Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Editoriale - Il ritorno della Critica?

criticaDi Alessandro Bottero. Mentre sui social si battibecca e ci si accapiglia - spesso senza nemmeno sapere perché o su COSA si discuta – altre cose accadono nel mondo del fumetto che passano ignorate. Già dicevamo della decisione del gruppo Espresso-Repubblica di bloccare la realizzazione di collaterali a fumetti per le testate del gruppo, cosa di per sé molto seria e grave per il mercato. Le reazioni a questa notizia sono state diciamo ….nulle? Fa più fico litigare su chi parli male di chi , che non riflettere sulla crisi di vendite del fumetto. I dati di vendita dei Dylan Dog scritti da Sclavi mostrano un NON incremento delle vendite, anzi, il trend di declino di Dylan Dog prosegue. Il trentennale poco è servito per invertire la tendenza e ho idea che i prossimi report sulle royalties faranno arrabbiare di nuovo autori storici del personaggio. A questo punto cosa ci si inventerà? Le celebrazioni per il TRENTUNESIMO anniversario?

Ma anche queste sono quisquilie, pinzillacchere come direbbe Totò, che sapeva tutto della vita.

La cosa davvero interessante è un’altra. Si tratta del ritorno degli apparati critici negli albi pubblicati in edicola. Non so se ricordate una ventina di anni fa la feroce polemica che prese il nome di Note Lobotomizzate. In pratica si decise che la nuova generazione di lettori di albi a fumetti (Panini, Play Press, e altri) si era fondamentalmente rotta i coglioni di note precise e puntuali che chiarissero rimandi e elementi di continuity all’interno delle storie. La tesi era che ai lettori giovani parlare di storie vecchie (o meglio “antiche”) non interessava. Li annoiava, li allontanava dal fumetto, perché gli faceva sentire di essere distanti dal personaggio. Quindi basta con i rimandi, basta con gli approfondimenti, basta con i testi e vai con notizie e annunci di film, gadget e novità epocali. Le cosiddette Note Lobotomizzate. Chiunque parlasse della necessità di un impianto critico a presentazione delle storie pubblicate era ritenuto un barboso rompipalle, che non era in sintonia con i ggggggiovani lettori.

Poi che è successo? I lettori (quelli che sono rimasti) sono cresciuti, sono diventati adulti e si è capito che dare informazioni non annoia, ma è un valore aggiunto. È un elemento tipico delle edizioni italiane e invece che negarlo andrebbe rivalutato e potenziato. Ecco che piano piano, prima con l’edizione di Blake e Mortimer e ora con quella di Thorgal e la nuovissima collana di Tin Tin, accanto alla singola storia è presente un corposo dossier informativo storico-critico che aggiunge ricchezza al prodotto.

Blake e Mortimer, Thorgal e Tin Tin (qui parlo dell’apparato critico nei volumi) sono (o sono state) tre delle migliori collane di allegati editoriali mai usciti in edicola. Conosco l’obiezione “Si tratta di storie lette e rilette e conosciute fino alla noia”, ma il punto non è questo. Il punto è che pensando a una NUOVA edizione si è ritenuto indispensabile affiancare alla storia dossier critici. Altro che Note Lobotomizzate.

Che è successo? Il pubblico è cresciuto.

Chi vent’anni fa aveva 15 anni ora ne ha 35/40 e ha il diritto – e il piacere – di essere informato. Leggere un fumetto è di per sé un’esperienza valida ed esteticamente gradevole, ma se a questa esperienza si aggiunge anche il piacere della conoscenza e dell’accrescimento di informazioni per cui alla fine della lettura del volume X conosco più cose di quante ne conoscessi all’inizio della lettura allora si raggiunge un obiettivo importante.

La critica è tornata. A quando si capirà che deve tornare anche per i fumetti di super eroi?

Certo, il problema a questo punto è un altro. La critica è importante, ma dove sono i critici? Vent’anni di ridicolizzazione della critica ha fatto sì che una nuova generazione di critici non sia nata. Al massimo abbiamo blogger o youtuber che esprimono opinioni, legittime certo, ma solo opinioni emozionali.

Il critico non è quello che dice “Lost Girl di Alan Moore è bello” e trova in Lost Girl eventuali riferimenti alle altre opere di Alan Moore Il critico è quello che trova in Lost Girl riferimenti a tutto quello che Alan Moore ha colto AL DI FUORI del fumetti. Il critico è colui che coglie e decifra i riferimenti culturali, storici, letterari, EXTRA fumetto in un fumetto e li rende visibili e comprensibili al lettore ingenuo.

Il vero critico non è quello che mette in relazione Neonomicon e Providence. Il vero critico è colui che coglie i riferimenti a Lovecraft a tutta la letteratura horror e psico-magica extrafumettistica su cui Moore ha basato la sua storia.

Ma forse chiedo troppo. In fondo sono solo un barbogio rompicoglioni.

 

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:540 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:747 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:847 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:805 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:988 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1530 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2239 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto