Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Fame Comics: fumetti per passione, in italiano e friulano

famecomics[24/07/2010] - Giorno 2 - Ore 19.00: Non solo editori a Rimini Comix 2010. Tante anche le autoproduzioni, dove il fumetto è passione al 100%.

Seconda strepitosa giornata a Rimini Comix. Tra sfilate, happening e concerti abbiamo incontrato Roberto Romani dell'associazione culturale Fame Comics.

Parlaci un po' del progetto, com'è nato e qual'è la linea editoriale da voi seguita?

L'associazione nasce circa dieci anni fa in seguito all'incontro tra appassionati di fumetto dopo un corso tenuto da Davide Toffolo.
L'ambiente fra noi era ottimale sia al livello umano sia sul piano lavorativo; decidemmo così di dar vita ad un'associazione senza scopo di lucro dove promuovere e lavorare i fumetti.Il pregio di non avere scopi di lucro ci permette di non essere condizionati dal principio della commerciabilità e quindi di promuovere i fumetti che a noi piacciono ed in cui crediamo fermamente come associazione.
All'interno della produzione Fame Comix, in tandem con la provincia di Pordenone, abbiamo promosso la collana "Segno Nove", in cui tramite il mezzo fumetto si lavora sulla tutela del dialetto friulano.

Rimini Comix, come ci siete arrivati e qual'è il vostro punto di vista?

La nostra presenza a Rimini Comix è storica; abbiamo aderito alla manifestazione sin da quando si è iniziato a girovagare per le fiere di settore del nord-est per promuovere le nostre fanzine.
Leggendo fumo di china ci siamo interessati all'evento ed anche se negli anni, nelle diverse fiere, abbiamo altalenato ambiti professionistici e spazi dedicati alle autoproduzioni, abbiamo sempre tutelato la nostra presenza a
Rimini Comix.

Quali sono le nuove proposte dall'associazione presentate all'evento?

L'ultima chicca realizzata è "Lisa e Dora", per la collana "Segno Nove". La sua realizzazione è durata più di un anno e mezzo, ci anno lavorato gomito a gomito sette persone, ma alla fine è venuto fuori un ottimo volumetto in due versioni, una in Italiano e l'altra in dialetto Friulano.

Non solo editori a Rimini Comix 2010. Tante anche le autoproduzioni, dove il
fumetto è passione al 100%.


Seconda strepitosa giornata a Rimini Comix. Tra sfilate, happening e concerti
abbiamo incontrato Roberto Romani dell'associazione culturale Fame Comix.

-Parlami un po' del progetto, com'è nato e qual'è la linea editoriale da voi
seguita?

L'associazione nasce circa dieci anni fa in seguito all'incontro tra
appassionati di fumetto dopo un corso tenuto da Davide Toffolo.
L'ambiente fra noi era ottimale sia al livello umano sia sul piano lavorativo;
decidemmo così di dar vita ad un'associazione senza scopo di lucro dove
promuovere e lavorare i fumetti.
Il pregio di non avere scopi di lucro ci permette di non essere condizionati
dal principio della commerciabilità e quindi di promuovere i fumetti che a noi
piacciono ed in cui crediamo fermamente come associazione.
All'interno della produzione Fame Comix, in tandem con la provincia di
Pordenone, abbiamo promosso la collana "Segno Nove", in cui tramite il mezzo
fumetto si lavora sulla tutela del dialetto friulano.

-Rimini Comix, come ci siete arrivati e qual'è il vostro punto di vista?

La nostra presenza a Rimini Comix è storica; abbiamo aderito alla
manifestazione sin da quando si è iniziato a girovagare per le fiere di settore
del nord-est per promuovere le nostre fanzine.
Leggendo fumo di china ci siamo interessati all'evento ed anche se negli anni,
nelle diverse fiere, abbiamo altalenato ambiti professionistici e spazi
dedicati alle autoproduzioni, abbiamo sempre tutelato la nostra presenza a
Rimini Comix.

-Quali sono le nuove proposte dall'associazione presentate all'evento?

L'ultima chicca realizzata è "Lisa e Dora", per la collana "Segno Nove". La
sua realizzazione è durata più di un anno e mezzo, ci anno lavorato gomito a
gomito sette persone, ma alla fine è venuto fuori un ottimo volumetto in due
verioni, una in Italiano e l'altra in dialetto Friulano.

Magazine

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:209 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:634 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:626 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:650 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:926 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10715 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto