Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Una questione di memoria storica: Jack Kirby sceneggiatore terribile?

editoriale young romancedi Alessandro Bottero

È di questi ultimi giorni una polemichetta tutta estiva. Jack Kirby era un bravo sceneggiatore? Jack Kirby era un bravo SOGGETTISTA? Jack Kirby scriveva dialoghi da fare schifo?

Ora, il punto non è se uno dice che tizio o caio sono pessimi sceneggiatori. Apprezzo la sicurezza delle proprie opinioni, anche perché come dice il sommo Clint “Le Opinioni sono come le palle. Ognuno ne ha almeno due”. No. Il punto non è questo. La cosa che mi fa sorridere con tristezza quando leggo queste cose è che per il popolo di internet Jack Kirby è SOLO quello dal 1961 in poi. Ossia per i lettori che straparlano su Internet e sui forum (Comicus in particolare) il Jack Kirby PRIMA dei Fantastici Quattro non esiste, e pare che Jack Kirby abbia fatto solo Fantastici Quattro, Thor, Capitan America, e poi la saga del Quarto Mondo. Nient’altro. Bene signori, Jack Kirby lavorava a tempo pieno dal 1938 in poi e nei 25 anni prima dei Fantastici Quattro aveva fatto di tutto. Super eroi, western, fantascienza, umoristico, crime, e nel 1948 aveva inventato da solo il genere romance, vendendo milioni di copie con Young Romance della Prize.

Aveva cercato di fondare una sua casa editrice , la Headline, anni prima che il concetto di autoproduzione fosse anche solo pensato, e aveva scritto centinaia di storie. Quando Jack Kirby collabora con Stan Lee tra i due quello famoso, rispettato, quello che gli altri professionisti del settore guardavano con ammirazione era Kirby. Lee era il cognato di Goodman, che scriveva storie per la Timely passabili, ma nulla di più. C’erano decine di sceneggiatori più capaci di Lee. E quando sento che i dialoghi di Kirby per il Quarto Mondo sono pesanti, pomposi, retorici rido. E allora quelli che Lee scriveva per Silver Surfer o Thor che sono? Diciamoci la verità. La memoria storica del fan che scrive su Internet relativamente al mondo del fumetto è pari a quella di una effimera. Si e no ricorda cosa è successo l’altro ieri. La storia del fumetto americano inizia con Stan Lee e prima non esisteva nulla.

Certo, se si esamina l’opera di Kirby secondo i canoni delle scuole del fumetto Kirby non sapeva disegnare (anatomie esagerate per cui oggi lo boccerebbero agli esami) e non usa le tecniche della narrazione postmoderna. Ma era un narratore. Kirby sapeva narrare, e questo basta e avanza. Il problema di Kirby era che doveva lavorare per vivere e quando fallì il suo tentativo di diventare autonomo e gestire in prima persona il suo lavoro, dovette tornare a Canossa e piegarsi ai diktat dell’industria del fumetto. Possiamo dire che era un pessimo sceneggiatore. Ma per piacere, cerchiamo di imparare la storia prima di riscriverla.

Magazine

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:196 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:322 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:381 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:528 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1084 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:1768 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:2002 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto