente (non ho i dati ufficiali delle presenze, ma solo una stima personale essendo stato presente giovedì, venerdì e sabato della manifestazione) porta la realtà Romics al primo posto come biglietti venduti nella classifica delle mostre mercato, dato che tra autunno e primavera ritengo si siano superate agevolmente le 150.000 presenze, quindi più di Lucca, e tre volte quello che dichiara Napoli Comicon. Certo, il punto è che questo numero lo si fa in due tranche, ma il dato resta.

Se però ci allontaniamo dal puro dato numerico gli elementi di riflessione sono molti, e richiedono, secondo me, risposte coraggiose.

Prima cosa: quanti editori di fumetti erano presenti a Romics primavera 2013? Tre, ossia Tunué, J-Pop/Edizioni BD, e Teche. Non possiamo considerare Alastor un editore. Alastor è un distributore, che in ASSENZA degli editori che rappresenta, porta il loro materiale alle manifestazioni. Ma è solo un discorso commerciale. E non conta nemmeno che Alessio Danesi , direttore editoriale della RW-Lion fosse presente sabato allo stand Alastor. Gli editori vanno considerati presenti se c’è il loro stand. Quindi RW-Lion, Salda Press, BAO!, Iacobelli, Bottero Edizioni, e altri presenti sui bancini di alastor non erano presenti come editori. Io NON ero presente come editore. C’era il mio materiale. E la cosa è diversa.

Tre editori a fumetti quindi (e uno, Teche, è più attivo nelle piccole produzioni, che in quelle di più grande diffusione), e un editore di libri, Elara, che aveva libri di fantascienza. Quattro realtà editoriali pure, e basta.

La cosa, che se vogliamo già da sola dovrebbe far riflettere, diventa ancora più paradossale se si considera che invece gli stand alimentari , ossia che vendevano SOLO generi alimentari erano almeno il doppio, se non di più. Porchetta, Ramen, cornetti e cannoli, Arancini, caramelle. A Romics, manifestazione ufficialmente dedicata ai fumetti, la presenza delle case editrici di fumetti era inferiore a quella degli stand gastronomici. Credete mi faccia piacere notarlo? No, ma è la realtà dei fatti, e sarei vigliacco e ipocrita a passare questo fatto sotto silenzio.

Ma procediamo. C’erano tre stand che vendevano katane e articoli da regali stile coltelleria. C’erano poi negozi (sia reali, sia virtuali ossia che vivono solo su e-bay), e poi qualche superstite di quel vasto mondo amatoriale di oggettistica autoprodotta legata al manga. Un paio di stand legati al gioco, e poi basta.

È un dato di fatto anche che il numero di stand era inferiore al passato. Il padiglione 7, quello dove si trovavano gli stand aveva ampi spazi vuoti, e i corridoi tra gli stand erano ampi, molto ampi.

Eppure, malgrado tutto questo il pubblico viene. E i biglietti si staccano, e quindi gli incassi ci sono. È forse arrivato il momento di prendere atto che gli editori sono diventati un elemento RESIDUALE in una manifestazione strutturata così? Non per scelta dell’organizzazione, badate bene, ma per una naturale dinamica della piazza romana, per cui il mio (detto in senso generico) andare a Romics prescinde dalla presenza degli editori.

D’altronde non può essere un caso se progressivamente gli editori hanno lasciato. Non può essere un caso se Panini/Pan distribuzione e StarShop/Star Comics per la prima volta da anni non erano presenti. Forse è anche una questione di costi, e di incassi. Ma non incassi della manifestazione, che incassa tranquillamente da biglietti e vendita stand. Parlo degli incassi degli espositori, ossia quelli che derivano dalle vendite. Non parliamo di Panini o Star Comics, perché possono esserci motivi imponderabili, ma pensiamo un attimo ai due distributori PanDistribuzione e StarShop. La loro presenza alle manifestazioni risponde solo ed esclusivamente a motivi di logica commerciale. Andare alla manifestazione X mi costa tot soldi, e io ci vado se quando è finita ho incassato tot soldi X tre o quattro volte. Altrimenti non mi conviene e non ci vado. Nessun discorso di antipatia, di rancori, o altre cose umorali. Puro e semplice calcolo tra costi e ricavi. In quest’ottica l’assenza di PanDistribuzione e Star Shop non è un buon segnale sugli incassi degli espositori a Romics. È vero che gli animali di grandi dimensioni sono i primi a soffrire per le carestie e che quelli più piccoli e agili riescono a sopravvivere più a lungo, ma se l’erba si secca prima muoiono gli elefanti e poi anche i criceti. E credo che ci siamo capiti.

Che altro dire? È indubbio che gli zombie e Walking Dead erano il trend vincente (A proposito. Complimenti alla Salda Press, in una situazione di apocalisse nelle edicole Walking Dead è l’unico prodotto non bonelli che vende stabilmente 10.000 copie a numero da cinque mesi…). Proiezioni a go-go delle puntate della serie TV, e orde di zombie che vagavano per i padiglioni. Addirittura un finto assalto zombie, inscenato per ravvivare un pomeriggio, tipo flashmob zombesco. Ma a parte Walking Dead? Sì, certo…l’incontro con i Romics d’oro. Sì, certo…qualche conferenza (e quella con Andrea Cascioli è andata bene, grazie a tutti quelli che hanno partecipato), ma poi? Mostre? Cataloghi?

Devo riconoscere che prima di Romics lo sforzo di promozione è stato notevole. Non si può accusare l’organizzazione di non aver curato questo aspetto. Ma credo che sotto il profilo culturale (che non vuol dire pallosità o leziosità accademica) si può ancora fare molto.

Credo anche che si dovrebbe fare un passo in più, e considerare il cosplay non più solo come un elemento folkloristico che attrae persone e quindi più ce ne sono meglio è, ma come un quarto elemento artistico accanto a FUMETTI, ANIMAZIONE, e GIOCHI. Come? Organizzando incontri ed eventualmente micro-corsi per cosplayer, e mille alte cose che si possono fare.

La mia impressione è che il futuro di Romics, la sua personalità non passi (solo ed esclusivamente) per il fumetto. Se il programma per il futuro si deve basare su un’analisi del presente, il presente dice che l’elemento maggioritario e più ricco di fermenti vitali a Romics è il Cosplay. Forse è arrivato il momento di dare vita alla prima grande manifestazione nazionale dedicata a questo fenomeno, invece di considerarlo un elemento accessorio.

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:459 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2298 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2420 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1485 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2433 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1667 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2045 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto