Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Print on Demand: meglio tardi che mai….

edizioniifdi Alessandro Bottero

Su Lazarus Ledd (numero 3), la collana delle Edizioni If, che ristampa il personaggio  già pubblicato dalla Star Comics, leggo, in seconda di copertina, quanto segue : “Grazie  anche alle nuove tecnologie del digitale, che permettono risultati pressoché identici a quelli della stampa tradizionale, si apre una stagione di riproposte”.

Cosa vuole dire? Contestualizziamo l’affermazione. Edizioni If è presente in edicola con cinque collane di ristampe, ossia Capitan Miki, Mister No, Il Grande Blek, Il Comandante Mark, e Lazarus Ledd. A queste, negli anni passati, si erano affiancate Nick Raider, Storia del West poi diventata Storia del West presenta, Tarzan, Akim. Ultimamente la collana Storia del West Presenta, aveva interrotto le pubblicazioni col numero 68, lasciando in sospeso la pubblicazione della serie Un Ragazzo nel Far West. A questo punto Edizioni IF ha avuto un’idea: perché non pubblicare gli ultimi 7 volumi previsti per chiudere il ciclo di Un Ragazzo nel Far West, basandosi non più sulla stampa tradizione in tipografia, ma utilizzando il sistema del Print on Demand, raccogliendo le richieste effettive per tali albi, e stampando solo il quantitativo di copie necessarie a soddisfare tale richiesta?

Ossia, non stampare più 10.000 copie di un albo da mandare al macello in edicola, vendendone magari 1.000, ma raccogliere le richieste effettive, e calibrare la tiratura del numero di copie effettivamente richieste.

Questo fatto apparentemente porterà le Edizioni If a recuperare altri fumetti classici, secondo il sistema del Print on Demand. Infatti, se leggo che grazie alla stampa in digitale “si apre una stagione di riproposte”, mi pare corretto pensare che le Edizioni If in futuro recupereranno personaggi, altrimenti lasciati nel  dimenticatoio, calibrando la stampa degli albi a loro dedicati col sistema del Print on Demand.

Ok. Perché ne parlo? Per due motivi. Primo, perché questo dato è passato sostanzialmente sotto silenzio da parte di tutti, mentre è estremamente interessante, e potrebbe essere UN modo (non IL modo, ma uno dei possibili) con cui il fumetto riesce a sopravvivere. Ossia calibrando la produzione, per chi è davvero interessato.

Secondo perché mi fa sorridere come ci sia una casa editrice che  da anni segue esattamente questa strategia, ossia il Print on Demand, e che proprio grazie a questa strategia ha realizzato recuperi di prodotti storici come PT7, o Engaso, ossia la Cagliostro E-Press. Ed anche io, come Bottero Edizioni, per alcuni prodotti ho utilizzato lo strumento del Print on Demand.

Bene, quando lo faceva Cagliostro  E-Press, la si accusava (e magari qualcuno lo pensa tutt’ora) che utilizzare lo strumento Print on Demand, sia essere non un editore, ma una “copisteria”, come se “solo se stampi 1000 copie minimo del MIO volume sei un vero editore!”.

Se invece Edizioni If dice esplicitamente che in alcuni casi conviene usare lo strumento del Prtint on Demand, e d’ora in poi lo userà, nessuno dice nulla.  I “Talebani della visibilità per gli autori/fumetti” stanno zitti.

Ben venga il Print on Demand, se permette di pubblicare opere nuove, e recuperare classici storici.

Ben vengano tutti i modi con cui si può sopravvivere a questa crisi terrificante.

Magazine

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3507 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3345 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:12935 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:14894 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:14956 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:14534 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:14725 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto