Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Abbiamo visto Avengers: Age of Ultron

avengers aou editorialedi Alessandro Bottero

Chiariamo subito le cose. Se non volete sapere cose riguardo al film smettete di leggere. Io il film l’ho visto ed essendo queste delle riflessioni sul film non ho alcuno scrupolo a dire cosa succeda nella pellicola. Volete andarlo a vedere senza sapere nulla? Allora passate ad un altro sito. Semplice. Se invece siete ancora qui siete avvisati. Iniziamo subito col finale. I Vendicatori (Avengers farà globalizzazione ma ridicolo. Siamo in Italia e questi sono i Vendicatori.) vincono. E nemmeno tanto difficilmente. Ultron? Si carino, ma moooooooolto somigliante come design, come movenze e come recitazioni a Ratchet, il cattivo del film di animazione Robots, prodotto dalla Blue Sky/20th Centuri Fox nel 2005. Intendiamoci, Robots è un bel film e a me è piaciuto davvero molto, ma avrei evitato un calco così palese del personaggio.

Cosa succede nel film? Tanto per cominciare chiariamo subito che il titolo è uno specchietto per le allodole grosso come l’Everest. Avengers: Age of Ultron il film non c’entra niente niente niente niente con Avengers: Age of Ultron il fumetto. Ma no niente. NIENTE!!!!!!! In realtà questo film è un’interessante mix di elementi tratti da Avengers vol.1 16 (dove si vede l’ingresso nel gruppo di Scarlet Witch e Quicksilver e il cambio di formazione del gruppo), Avengers vol.1 57-58 (dove si vede l’ingresso nel gruppo di Visione e si scopre che Ultron è un robot creato da uno scienziato buono del cosmo Marvel, nel fumetto HenryPym e qui Tony Stark & Bruce Banner), e Avengers vol. 2 19-22 (dove si vede Ultron che uccide tutti gli abitanti di una micronazione dell’Est Europa ossia la Slorenia e i Vendicatori combattono contro un esercito di migliaia di robot simi-Ultron, prima di vedersela faccia a faccia con lui. Aggiungiamo anche Avengers vol.1 2 (dove si vede Hulk che abbandona il gruppo).

Insomma più che alla Marvel del 21° secolo questo film narrativamente strizza l’occhio al primissimo periodo del gruppo, con in più una citazione della storia di Busiek e Pérez sulla Slorenia. Abbiamo poi la citazione di Wakanda, per tenere aperta la porta ad un ipotetico possibile film dedicato a Pantera Nera, e scene che accennano al passato della Vedova Nera (possibile retroterra per un film action) e i prossimi film su Thor (Thor Ragnarok) e dei Vendicatori (Avengers: Infinity War 1 & 2). È vero, alcuni personaggi sono approfonditi rispetto al primo film, soprattutto la Vedova Nera, Hulk, e Occhio di Falco, ma i nuovi (Scarlet Witch, Quicksilver, Falcon, War Machine e lo stesso Visione) sono introdotti in modo molto meccanico, quasi macchiettistico (War Machine è un gigione con l’armatura e poco più).

Ci sono alcuni punti poco chiari. Se Visione, ossia la versione upgradata di JARVIS, riesce a scollegare Ultron da Internet, chiudendogli poi gli accessi alla rete, come mai non recide anche il collegamento tra Ultron e le unità robot, permettendo a Ultron di controllarle a distanza? Oltretutto visto che Visione ha incastonata nella fronte la Mind Gem, che gli permette di leggere e controllare le menti. Perché non la usa per far finire il film mezz’ora prima e impedire che la Sokovia sia sollevata in aria e succeda un gran casino?

E veniamo alla morte di Quicksilver. Sì, perché apparentemente nel film pare morto, falciato da una scarica di mitra da un simil-Ultron.

Ma:

- prima cosa, dopo non viene visto in un bodybag, ma steso a terra, come potrebbe essere un ferito;

- seconda cosa, non si dice che è morto;

- terza cosa; in una scena precedente Quicksilver era stato ferito a un braccio da un poliziotto ed era guarito in pochi secondi, probabilmente per la velocità del suo metabolismo di guarire.

Tutto lascerebbe pensare che sia ancora vivo.

Però:

- prima cosa Scarlet Witch sbrocca e dice a Ultron che è morta, alludendo alla possibile morte del fratello, e gli strappa il cuore meccanico dal petto;

- seconda cosa Quicksilver non è nella squadra di Vendicatori che appare alla fine del film.

Quindi forse è morto davvero. Effettivamente Quicksilver è un personaggio un po’ farlocco per la Marvel, e ha sempre sofferto il paragone con Flash della DC Comics. La voce è che la Marvel con Namor ha il personaggio sottomarino migliore e Aquaman della DC Comics viene dopo, mentre la DC Comics con Flash ha quello veloce miglioree la Marvel non riesce a dotarsi di un personaggio super veloce all’altezza. Quicksilver non è un personaggio tale da mettere in moto un merchandising e quindi la sua presenza o meno non incide. Probabilmente però, se il trend è quello di utilizzare elementi dei primi anni della storia della Marvel potrebbe riapparire nei panni di cattivo (sempre che la Marvel nei film intenda seguire la storyline classica dell’amore tra Scarlet Witch e Visione con conseguente gelosia di Quicksilver) al soldo di Thanos in Avengers: Infinity War 1&2, recuperando così una vecchia storyline che apparve su due annual di Avengers e Avengers West Coast negli anni ’80. Sarebbe interessante e assolverebbe al classico cliché narrativo del traditore all’interno di un gruppo. Ma chi vivrà vedrà. La fine della storia è classicissima. I buoni vincono, i Vendicatori cambiano formazione perché Thor e Iron Man si prendono una pausa (seguendo il canone stabilito nei fumetti) e una nuova formazione è pronta a scendere in pista. E Ultron? Non sappiamo. L’ultima volta che lo vediamo è da solo con Visione, e apparentemente Visione lo uccide, ma la scena è solo suggerita da un lampo in campo lunghissimo. Visione l’ha ucciso o ne ha assorbito la coscienza? Nel dialogo finale Visione concorda con Ultron che l’umanità sia spacciata Perché? E a causa di chi o cosa? Ultron era al soldo di Thanos? E se Thanos, come ci mostra la scena dopo i titoli di coda è in possesso del Guanto dell’Infinto, è in contatto con la Mind Gem e le altre Gemme dell’Infinito sparse nell’Universo Filmico Marvel? E se sì è solo un contatto o le controlla? Forse che il futuro possibile traditore all’interno del gruppo è Visione, presentato come più potente di tutti i Vendicatori e (GRANDE cambiamento rispetto al fumetto) degno di sollevare il Martello di Thor? E anche qui…. Se Visione è in possesso della Mind Gem che gli permette di controllare le menti ha VERAMENTE sollevato il martello di Thor o ha solo fatto CREDERE tutti di averlo fatto per mascherare i suoi veri scopi? Se osservate attentamente le scene finali noterete che a un certo punto Visione fa un sorrisetto, un sorrisetto abbastanza inquietante. Perché? Il punto è che i film della Marvel non sono mai chiusi in se stessi, ma sono ciascuno inserito in un discorso di continuity molto stretta. Personaggi provenienti da tutti i film appaiono nelle varie pellicole, e non mi riferisco solo ai protagonisti. In questo Avengers: Age of Ultron troviamo il professore che ha aiutato Thor, e riferimenti a Thor: The Dark World.

Chiudo. Un capolavoro? Sinceramente no. Un film gradevole, con moltissime macchine che esplodono (mio personale indice di soddisfazione) e un ritmo che varia dal veloce al frenetico nei combattimenti. Buono l’inizio con lo scontro tra Vendicatori e Strucker. Interessante l’intermezzo con il Vibranio sul cargo. Utili, per chi li sa leggere, gli accenni ai film futuri, frenetico lo scontro tra Hulk e Iron Man nella città africana (forse troppo lungo) e visivamente maniloquente lo scontro finale. Effetti speciali ben fatti, e qualche battuta di ottimo livello. Ma tanto, forse troppo sembra ormai di routine.

avengers aou film

Magazine

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:196 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:323 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:381 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:528 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1084 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:1768 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:2002 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto