Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Da Roma a Catania, passando per il resto del mondo

etnacomics2015 editorialedi Alessandro Bottero

Il periodo aprile-giugno 2015 ha visto una serie di manifestazioni dedicate al fumetto molto intenso. Al di là di quelle a cui sono stato presente con incontri o semplice presenza da spettatore (Romics, Japan Fest, Napoli Comicon, Arf!, ed EtnaComics) ce ne sono state anche altre (Torino, Carrara, ecc…). Finita la girandola di partenze ed arrivi è possibile fermarsi e fare il punto della situazione. Come sembra il mondo del fumetto ORA, dopo aver incontrato persone in giro per l’Italia e aver toccato con mano come reagisce il pubblico alle proposte e alle novità? Diciamo subito una cosa. Se una manifestazione vuole essere popolare, ossia coinvolgere un pubblico numeroso deve abbandonare l’idea che il fumetto da solo basti. Non è vero. Il fumetto da SOLO non attira più.

O meglio il fumetto da solo attira ormai un pubblico minoritario all’interno del mondo dell’entertainment. Qualsiasi manifestazione, se aspira a fare numeri al di sopra delle 30.000 presenze (volevo dire 20.000 ma sarà generoso) paganti, ossia BIGLIETTI deve necessariamente prevedere cosplay, cartoni animati e cinema/Tv. Può piacere o meno ma è così. Il pubblico di massa va dove ci sono elementi di intrattenimento di massa. Il fumetto da solo non garantisce più numeri di massa. E la riprova si ha se si confrontano i numeri di un Arf!, festival pensato programmaticamente solo per i fumetti e manifestazioni come Romics o EtnaComics o Napoli Comicon, dove invece è l’entertainment a 360° a essere l’obiettivo. 10.000 presenze paganti all’Arf!, contro le oltre 100.000 di Romics e del Comicon di Napoli e le circa 60.000 di Etna comics. I numeri da soli non sono indice e segno di qualità, ovvio, ma sono un dato. È ovvio che se organizzo un festival dell’ebanisteria rinascimentale mi rivolgerò a un pubblico più di nicchia - sicuramente più specializzato e competente – che se organizzassi un festival dell’Ikea. Obiettivi diversi generano numeri diversi.

La stupidità – o presunzione – sarebbe pretendere che il mio disco di musica noise concettuale DEBBA vendere quando l’hit dance. E il fallimento si ha quando quello che è pensato per la massa, attira numeri da condominio. Mi sento di dire che le cinque manifestazioni da me seguite sono state tute positive. Secondo me hanno colto gli obiettivi che si erano proposti, sia pure con margini di miglioramento. Romics ad esempio, è molto forte nel settore cinema, e nell’ottica di una proposta di intrattenimento a 360# gradi per chi viene si può imparare da lei. La cosa su cui si può lavorare molto nel suo caso è l’offerta di incontri, dove invece l’Arf!, è risultato vincente. Onestamente erano anni che non vedevo folle simili agli incontri e la cosa è molto bella. Ma va detto che il rischio è che le persone non siano venute all’Arf!, ma solo a sentire un incontro. La differenza è sottile ma molto profonda. Una manifestazione deve avere come obiettivo quello di far entrare una persona nel suo spazio e trattenerlo con tutta una serie di cose, eventi, proposte non solo di incontri ma anche di novità editoriali (se ci limitiamo al fumetto). Chi viene, ascolta UN incontro e poi se ne va in realtà sarebbe potuto anche andare a una sala conferenze. È stato l’incontro a muoverlo, non l’evento Festival. Lo stesso problema può averlo il Japan Fest di Catania, festival dedicato al mondo dell’Oriente in tutte le sue sfumature. Anche qui il rischio è che sia il singolo evento a richiamare la persona. A mitigare questo pericolo c’è il forte senso di appartenenza sociale che anima il mondo del Cosplay e degli appassionati di Anime/Manga, senso di appartenenza sociale che nel mondo del fumetto non-orientale è progressivamente scemato. L’appassionato di anime o Cosplay quindi viene sì a sentire tizio o caio, ma poi si sente parte di una comunità e quindi rimane nell’evento. Chi viene a sentire Tizio o a farsi fare la firma da Zerocalcare una volta ottenuto il suo scopo se ne va. Non si sente parte di una comunità.

Romics e Etna Comics poi hanno visto il fenomeno degli Youtubers. Ubn padiglione di Romics aveva uno spazio dedicato a questi nuovi fenomeni di aggregazione di massa giovanile, e devo dire che mi sono spaventato. Un giorno sono andato nel padiglione, precisamente per vedere con i miei occhi cosa succedeva, e ho visto scene di idolatria mediatica quasi inconcepibili per me, vecchio e vetusto fumettista. Migliaia di ragazzini/e si accalcavano per farsi delle foto (scusate, ma a selfie preferisco l’italianissimo farsi una foto) assieme allo/a youtuber o farsi firmare delle magliette. È questo il presente? È questa la generazione a cui si dovrebbe pensare quando si progettano serie nuove a fumetti. Ormai il Cosplay, che sembrava il nuovo che avanzava cinque anni fa, è superato. Facebook è vecchio. Twitter resiste a fatica. Il pubblico dei 13/16, ossia quello che per anni è stato il sacro graal dei fumetti manga, ora è dedito ai vine, agli youtubers, e così via.

Dopo Sio - vera rivelazione di questa annata con decine di migliaia di copie vendite dei suoi volumi - gli editori si accapigliano per scovare i nuovi fenomeni che da Youtube e/o Facebook riescono a sbarcare su carta. A Etnacomics ho visto più di un editore parlare con ragazzi che presentavano i loro progetti NON nati su carta, ma già viventi su YouTube o su Facebook. Lo scouting sui social sta diventando sempre più parte integrante del compito di un direttore editoriale che si deve guadagnare lo stipendio. Etna Comics ha chiuso questa sequela di appuntamenti e devo dire come sempre in modo ottimo. È la manifestazione più accogliente verso gli ospiti, quasi al livello di coccolamento eccessivo, ed è una manifestazione dove gli incontri - anche quelli culturalmente più impegnativi – sono sempre seguiti. Forse è quella che riesce a trovare un equilibrio tra esigenza di fare numeri popolari, e offerta culturale di buon livello – seguita dagli appassionati. La sottolineatura è importante perché anche Romics, o Napoli Comicon offrono buoni incontri, ma la partecipazione è molto più scarsa che a Catania. Ora vado in letargo estivo fino a settembre quando si terrà la prima edizione del Palermo Comicon, manifestazione che dalle premesse appare molto interessante.

etnacomics manifesto 2015

Magazine

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:135 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:553 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:1513 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinamtografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:1369 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:1701 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:1686 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:1677 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto