Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Chiude il Forum di Alan Ford

alanford493di Alessandro Bottero

Come riportato dal nostro sito, il  forum  di Alan Ford, ospitato sulla piattaforma FreeForumZone è stato chiuso, e tutti i messaggi cancellati, perché Luciano Secchi ha minacciato azioni legali.

Infatti su quel forum si parlava della diatriba, aperta dallo stesso Secchi su Alan Ford 493, tra Secchi e Sergio Bonelli. O meglio, siamo precisi. Si parlava degli insulti che Luciano Secchi ha sparato su  Sergio Bonelli, e della replica a tali dichiarazioni a cura di Maria Grazia Perini.

Luciano Secchi  non ha  gradito che si parlasse di questo, ed ha minacciato azioni legali.

E quindi il fondatore del forum, per evitare ulteriori problemi,  ha preferito cancellare tutto.

Ricordo che quando rimbalzò in rete la diatriba,  alcuni  lettori dissero che a loro dei fatti privati tra Secchi , la Perini, e Bonelli non gliene fregava nulla, e che in realtà la cosa non era  una “notizia”.

L’unica cosa che contava era se le storie di Alan Ford fossero valide. Le  questioni  “private” non gli interessavano, e un “sano giornalismo” non doveva occuparsene.

Erano pettegolezzi. Punto.

Secondo questa logica anche  adesso al lettore,  se Secchi fa chiudere d’imperio un forum (ossia un libero spazio di discussione, non creato né gestito da lui), non gliene dovrebbe fregare nulla. L’unica cosa che conta è se Alan Ford 496 sarà gradevole  da leggere o no.

E del  resto “chemmefrega?”

E invece no.

E invece certe cose vanno sottolineate, vanno prese in considerazione, e vanno chiamate per quello che sono: un arbitrio.

Attenzione, non sto dicendo che la PERSONA Luciano Secchi sia cattiva, o altro.

Sto dicendo che il COMPORTAMENTO in questo caso preciso adottato da  Luciano Secchi è stigmatizzabile. È sbagliato. È qualcosa che bisognerebbe tenere in considerazione.

È stato fatto chiudere un forum, che pur  con tutti i limiti dello  strumento forum, era uno spazio di libera espressione, creato e  gestito da un privato, in modo autonomo, come luogo dove parlare di un fumetto e di quello che ci ruota attorno.

Ed è arrivato uno che, minacciando azioni legali, l’ha fatto chiudere.

Questo, a casa mia, si chiama  censura. Si  chiama impedire di parlare. Si chiama togliere la libertà di parola. Si chiama bavaglio alla libertà di stampa.

Io non leggo Alan Ford. Mi interessano  poco le diatribe tra pinco e pallino. Ma trovo sbagliato in sé cosa ha  fatto Luciano  Secchi, e lo dico apertamente, mettendoci il mio nome, e come editoriale.

Spero che anche i lettori riflettano su questo fatto, e ne traggano le loro conclusioni.

Certo, sarebbe bello se TUTTI i vari forum di fumetto presenti in Italia dichiarassero esplicitamente la loro solidarietà con il fù forum di Alan Ford, ma forse mi aspetto troppo dal prossimo…

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:488 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2331 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2442 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1513 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2460 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1694 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2082 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto