Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Un fumetto postmoderno

tipologie[13/03/2010] » Dopo Fullcomics 2010

Anche L'AltraPagina.it ha seguito in diretta Fullcomics 2010. Per gentile concessione del Direttore e dell'Editore della testata on line, vi presentiamo l'articolo seguente firmato da Danila Bellino di L'AltraPagina.it.

Un fumetto postmoderno

di Danila Bellino

Quando si dice che il fumetto è ‘letteratura disegnata’, ripescando una vecchia querelle fra media ‘minori’ e ‘maggiori’, spesso ci si concentra sul rapporto fra immagini e parole, tralasciando le possibilità del fumetto come meccanismo narrativo. In effetti, persi tra i generi esistono migliaia di sperimentazioni narratologiche,  ma l’attenzione si sta spostando sempre di più verso la scatola narrativa. Tra i più arditi nelle soluzioni, c’è Adriano Barone, autore di Tipologie di un amore fantasma, con i disegni di Mauro Cao. Un’opera che si differenzia dalla altre principalmente per i modelli a cui si ispira, “la sua struttura si ispira al ‘nouveau roman’ di Alain Robbe-Grillet”, ha spiegato Barone, “in cui i piani narrativi si intrecciano e abbiamo proprio la modalità di  ‘storia dentro un’altra storia’; tra loro  i fili narrativi possono sembrare indipendenti ma poi alcuni si intrecciano, si riconnettono, si rimandano gli uni agli altri”. Ma la scelta narrativa non sembra venire da un puro divertissement autoriale, Barone infatti puntualizza che, “il mondo dei fumetti si è un po’ fermato dal punto di vista contenutistico, non si tentano nuove strade, rimanendo fermi sul minimalismo autobiografico”. E uno dei limiti, evidenziati dall’autore è proprio che, “le varie esplorazioni che si tentano nel mondo dei generi a fumetti, in effetti ripropongono delle esplorazioni già viste, soprattutto al cinema, quindi si mutuano dei meccanismi da altri media, invece che crearne di nuovi”. La filosofia del postmoderno di Tipologie però, viene anche da altre fonti, “ho fatto una tesi su Philip Dick, e uno dei capitoli, quello sul romanzo Mr Lars il sognatore di armi, è stato inserito in un’antologia edita da Le Monnier dal titolo Si entra dall’uscita; ovviamente del grande scrittore americano mi interessa l’intersezione dei piani, l’incrocio narrativo fra i vari mondi e le sue fughe visionarie”. Si capisce meglio, così, la natura di Tipologie che, a detta di Barone, “è una non-storia d’amore, irrisolta, che si sviluppa su più piani, e in cui il rapporto tra i personaggi varia; si parte da un amore non ricambiato, e pian piano si arriva a una ricerca del sé, che in una scena particolare, ambientata nel deserto con uno sciamano, si spinge un po’ verso la psichedelia, interpretata benissimo dai disegni di Mauro Cao”. Il protagonista poi, almeno fisicamente, sembra un alter ego dell’autore, che ammette, “è un alter ego solo fisico, non psicologico, o meglio forse poteva riferirsi al me stesso di molto tempo fa”. Nella prima pagina, di forte impatto emotivo, è presentata una cartina dell’Europa dove manca l’Italia, con due didascalie in basso, “Italia, oggi”, “Dopo il disastro”. “Non è chiarito bene quale sia il disastro e neanche le sue dirette conseguenze che variano di storia in storia”, ha chiarito Barone, senza specificare altro su questa ucronia. L’effetto generale dopo la prima lettura, è alquanto straniante, “ma è quello che volevo”, ha aggiunto l’autore, “voglio che il lettore resti disorientato  o anche disgustato, come ha scritto in un post su Internet un lettore; non voglio che questa sia una lettura indolore, deve fare riflettere, deve lasciare qualcosa dentro, io infatti l’ho scritto per le persone che amano leggere, e che non vogliono semplicemente essere intrattenute”.

Magazine

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:546 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:578 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:585 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:872 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10465 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:927 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto