Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale. Wonder Woman, ambasciatrice dell’ONU. No, anzi ci siamo sbagliati.

wonderwomanDi Alessandro Bottero. Il 21 ottobre l’ONU dirama un comunicato: “Con il supporto della Warner Bros e della DC Entertainment", ha fatto sapere il Palazzo di Vetro, "scegliamo la Super Donna perché ci aiuti nella nostra campagna per la parità di genere, perché lotti con noi contro le discriminazioni”. E uno pensa Cavolo, che fico! Quella bomba sexy che si vede in Superman vs Batman all’ONU? Allora Dio c’è!!!!!. Nemmeno due mesi dopo però l’ONU fa sapere che forse si sono sbagliati. Quarantacinquemila persone hanno firmato una petizione online per dire “Macheccazz’?” Le dipendenti dello staff dell’ONU hanno detto “MA siete scemi?”, e quindi la brillante idea di un’organizzazione che dovrebbe avere autorevolezza su ogni paese al mondo di dichiarare ambasciatrice ufficiale per combattere la discriminazione un personaggio INESISTENTE è stata fatta cadere con discrezione.

Sapete quando uno osserva la realtà e si dice “Ma che sta succedendo? Viviamo tutti immersi in una nube impalpabile di cocaina per cui si dicono e si fanno cose del tutto prive di senso?”. Ecco questa notizia mi da la stessa sensazione.

Prima cosa: ma a CHI è venuta l’idea di nominare ambasciatrice ufficiale dell’ONU per una cosa così importante come la parità di genere e la lotta alle discriminazioni a un personaggio dei fumetti? Oltretutto un personaggio che ha un costume che è smaccatamente americano. George Pérez all’inizio degli anni ’90, quando scriveva e disegnava Wonder Woman e puntava molto sul ruolo di Diana come ambasciatrice di Pace nel mondo degli uomini in una storia cercò di arrampicarsi sugli specchi dicendo che in realtà il costume di Wonder Woman non era modellato sulla bandiera americana, ma che il rosso e il blu e le stelle erano elementi simbolici universali. Sì, assomigliavano alla bandiera USA ma non era così. Apprezzammo lo sforzo ma nessuno diede retta al buon Pérez Anche perché ai lettori di fumetti interessa pochissimo che il costume di Wonder Woman sia rosso e blu. Interessa quello che c’è dentro il costume.

Comunque prima considerazione: chi tra gli strapagati funzionari dell’ONU ha avuto questa idea geniale? Invece di una persona VERA che poteva parlare, testimoniare, intervenire a eventi, insomma che poteva INTERAGIRE con il mondo si sceglie come testimonial un personaggio dei fumetti, e non solo, un personaggio dei fumetti che la DC Comics sfrutta a livello di marketing in modo commerciale per promuovere prodotti. Converrete con me che la confusione tra politica/economia è totale. Provate a pensare: Wonder Woman dice no alla discriminazione – Wonder Woman dice che la merendina X è buona – quindi la merendina X è contro la discriminazione – le brave mamme comprano la merendina X. O Wonder Woman è contro la discriminazione – Wonder Woman appare nel film X – se vai a vedere il film X sei contro la discriminazione.

Non sto dicendo che questi ragionamenti si facciano ESPLICITAMENTE ma se usi come testimonial per campagne di sensibilizzazione sociale brand commerciali la confusione tra il piano del commercio e quello dell’impegno è massima.

Già il pericolo è latente se ad essere testimonial è un attore. Ma se a diventarle è un personaggio inventato e quindi manipolabile al 100% dai suoi realizzatori allora non è più latente. Direi che è una certezza.

Seconda cosa da far cadere le braccia poi è il fatto che l’ONU, ossia la stessa organizzazione che proclama di impegnarsi per la parità di genere e contro le discriminazioni, sia una struttura maschilista e sessista. Gli scandali sulle violenze sessuali ad opera di truppe e incaricati ONU nelle zone di intervento sono cosa nota. A questo aggiungiamo che il 90% dei dirigenti è uomo, e che le aspettative di una donna di fare carriera all’interno dell’ONU sono pari alle mie di diventare direttore editoriale della Sergio Bonelli ossia nulle.

Terza cosa: L’ONU si cala le braghe. Ora dico. Hai preso una decisione che ti ha fatto fare una figura da idiota? Bene, allora trova un modo più intelligente di uscirne. Non dire “CI siamo sbagliati”. Ribalta il tavolo. Individua una figura VIVENTE e nomina LEI ambasciatrice contro le discriminazioni. E Per favore evitate questo linguaggio da nerd. Le Super Donne nella vita reale sono le donne che lavorano, si sposano, hanno figli, badano ai genitori anziani e oltretutto devono anche stare a sentire i mariti quando si lamentano che al lavoro sono stanchi perché “lavoro troppo”. Le donne o i discriminati non hanno bisogno di Papà ONU che dica “Tranquilli, ora arriva la Super Donna e ci pensa lei a voi”.

Sono donne, non sono sceme.

Sono discriminati, non sono imbecilli.

Se si sentono prese e presi per il culo hanno perfettamente ragione.

Comunque in tutto questo una cosa mi conforta sempre: Più un’organizzazione è grande e con un budget multimiliardario, più è governata da imbecilli. E le occasioni per sorridere (con un po’ di tristezza) non mancano mai.

 

Magazine

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:431 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:760 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:827 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:864 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:1205 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1656 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli...

Leggi tutto

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:2032 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto