Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Cosa resta dell’anno 2012?

lucca2012 editorialedi Alessandro Bottero

È un momento di calma piatta. Come dice Monti “mi hanno chiamato per spegnere un incendio in casa”. Pare ci sia riuscito, ma gli inquilini sono tutti stravolti dalla fatica, e forse alla fine avremo una casa bellissima, in ordine, lindae pinta, con i bilanci perfetti per pagare i dividendi alle banche tedesche-inglesi-olandesi, ma saremo morti di stenti. Si vende? Pare di sì. Ma solo a Lucca. Una soluzione sarebbe quella di "lucchizzare" il mondo del fumetto. Tramutare tutto in una perenne convention dove la gente viene e spende, spende, spende, spende, spende. E quando avrà finito i soldi? Non lo so, ma perché preoccuparci del futuro remoto? Viviamo il presente. Godiamo l’attimo. Attacchiamoci all’euro di oggi. Al di fuori di Lucca, geograficamente e concettualmente,  invece è stasi. Anzi, nemmeno stasi. È calata negli abissi. Se perfino i fumetti tratti dalle opere di una giovane autrice fantasy vendono in edicola poche migliaia di copie (quando non alcune centinaia), allora il tracollo è vicino. Di alcune proposte nuove e innovative si ha notizia di venduti pari a 3.000 copie per 30.000 distribuite. Roba da tagliarsi i polsi non con un coltello, ma con una pietra scheggiata, per soffrire ancora di più. Quali sono queste proposte? Facile quelle che VOI non avete comprato. Perché il primo responsabile, se le vendite calano, è chi non compra. E siccome le vendite calano è un dato di fatto che moltissime persone che continuano ad affollare i blog, le pagine facebuch, i twitter, e i cavoli della nuova tecnologia ciarlano di fumetto, ma leggono sempre meno. Ci sono fumetti che vendono più o meno tante copie quanti visitatori giornalieri abbia un blog di medio successo, ossia 3.000, decina più decina meno. Ha senso? Ha senso realizzare cose già viste, già provate, già fallite, solo perché ci sono le istituzioni di mezzo?

Cosa resta? Resta il fatto che da gennaio 2013 uno degli attori del mercato da edicola e fumetteria sparirà. O se resterà sarà assai diverso, e con facce nuove (anche se in realtà sono sempre le stesse). Anni fa Marco Schiavone ad un incontro a Romics sullo stato del mercato disse che un elemento che caratterizzava il mondo del fumetto (e lo diceva con rammarico, mi pare di ricordare) era lo scarso ricambio delle “facce” nel mondo del fumetto. Mentre in altri campi lavorativi  ed editoriali il ricambio di persone e cervelli era vorticoso, diceva, nel mondo del fumetto siamo sempre gli stessi. Bene. Oggi dietro la fusione/acquisizione/mix/ditemivoicheè tra GP publishing e BD/J-Ppop c’è lui. Sempre lo stesso da anni. Resta il fatto che la GP che conoscevamo in questi anni è finita. Forse ne nascerà una nuova, forse no. Forse le serie francesi in formato Bonelli continueranno come GP , forse no. A chi chiederlo? A Grani, che se gli si telefona per chiedere quando dovrebbero uscire i numeri 1 annunciati per novembre, si trincera dietro un “non sappiamo ancora…”?

Cosa resta? Resta il tentativo della Star di esplorare nuovi linguaggi, con Davvero e con la serie umoristica che dovrebbe partire nel 2013. Ok, coraggioso e da lodare. Ma perché abbandonare i generi classici della narrazione a fumetti? Perché questo aut aut? È sempre necessario esplorare strade nuove, ma non per questo bisogna abbandonare del tutto l’intrattenimento classico. Spero che nel 2013 la Star riprenda a produrre storie solide e di avventura.

Cosa resta? Resta la dilatazione delle uscite Panini. Perde i diritti della Marvel? Non li perde? Di sicuro Pan Distribuzione ha perso degli editori, e non li ha rimpiazzati. Di sicuro il fatturato PanDistribuzione è sempre più Panini e basta, con altri a fare da foglia di fico. Di sicuro la Panini ha tracimato in modo netto, chiaro e indiscutibile nelle fumetterie, e tra poco lo farà anche nelle edicole, se è vero che The Boys, Tank Girl, e altro ancora arriverà in edicola. Sono tornate le variant cover, perché paghi due e prendi uno, e alla resa dei conti il fatturato è uno. E resta che la RW-Lion con i fumetti DC Comics ha qualche problema a reggere il ritmo. Ritardi nelle uscite, titoli rallentati, e sempre il solito problema degli arretrati Planeta che pesa come un macigno.

Cosa resta? Resta il tentativo dell’Aurea di diversificare il proprio parco testate con Alice Dark e Garfield. Come è andata?  Alice Dark ha chiuso. Garfield? Boh. Aspettiamo. Ora partirà un settimanale satirico. E poi Unità Speciale Seconda Serie. E poi Metamorphosis, e poi Blueberry, Bob Morane, Luc Orient… Ma il punto è che l’aurea è sempre Wood-dipendente. Togli Dago e togli tutto. Come la Bonelli con Tex. Togli Tex e non reggi la struttura con Asteroide Argo. Togli Dago e non reggi la struttura con Garfield. Sempre più certe realtà editoriali sono mono-dipendenti. Ipotizziamo un futuro in cui Wood lascia l’Aurea. È possibile? No. Perché appena la cosa si ventila l’editore correrebbe ai ripari e prometterebbe mari e monti. Salvo poi mantenerli.

Cosa resta? Il primo autentico inedito di Hugo Pratt da decenni a questa parte. Anche solo per questo il 2012 dovrebbe essere un anno da ricordare. Le lezioni di fumetto che Pratt tenne in Argentina, e che ora finalmente sono disponibili in Italiano grazie alla collana Mompracem dell’editore Castelvecchi dovrebbero essere quantomeno oggetto di riflessione ed approfondimento in tutte le scuole di fumetto presenti in Italia. E nei centri fumetto, e nelle associazioni culturali, e nelle teste di ogni ragazzo che vuole diventare autore di fumetti.

Cosa resta? Un sito che cerca di ragionare con la propria testa. Che rispetta tutti ma non è suddito di nessuno. Che piano piano, tanto ignorato non è. Non ci chiamano nei salotti buoni,  ma la cosa non ci turba più di tanto. 

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:806 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:673 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2537 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2653 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2222 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2669 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1883 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto