Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale. Di chi è il diritto d’autore, dell’autore o della comunità?

fearless girl

Di Alessandro Bottero

Negli USA si sta sviluppando un interessante dibattito che qui vi riassumo.

Nel 1987 lo sculture Arturo di Modica realizza un’opera, un toro imponente che sta per lanciarsi nella carica e lo mette davanti alla Borsa di New York a Wall Street. Quella scultura, in QUEGLI ANNI, ossia prima del crollo della borsa del 1989, intendeva rappresentare la forza e la potenza del capitalismo americano e del mercato borsistico, in pratica il Toro di Wall Street era il simbolo della potenza dell’indice Dow Jones, che tutto e tutti avrebbe conquistato dopo il crollo del muro e la scomparsa dell’Unione Sovietica. La storia quindi è: c’è una statua, c’è un autore, e quindi per legge il diritto d’autore protegge la statua e l’autore. Si dice che le opere d’arte vadano rispettate e non sia possibile alterarle senza chiedere permesso all’autore, anche se - sinceramente – di una statua che glorifichi la forza e la potenza del capitalismo finanziario ne avrei fatto volentieri a meno. A me non pare Arte, ma solo sbruffoneria molto alla “io so’ io e voi non siete un cazzo”. Marchese del Grillo docet.

Comunque perfetto. Opere, autore, diritto.

Poi che succede? Succede che nel 2017, all’interno di un progetto che ha chiesto a 3500 aziende di investire di più sulle donne, un giorno davanti al Toro lanciato alla carica è stata messa un’altra statua, raffigurante una bambina di nove anni che PARE opporsi alla carica del Toro. La scultura intitolata The Fearless Girl è stata realizzata da Kristen Visbal e ha un significato preciso: ricordare al mondo degli affari americano e a tutti gli altri l'importanza del ruolo delle donne negli affari e nella società. Attenzione, particolare non di poco conto: questa istallazione rimarrà lì a tempo. Non è PERMANENTE. È una istallazione artistica che si inserisce all’interno di un’altra opera per lanciare un messaggio che PRENDE il senso originario della prima opera (il Toro), lo RIFLETTE alla luce della situazione sociale contingente, e realizza un ALTRO senso artistico. Ossia la somma degli elementi (toro + bambina) realizza un totale di senso maggiore della semplice addizione del senso individuale delle due statue.

A questo punto che succede? Arturo di Modica mette in moto i suoi avvocati che hanno inviato lettere al sindaco di New York, Bill de Blasio, alle autorità competenti e alla società che ha finanziato la statua della bambina e ne ha promosso la campagna, ritenendo che l'installazione della nuova scultura abbia violato il copyright di Di Modica, sostanzialmente alterando il senso originario della scultura.

A questo punto che dire? A livello pedissequamente legale Di Modica può anche non avere tutti torti, solo se però si ritiene la statua non un opera d’arte la cui vita sia in diretta correlazione con la fruizione della collettività ma un OGGETTO di cui il proprietario dispone come vuole senza dover rendere conto a nessuno.

Se invece l’arte vive ALL’INTERNO della società e della comunità in cui è inserita e fruita, allora il suo senso, il suo significato, non appartengono più solo all’autore originario o ai proprietari. Appartengono alla collettività e la società può USARE le opere d’arte per realizzare contenuti nuovi, più adatti ai tempi presenti.

Il diritto d’autore dello sculture Di Modica secondo me viene DOPO l’utilizzo artistico della sua statua. Qui infatti non stiamo parlando di una mutilazione o di uno sfregio che ledono l’integrità di un’opera senza aggiungere nulla, ma di una NUOVA opera d’arte sprigionatasi dall’unione di due elementi. L’ECCESSO di senso derivante da questo accostamento realizza una NUOVA opera d’arte, e quindi il vecchio copyright svanisce, per essere inserito in una nuova realtà artistica.

Oltretutto la statua della bambina verrà tolta a tempo debito, per cui…. Di Modica, ma che BEEEEP vuoi?

Magazine

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:431 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:760 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:827 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:864 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:1205 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1656 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli...

Leggi tutto

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:2032 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto