Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Una questione di memoria storica: Jack Kirby sceneggiatore terribile?

editoriale young romancedi Alessandro Bottero

È di questi ultimi giorni una polemichetta tutta estiva. Jack Kirby era un bravo sceneggiatore? Jack Kirby era un bravo SOGGETTISTA? Jack Kirby scriveva dialoghi da fare schifo?

Ora, il punto non è se uno dice che tizio o caio sono pessimi sceneggiatori. Apprezzo la sicurezza delle proprie opinioni, anche perché come dice il sommo Clint “Le Opinioni sono come le palle. Ognuno ne ha almeno due”. No. Il punto non è questo. La cosa che mi fa sorridere con tristezza quando leggo queste cose è che per il popolo di internet Jack Kirby è SOLO quello dal 1961 in poi. Ossia per i lettori che straparlano su Internet e sui forum (Comicus in particolare) il Jack Kirby PRIMA dei Fantastici Quattro non esiste, e pare che Jack Kirby abbia fatto solo Fantastici Quattro, Thor, Capitan America, e poi la saga del Quarto Mondo. Nient’altro. Bene signori, Jack Kirby lavorava a tempo pieno dal 1938 in poi e nei 25 anni prima dei Fantastici Quattro aveva fatto di tutto. Super eroi, western, fantascienza, umoristico, crime, e nel 1948 aveva inventato da solo il genere romance, vendendo milioni di copie con Young Romance della Prize.

Aveva cercato di fondare una sua casa editrice , la Headline, anni prima che il concetto di autoproduzione fosse anche solo pensato, e aveva scritto centinaia di storie. Quando Jack Kirby collabora con Stan Lee tra i due quello famoso, rispettato, quello che gli altri professionisti del settore guardavano con ammirazione era Kirby. Lee era il cognato di Goodman, che scriveva storie per la Timely passabili, ma nulla di più. C’erano decine di sceneggiatori più capaci di Lee. E quando sento che i dialoghi di Kirby per il Quarto Mondo sono pesanti, pomposi, retorici rido. E allora quelli che Lee scriveva per Silver Surfer o Thor che sono? Diciamoci la verità. La memoria storica del fan che scrive su Internet relativamente al mondo del fumetto è pari a quella di una effimera. Si e no ricorda cosa è successo l’altro ieri. La storia del fumetto americano inizia con Stan Lee e prima non esisteva nulla.

Certo, se si esamina l’opera di Kirby secondo i canoni delle scuole del fumetto Kirby non sapeva disegnare (anatomie esagerate per cui oggi lo boccerebbero agli esami) e non usa le tecniche della narrazione postmoderna. Ma era un narratore. Kirby sapeva narrare, e questo basta e avanza. Il problema di Kirby era che doveva lavorare per vivere e quando fallì il suo tentativo di diventare autonomo e gestire in prima persona il suo lavoro, dovette tornare a Canossa e piegarsi ai diktat dell’industria del fumetto. Possiamo dire che era un pessimo sceneggiatore. Ma per piacere, cerchiamo di imparare la storia prima di riscriverla.

Magazine

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:135 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:553 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:1513 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinamtografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:1369 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:1701 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:1686 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:1677 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto