Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Abbiamo visto Avengers: Age of Ultron

avengers aou editorialedi Alessandro Bottero

Chiariamo subito le cose. Se non volete sapere cose riguardo al film smettete di leggere. Io il film l’ho visto ed essendo queste delle riflessioni sul film non ho alcuno scrupolo a dire cosa succeda nella pellicola. Volete andarlo a vedere senza sapere nulla? Allora passate ad un altro sito. Semplice. Se invece siete ancora qui siete avvisati. Iniziamo subito col finale. I Vendicatori (Avengers farà globalizzazione ma ridicolo. Siamo in Italia e questi sono i Vendicatori.) vincono. E nemmeno tanto difficilmente. Ultron? Si carino, ma moooooooolto somigliante come design, come movenze e come recitazioni a Ratchet, il cattivo del film di animazione Robots, prodotto dalla Blue Sky/20th Centuri Fox nel 2005. Intendiamoci, Robots è un bel film e a me è piaciuto davvero molto, ma avrei evitato un calco così palese del personaggio.

Cosa succede nel film? Tanto per cominciare chiariamo subito che il titolo è uno specchietto per le allodole grosso come l’Everest. Avengers: Age of Ultron il film non c’entra niente niente niente niente con Avengers: Age of Ultron il fumetto. Ma no niente. NIENTE!!!!!!! In realtà questo film è un’interessante mix di elementi tratti da Avengers vol.1 16 (dove si vede l’ingresso nel gruppo di Scarlet Witch e Quicksilver e il cambio di formazione del gruppo), Avengers vol.1 57-58 (dove si vede l’ingresso nel gruppo di Visione e si scopre che Ultron è un robot creato da uno scienziato buono del cosmo Marvel, nel fumetto HenryPym e qui Tony Stark & Bruce Banner), e Avengers vol. 2 19-22 (dove si vede Ultron che uccide tutti gli abitanti di una micronazione dell’Est Europa ossia la Slorenia e i Vendicatori combattono contro un esercito di migliaia di robot simi-Ultron, prima di vedersela faccia a faccia con lui. Aggiungiamo anche Avengers vol.1 2 (dove si vede Hulk che abbandona il gruppo).

Insomma più che alla Marvel del 21° secolo questo film narrativamente strizza l’occhio al primissimo periodo del gruppo, con in più una citazione della storia di Busiek e Pérez sulla Slorenia. Abbiamo poi la citazione di Wakanda, per tenere aperta la porta ad un ipotetico possibile film dedicato a Pantera Nera, e scene che accennano al passato della Vedova Nera (possibile retroterra per un film action) e i prossimi film su Thor (Thor Ragnarok) e dei Vendicatori (Avengers: Infinity War 1 & 2). È vero, alcuni personaggi sono approfonditi rispetto al primo film, soprattutto la Vedova Nera, Hulk, e Occhio di Falco, ma i nuovi (Scarlet Witch, Quicksilver, Falcon, War Machine e lo stesso Visione) sono introdotti in modo molto meccanico, quasi macchiettistico (War Machine è un gigione con l’armatura e poco più).

Ci sono alcuni punti poco chiari. Se Visione, ossia la versione upgradata di JARVIS, riesce a scollegare Ultron da Internet, chiudendogli poi gli accessi alla rete, come mai non recide anche il collegamento tra Ultron e le unità robot, permettendo a Ultron di controllarle a distanza? Oltretutto visto che Visione ha incastonata nella fronte la Mind Gem, che gli permette di leggere e controllare le menti. Perché non la usa per far finire il film mezz’ora prima e impedire che la Sokovia sia sollevata in aria e succeda un gran casino?

E veniamo alla morte di Quicksilver. Sì, perché apparentemente nel film pare morto, falciato da una scarica di mitra da un simil-Ultron.

Ma:

- prima cosa, dopo non viene visto in un bodybag, ma steso a terra, come potrebbe essere un ferito;

- seconda cosa, non si dice che è morto;

- terza cosa; in una scena precedente Quicksilver era stato ferito a un braccio da un poliziotto ed era guarito in pochi secondi, probabilmente per la velocità del suo metabolismo di guarire.

Tutto lascerebbe pensare che sia ancora vivo.

Però:

- prima cosa Scarlet Witch sbrocca e dice a Ultron che è morta, alludendo alla possibile morte del fratello, e gli strappa il cuore meccanico dal petto;

- seconda cosa Quicksilver non è nella squadra di Vendicatori che appare alla fine del film.

Quindi forse è morto davvero. Effettivamente Quicksilver è un personaggio un po’ farlocco per la Marvel, e ha sempre sofferto il paragone con Flash della DC Comics. La voce è che la Marvel con Namor ha il personaggio sottomarino migliore e Aquaman della DC Comics viene dopo, mentre la DC Comics con Flash ha quello veloce miglioree la Marvel non riesce a dotarsi di un personaggio super veloce all’altezza. Quicksilver non è un personaggio tale da mettere in moto un merchandising e quindi la sua presenza o meno non incide. Probabilmente però, se il trend è quello di utilizzare elementi dei primi anni della storia della Marvel potrebbe riapparire nei panni di cattivo (sempre che la Marvel nei film intenda seguire la storyline classica dell’amore tra Scarlet Witch e Visione con conseguente gelosia di Quicksilver) al soldo di Thanos in Avengers: Infinity War 1&2, recuperando così una vecchia storyline che apparve su due annual di Avengers e Avengers West Coast negli anni ’80. Sarebbe interessante e assolverebbe al classico cliché narrativo del traditore all’interno di un gruppo. Ma chi vivrà vedrà. La fine della storia è classicissima. I buoni vincono, i Vendicatori cambiano formazione perché Thor e Iron Man si prendono una pausa (seguendo il canone stabilito nei fumetti) e una nuova formazione è pronta a scendere in pista. E Ultron? Non sappiamo. L’ultima volta che lo vediamo è da solo con Visione, e apparentemente Visione lo uccide, ma la scena è solo suggerita da un lampo in campo lunghissimo. Visione l’ha ucciso o ne ha assorbito la coscienza? Nel dialogo finale Visione concorda con Ultron che l’umanità sia spacciata Perché? E a causa di chi o cosa? Ultron era al soldo di Thanos? E se Thanos, come ci mostra la scena dopo i titoli di coda è in possesso del Guanto dell’Infinto, è in contatto con la Mind Gem e le altre Gemme dell’Infinito sparse nell’Universo Filmico Marvel? E se sì è solo un contatto o le controlla? Forse che il futuro possibile traditore all’interno del gruppo è Visione, presentato come più potente di tutti i Vendicatori e (GRANDE cambiamento rispetto al fumetto) degno di sollevare il Martello di Thor? E anche qui…. Se Visione è in possesso della Mind Gem che gli permette di controllare le menti ha VERAMENTE sollevato il martello di Thor o ha solo fatto CREDERE tutti di averlo fatto per mascherare i suoi veri scopi? Se osservate attentamente le scene finali noterete che a un certo punto Visione fa un sorrisetto, un sorrisetto abbastanza inquietante. Perché? Il punto è che i film della Marvel non sono mai chiusi in se stessi, ma sono ciascuno inserito in un discorso di continuity molto stretta. Personaggi provenienti da tutti i film appaiono nelle varie pellicole, e non mi riferisco solo ai protagonisti. In questo Avengers: Age of Ultron troviamo il professore che ha aiutato Thor, e riferimenti a Thor: The Dark World.

Chiudo. Un capolavoro? Sinceramente no. Un film gradevole, con moltissime macchine che esplodono (mio personale indice di soddisfazione) e un ritmo che varia dal veloce al frenetico nei combattimenti. Buono l’inizio con lo scontro tra Vendicatori e Strucker. Interessante l’intermezzo con il Vibranio sul cargo. Utili, per chi li sa leggere, gli accenni ai film futuri, frenetico lo scontro tra Hulk e Iron Man nella città africana (forse troppo lungo) e visivamente maniloquente lo scontro finale. Effetti speciali ben fatti, e qualche battuta di ottimo livello. Ma tanto, forse troppo sembra ormai di routine.

avengers aou film

Magazine

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:413 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto

Fumetto digitale: caratteristiche ed effetti

03-03-2017 Hits:774 Off Topic Redazione

di Leandro Amodio. Internet è ormai diffuso a livello planetario, e sul mercato dell'elettronica di consumo è sempre più dilagante la presenza di dispositivi, che permettono di accedervi in completa mobilità, principalmente smartphone e tablet. Il mondo dell'editoria (libri, riviste e, ovviamente, fumetti) non è rimasto indifferente dinanzi a questo...

Leggi tutto

Shamo, gli spokon e il cugino che ce l’ha fatta

20-02-2017 Hits:1105 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. La strada dei manga sportivi giapponesi è lastricata di buone intenzioni: la competizione, infatti, è un teatro più che funzionale perfetto per mettere in scena vicende personali oltre che fungere da metafora a storie di riscatto, magari elogiando lo spirito di squadra o il mettercela tutta per...

Leggi tutto

Pasticcini Marci: alcune tavole in anteprima

19-02-2017 Hits:916 Autori e Anteprime Redazione

Edito da IT Comics, a Cartoomics uscirà il secondo numero di Pasticcini Marci (Albrignani, Sonseri) serie di leggero stampo underground che ingloba satira di costume e parodia attraverso uno stile visivo iconico e un linguaggio moderno e incalzante. A seguire la cover e alcune tavole in anteprima del secondo volume.      

Leggi tutto

RINASCITA DC: MOTIVAZIONI E PRIMI RISULTATI

14-02-2017 Hits:1218 Autori e Anteprime Redazione

  di Leandro Amodio. Con lo scopo di recuperare la recente e sensibile flessione registrata nelle vendite, la DC Comics ha deciso di avviare il progetto Rebirth (Rinascita). Non si tratta, come si potrebbe intuire dal termine scelto, di una totale riscrittura delle origini relative ai personaggi più popolari della casa...

Leggi tutto

In ricordo di Angela Giussani

12-02-2017 Hits:1042 Autori e Anteprime Redazione

Esattamente trent'anni fa, il 12 febbraio 1987, ci lasciava Angela Giussani l'autrice che, insieme alla sorella Luciana, diede vita al mito di Diabolik. Come appassionati della nona arte volentieri condividiamo questo ricordo edito dalla casa editrice Astorina.   ANGELA GIUSSANI A 30 anni dalla morte la casa editrice Astorina ricorda una delle due...

Leggi tutto