Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale. Personaggio pubblico? Libertà di insulto.

facebookDi Alessandro Bottero. È di oggi la notizia che due giornalisti tedeschi della Süddeutsche Zeitung siano entrati in possesso dei documenti riservati in base ai quali Facebook decide quali post cancellare e quali invece lasciare. Le regole sono interessanti, e se vogliamo molto ipocrite secondo la linea dell’ipocrisia del politicamente corretto. Esempio: si può parlare male di un paese, ad esempio “L’Indonesia fa schifo”, ma non si può dire “Gli indonesiani fanno schifo”. Si stempera l’insulto in un indistinto per cui nessuno può dire “Hai offeso ME”. Altra ipocrisia: Per le religioni le regole si applicano così: sono protetti gli appartenenti ai gruppi religiosi, ma non le religioni, quindi si può dire “Il Cattolicesimo è stupido”, ma non si può dire “I cattolici sono stupidi”. Come dicevo ipocrisia.

Al di là di questo però la cosa pià interessante è come si regola Facebook nel caso di personaggi pubblici, e soprattutto quali siano i parametri con cui si definisce una persona “personaggio pubblico”.

Per Facebook un personaggio pubblico in quando pubblico ha perso il diritto al rispetto alla privacy e pertanto può essere oggetto di presa in giro, critiche, e anche insulti. Sia a livello di testo che di immagini (foto o video).

Ora il punto è: cosa fa sì che una persona sia personaggio pubblico?

La risposta nei documenti è la seguente

Personaggio Pubblico - e quindi figura che perde le tutele alla privacy che invece sono dovute ai semplici cittadini - è chiunque risponda ad almeno uno di questi criteri:

-chi ha più di 100 mila followers,

-va in televisione,

-chi fa dichiarazioni pubbliche

- chi sia stato menzionato nelle cronache più di cinque volte negli ultimi due anni

La cosa è interessante perché volendo si può applicare anche al mondo del fumetto. Anche qui però bisogna capire. Cosa significa “andare in televisione”? UNA apparizione come ospite in un programma basta? Credo di no. Credo che la cosa significhi chi va con regolarità in televisione, regolarità tale per cui diventa RICONOSCIBILE da chi segua abitualmente la televisione (questo nel senso che la regolarità può anche essere sparsa in trasmissioni diverse) Cosa significa “fare dichiarazioni pubbliche? Un Blog è un luogo dove si fanno dichiarazioni pubbliche? Una pagina Facebook è un luogo dove si fanno dichiarazioni pubbliche? Un sito? Se l’addetto ai lavori X ha una rubrica fissa su un sito fa “dichiarazioni pubbliche” e quindi diventa – per le regole di Facebook – “personaggio pubblico”, anche se magari nessuno lo legge? La dichiarazione pubblica significa PUBBLICARE in modo aperto a tutti o è necessario che poi ci sia un numero ELEVATO di persone che ti leggano? E per finire “menzionato nelle cronache” che significa? In occasione di rilanci o momenti significativi legati a questo o quel fumetto può capitare che l’autore X o Y siano stati citati più di 5 volte. Prendiamo il caso di Sclavi. Il suo ritorno su Dylan Dog è stato oggetto di notizia e citazione su vari mass media. Sicuramente ci sono state più di 5 citazioni nelle cronache negli ultimi due anni. Questo fa sì che Tiziano Sclavi sia - per le regole di Facebook – un personaggio pubblico e quindi io possa sbeffeggiarlo, criticarlo ferocemente, insultarlo, postare foto prese a sua insaputa, senza avere alcun problema, perché Tiziano Sclavi è un “personaggio pubblico”? Seguendo la logica delle regole svelate dai giornalisti tedeschi sì. Se domani io pubblicassi su Facebook una foto di Tiziano Sclavi che fa la spesa o che è in ciabatte a casa sua Tiziano Sclavi non potrebbe dire nulla, perché è un personaggio pubblico. Attenzione. Non sto dicendo che io sia d’accordo o che trovi questo modo di fare sensato. Per me è una grossa scemenza, ma queste sono le regole seguite da Facebook, per cui fumettisti, rockstar, opinionisti e dominatori del mercato che prima usano Facebook per creare se stessi e l’hype sui loro prodotti e poi magari si lamentano perché la loro privacy è violata sbagliano. Se cerchi di cavalcare la tigre alla fine lei ti sbrana, e i social sono come la roulette. Alla fine dei giochi vince sempre il banco, e te che credevi di essere stato il più furbo ti ritrovi carne da macello come quella su cui hai costruito la tua (effimera) fama.

Magazine

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:698 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:11777 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:791 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:1224 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:1375 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:1521 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto