Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Tremate, tremate, Fumetto d'autore è tornato

editoriale fda nuovoDi Alessandro Bottero

Era il luglio del 2015 quando ci eravamo lasciati. Ricordate? Un editoriale sul referendum in Grecia e poi il silenzio. Che è successo? La vita, semplicemente la vita. Succede che basti un piccolo ritardo in un aggiornamento, un inconveniente, una scadenza che si salta e poi a poco a poco il ritardo si dilata sempre più e a un certo punto ti dici: “Ma come è possibile?”. Un sito si ferma, sta muto per quasi un anno e tre mesi. La cosa non è bella, e in un mondo ormai settato sulla velocità dei social, per cui se non hai 1.000 Mi Piace entro la prima ora in cui posti un testo o una tavola disegnata su Facebook o sugli altri social sei un fallito è indubbio che il silenzio non è stato un qualcosa di positivo. Sono anche sicuro che qualcuno (pochi però, sono arrivato a pensare) abbia gioito di questa sparizione.

Forse qualche “barista”, qualche groupie di questo o quell’autore, qualche wannabe che ritiene di farsi bello attaccando noi. Invece quello che ho scoperto girando per manifestazioni in tutto quest’anno è che il numero di persone e addetti ai lavori che mi dicevano “Ma quando riprendete Fumetto d’Autore? Era interessante leggerlo”, è molto superiore a quello che uno penserebbe se si prendessero per oro colato quello che scrivono in giro pochi e frenetici attivisti. Ricordo ancora quando i primi tempi di Fumetto d’Autore – e parliamo ormai di tanti anni fa visto che Fd'A ha iniziato nel 2009 – un addetto ai lavori diceva “Tutti ridono di voi”. O anche “Nessuno vi prende sul serio”. I fatti sono due: o tutti quelli con cui ho parlato in questo anno mi hanno mentito, o forse quell’addetto ai lavori non diceva la verità. Forse era convinto lo fosse, ma non lo era. In tutti questi mesi la mancanza di Fumetto d’Autore, ha pesato molto. Dall’estate 2015 a oggi sono successe molte cose nel mondo del fumetto, e molte volte quanto accaduto è sfuggito agli altri siti di settore, o è stato affrontato in modo parziale e sulla base di dichiarazioni ufficiali, comunicati stampa o “Ce l’ha detto la casa editrice, volete che non sia vero?”.

Il fatto che ll mercato delle edicole sia in continua contrazione è sostanzialmente passato sotto silenzio sui siti di settore. Il fatto che le nuove proposte spacciate come il capolavoro del 2016 in realtà fossero al più esercizi di illustrazione di grandi autori, ma la resa definitiva di una casa editrice un tempo caposaldo della precisione delle meccaniche narrative alla “Per la storia la buttiamo in caciara e diciamo che se non ci capisci niente allora è più bella proprio per questo”. Oppure – cosa positiva in questa annata – poco si è detto della gestione del materiale Disney da parte della Panini Comics, dinamica e molto interessante. E poi ci sarebbe da dire anche che bilanci alla mano, Zerocalcare da solo non può colmare passività a fine anno che si aggirano attorno a centinaia di migliaia di euri, o che potrebbe non bastare una storia per il trentennale, arrivata dopo che qualcuno ha visto che le royalties calavano. A invertire la tendenza. Ci sarebbe stato da dire molto sulle pedine che si sono spostate quest’anno. Simone Airoldi lascia la Panini e va in Bonelli. Alessio Danesi lascia la Lion e va in Saldapress. Chi ci ha guadagnato e chi ci ha rimesso? Ma anche gli anniversari. Dylan Dog arriva a trent’anni e si fanno mari e monti a Lucca. Nathan Never arriva a 25 e si e no una miniserie. E stendiamo un velo sulla “trilogia che rilancerà la serie”. Se per rilanciare si intende prenderei tre numeri, lanciarsi dalla finestra, correre in strada, raccoglierli , riportarli in casa, e lanciarli di nuovo, va bene.

E accanto a queste cose c’è tutto il resto dell’edicola. Qualcuno ha visto Lancio Story Maxi o Skorpio Maxi? Possibile che si riesca a trovare un modo per poter sfruttare una mole di materiale ricavabile dagli archivi Eura e Aurea che lascerebbe senza fiato se solo si capisse davvero cosa si ha tra le mani? Perché Mondadori Comics riesce a pubblicare fumetti francesi cartonati fatti bene, e invece altri no. E poi si sarebbe potuto e dovuto parlare in modo serio delle iniziative della Gazzetta, Thorgal e la collana avventura (e prima ancora quella Western) che sono la cosa migliore presente oggi in edicola.
Ovviamente poi il fumetto non è solo italiano. C’è tutto quel che accade altrove. Ci son i film ispirati ai fumetti, ci sono i festival, ci sono i cosiddetti inviati che fanno la cronaca di cosa succede, copiando i comunicati presenti sui siti delle manifestazioni, ma va bene così. In fin dei conti anche i call center sono delocalizzati, e chei siti di fumetti adottino un modus operandi “delocalizzato” per cui l’evento è là e io ne scrivo stando qua, ma dando l’idea di essere là è anche divertente, se vi piace la tragicommedia. Ci sono le vignette satiriche. Quelle che fanno ridere, e quelle che non fanno ridere. C’è il comico tedesco che viene messo sotto indagine perché Erdogan si incazza e dice alla Germania “O lo processate o i profughi ve li riprendete”. E il comico viene processato, in barba alla libertà di satira. Ci sono le vignette di Charlie Hebdo sul terremoto (non sulla mafia, sulle vittime del terremoto. Poche palle), e c’è chi si indigna. Ma l’errore tragico è di chi ha pensato che lo scorpione potesse cambiare natura, dimenticando la storiella induista. Su Charlie (Hebdo, non Brown) però torneremo.

Come disse Tortora quando tornò in Rai dopo aver vinto la sua battaglia contro una giustizia che lo voleva spazzare via, basandosi sulle bugie dei pentiti e la prevenzione di un pubblico ministero?
Ah sì: “Dove eravamo rimasti?”.
Dove eravamo rimasti?

Ps: un ringraziamento speciale va a Luciano Costarelli per avere realizzato il nuovo logo di Fumetto d'Autore!

Magazine

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:198 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:337 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:828 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1211 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli...

Leggi tutto

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:1476 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:12689 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:1489 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto