Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Dopo Fullcomics 2011 e pensando già all'edizione 2012: intervista a Salvatore Primiceri

fullcomicsposter2011minidi Alessandro Bottero

Fullcomics si è conclusa, ma si sta già pensando alla prossima edizione. Per questo ci è sembrato il caso di fare due chiacchiere con Salvatore Primiceri, sia per fare un bilancio consuntivo di questa edizione 2011, sia per lanciare la volata per l’ottava e prossima edizione nel 2012.

 Allora, come è andata questa edizione? Alcuni in giro si auguravano in una catastrofe, probabilmente per poter dire “Visto? Manco io e va tutto male!”. Invece anche quest’anno Fullcomics si è dimostrata all’altezza delle aspettative.

E’ andata bene. Come sempre il binomio Fullcomics-Piacenza ha funzionato. Abbiamo registrato circa 6.000 ingressi nonostante fossero passati due anni dall’ultima edizione piacentina. Una soddisfazione enorme ma anche un bel risultato ottenuto con forza di volontà e tanto lavoro. La risposta affettiva di Piacenza non è mancata e questa è per me la cosa più bella perché in moltissimi hanno voluto esprimermi anche stima e amicizia personale. E’ un’ottima base di ri-partenza che fa ben sperare per le prossime edizioni. Se continuiamo con questo metodo i risultati dovranno sempre migliorare.

Enrique Breccia si è dimostrato un autentico signore, sempre pronto e disponibile con i lettori. Se teniamo conto che stiamo parlando di uno degli autori più importanti a livello mondiale nel campo del fumetto, devo dire di essere rimasto sorpreso dalla poca attenzione che il mondo del fumetto ha dimostrato per questo ospite. Per autori molto meno influenti c’è gente che corre da un capo all’altro d’Italia,magari partendo da Milano ed arrivando a Napoli. Come mai secondo te questo “disinteresse” per Breccia da parte del pubblico extra-Piacenza? E perché su Internet non si è parlato come si deve del fatto che Breccia era ospite di Fullcomics? Miopia della critica online?

Enrique Breccia è un galantuomo, una persona di un’educazione e cordialità quasi inusuale per i nostri tempi. E’ un personaggio che ha affascinato e attratto il pubblico ma anche molti media che hanno potuto conoscere e apprezzare la sua professionalità. I giornali di Piacenza hanno dedicato speciali e lunghe interviste a Enrique, quindi c’è stato un forte interesse. Non so se sia mancato il mondo del fumetto. Io ho visto molti fans quasi litigare per la fila degli autografi. Forse è mancata la giusta attenzione da parte dei media specializzati ma non è una novità. Purtroppo l’informazione fumettistica in Italia è ancora lacunosa e, in alcuni casi, anche troppo amatoriale. E’ un fatto curioso se pensi che i giornali specializzati dovrebbero essere i primi a “esaltarsi” per certe notizie come l’arrivo di un grande fumettista internazionale. L’anno prossimo dovremmo aprire un dibattito sulla comunicazione e giornalismo nel mondo del fumetto.

C’è stata una polemica sui premi di Fullcomics, che qualcuno ha chiamato premi poco importanti di una manifestazione poco importante. Cosa rispondi a queste critiche?

Il premio di Fullcomics era solo alla seconda edizione e Fullcomics non è Lucca, quindi non credo che l’affermazione in oggetto fosse stata detta con volontà critica, anche se forse è stato poco opportuno, dal punto di vista della comunicazione,  esprimerla prima dell’evento e con quelle parole. Fullcomics sta diventando sempre più importante e anche il premio dovrà assumere una forte caratterizzazione in sintonia con l’identità e la missione della manifestazione. Solo così il Gran Premio Autori ed Editori diventerà un appuntamento atteso e considerato all’interno di Fullcomics.

Affrontiamo un argomento di cui quasi nessuno parla, ossia i cachet (o i cosiddetti “gettoni-presenza”) che i partecipanti all’incontro sul diritto d’autore hanno ricevuto. Puoi dirci chi è stato pagato per parlare,e quanto ha preso? E secondo te, il fatto di essere pagati per intervenire ad incontri alle mostre mercato è giusto? In effetti mi sento un po’ scemo, visto che in vent’anni di incontri io non ho mai chiesto soldi per parlare. Il sapere quanto hanno preso gli intervenuti all’incontro mi aiuterà a sapere quanto poter chiedere in futuro...

Per la mia esperienza, in sette anni di Fullcomics le persone che hanno chiesto un “cachet” si contano sulle dita di una mano quindi non sei l’unico a parlare gratis alla conferenze. C’è però chi ritiene, ed è un’opinione rispettabile, che la professionalità e le competenze in una specifica materia che il relatore può offrire, debbano essere retribuite. Personalmente credo che questo sia più giusto se si parla di “convegni/congressi” ma un pochino “forzato” quando si partecipa a mostre mercato dove l’incontro è un appuntamento di contorno all’evento e anche di breve durata. In questi sarebbe meglio parlare di rimborsi spese. Ovviamente è una mia opinione e rispetto chi non la pensa come me. In questa edizione abbiamo pagato un forfait (comprensivo di rimborso spese) a  Matteo Stefanelli e Ivo Milazzo, rispettivamente di 150 euro il primo e 500 euro il secondo.

Cosa bolle in pentola per il 2012? Hai già qualche idea per l’ottava edizione di Fullcomics?

E’ la prima volta che mi capita che il giorno dopo la chiusura di un’edizione si tiene una riunione per parlare già dell’anno successivo. E’ un buon segnale, dettato in parte dall’entusiasmo derivato dal successo di quest’anno e in parte dalla consapevolezza che si può e si deve fare sempre meglio, tant’è che sono state individuate già alcune “cose da sistemare”. Oltre alla risoluzione dei “problemi” sono in cantiere nuove idee di cui ora, un po’ per scaramanzia, preferirei non parlare. Credo che se tutto va come deve andare vi riferirò presto qualche novità. Per ora godiamoci ancora qualche giorno questa soddisfazione che condivido e dedico a tutti quelli che a Fullcomics hanno sempre creduto e che si sono sempre adoperati, senza se e senza ma, per fare in modo che l’evento si affermasse sempre di più. Quindi un caloroso grazie anche a voi amici di Fumettodautore.com.

Le notizie realizzate in diretta da Fullcomics 2011 potete leggerle QUI. Nei prossimi giorni aggiungeremo tutte le notizie che abbiamo realizzato ma che non siamo riusciti ad inserire in diretta. Insomma, Fullcomics 2011 continua.

Magazine

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:208 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:634 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:626 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:650 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:926 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10715 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto