Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Giornata della Memoria: perché leggere fumetti non significa essere smemorati

maus giornodellamemoriadi Alessandro Bottero

È da qualche anno che per legge dello Stato il 27 gennaio è la Giornata della Memoria, ossia quella giornata in cui le istituzioni dovrebbero aiutare i cittadini a ricordare cosa è successo nel corso della II Guerra Mondiale. Che cosa? Semplice: lo sterminio degli ebrei da parte dei Nazisti. Il 27 gennaio è un giorno in cui aiutare le persone a non scordare questo fatto.

Primo perché questo fatto è successo, malgrado qualche imbecille si ostini a dire che non è vero, visto che ci sono prove, testimonianze e fatti incontestabili della volontà precisa del partito Nazista di sterminare gli ebrei solo perché ebrei e per nessun altro motivo, e della messa in atto di tale volontà mediante azioni concrete, vedi campi di sterminio, vedi torture sistematiche, vedi deumanizzazione dell’ebreo etichettandolo come animale e così via.

Secondo perché la memoria è cosa labile e fuggevole, e se non la esercita sempre e costantemente si corre il rischio di scordare le cose. E come diceva qualcuno più bravo di me “Chi non ricorda la storia è condannato a ripeterla.”. Se non ricordiamo precisamente e con esattezza cosa successe in quegli anni, allora tra poco ci ritroveremo ideologie derivate dal nazismo che useranno lo stesso metodo: in situazioni di inquietudine e turbolenze sociali individuare un capro espiatorio e gettare su di lui la colpa di tutto. Cosa sta succedendo in Grecia con il partito dell’Alba Dorata? Esattamente questo. I neonazisti rialzano la testa.

Terzo perché esercitare la memoria è l’unico modo per rafforzarla e renderla capace di riconoscere il male anche in altri campi. Sì, perché il male esiste. Non è solo una costruzione psicologica. Non è solo colpa della società. Ci sono ideologie, azioni sociali, comportamenti che sono male e non ci sono scusanti dialogiche che tengano. Di fronte a un membro delle SS che tortura una bimba ebrea vi voglio vedere a fare un dibattito sociologico sul fatto che da piccolo non era amato dai genitori. Bisogna prendere una spranga, spaccagli la testa, e fargli smettere di torturare la bambina. POI si fanno i dibattiti sociologici. Rafforzare la memoria sull’Olocausto ebraico aiuta a vedere tracce dello stesso male in altre epoche. Nel genocidio degli Armeni, ad esempio. O nella persecuzione contro gli zingari. O in quello che successe in Ruanda. E così via. La memoria allenata e rafforzata si espande e inizia a comprendere il mondo.

Ma cosa c’entra questo col fumetto direte voi? È vero. Pochi fumetti hanno parlato dell’Olocausto. Pochi hanno parlato di Auschwitz, Dachau, Treblinka. Ricordo qualche storia su Dampyr, un numero di Dylan Dog (l’83 dell'aprile 1993, dal titolo "Doktor Terror"), e poco altro. Spesso di parla di Seconda Guerra Mondiale, ma difficilmente di campi di concentramento.

Credo sia per una autocensura che gli editori si cuciono addosso e a cui gli autori aderiscono placidamente. Forse perché è difficile parlare di queste cose senza essere banali. Ma io dico “Meglio parlarne in modo banale, ma PARLARNE, che non parlarne affatto.” Infatti se ne parli in modo banale magari a qualche lettore viene la curiosità e la voglia di informarsi meglio. Se non ne parli affatto a NESSUNO verrà voglia e curiosità di informarsi meglio su un qualcosa di cui non sente parlare. Mi pare chiaro, no?

Esiste un fumetto bellissimo che invece parla proprio di questo ed è esattamente un recupero della memoria storica relativa ai campi di concentramento. Parlo di MAUS di Art Spiegelmann, che dovrebbe essere diffuso in tutte le scuole elementari e medie inferiori a spese dello stato, dandone una copia ad alunno. Non l’avete letto? Beh, Leggetelo. Art Spiegelman, MAUS, Traduzione di Cristina Previtali, Torino, Einaudi, 2000. Invece di comprare qualche idiozia legata a videogiochi, o film, o altre letture usa e getta, comprate questo volume, leggetelo e pensate. Ricordate. Riflettete.

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:468 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2313 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2430 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1493 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2442 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1675 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2060 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto