Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Fare fumetti può costare la vita: 11 morti in Francia per la satira contro l’Islam

di Alessandro Bottero

Nel mondo del fumetto italiano da qualche anno è diventato facile e soprattutto lucroso, attaccare la chiesa cattolica, dipingendola come brutta, cattiva, bigotta, oscurantista, stupida, pedofila e così via. Qualche esempio? Don Zauker, Suore Ninja, autoproduzioni a gogò, e altre piacevolezze. Quasi sempre, tranne poche eccezioni, si tratta di prodotti nemmeno divertenti, ma al massimo rancorosi, o cliché-osi. Ma tanto fanno figoso, e così siamo tutti contenti. È fichissimo attaccare, accusando di essere perfido e criminale, chi non può fare nulla. Direi che siamo dalle parti del “Vi piace vincere facile”, ma si sa. A confronto di certi autori di fumetti italiani Don Abbondio sembra John Rambo. Intanto però nel mondo reale chi ha davvero le palle (e scusate il maschilismo rozzo dell’espressione, ma rende bene l’idea) e dirige la satira contro chi se la merita davvero non viene acclamato e lodato. No. In Francia chi si permette di fare satira sull’Islam lo ammazzano. È notizia di oggi che la redazione del periodico Charlie Hebdo, la sede della rivista, che era già stata distrutta da un incendio provocato da un lancio di molotov. è stata assalita da un commando di fondamentalisti islamici (e uso queste due definizioni in modo voluto e preciso, perché si tratta di FONDAMENTALISTI e ISLAMICI, non di criminali comuni o semplici pazzerelli) che ha voluto vendicare le offese che la rivista aveva arrecato, per loro, al Profeta, ossia a Maometto. Secondo l’Islam infatti non è permesso raffigurare il Profeta, e meno che meno raffigurarlo in modo satirico. Chalrie Hebdo però non si mai calato le braghe, come capita spesso invece da noi, e ha continuato a far quello che credeva lecito. Le sue vignette erano di cattivo gusto? Può essere. Erano divertenti? Magari anche no. Ma non importa. Importa che Charlie Hebdo aveva capito che è troppo facile “vincere facile” e che se dichiari che “si deve fare satira su tutti, sempre, e senza limiti”, allora devi farla anche sull’Islam, non solo sulla Chiesa Cattolica. Ovviamente in Italia gli autori dal forte e robusto spirito laico e illuminato di tutto questo se ne guardano bene. La risposta è sempre la stessa “Non è una cosa che ci riguarda. Mica abbiamo l’Islam in casa”. E questa è una idiozia, detta da chi si mette le mani su tutti e due gli occhi e non vede cosa succede quando i ragazzi e le ragazze di fede islamica cresciute in Italia, a contatto con i valori della nostra società cercano di emanciparsi dal retroterra della famiglia di origine. Ma si sa… se non VUOI vedere, è inutile indicarti le cose. Comunque il dato di fatto è che ci sono 11 morti perché delle persone hanno pensato che l’esercizio della libertà di pensiero andava portato avanti in tutte le direzioni, non solo contro il Papa o la Chiesa. 11 morti per delle vignette satiriche sul Profeta Maometto. E il dato di fatto è che il fondamentalismo Islamico arriva a spingere persone ad uccidere chi raffigura Maometto in una vignetta. Allora, come fece John Kennedy, che quando i Sovietici isolarono Berlino Ovest sperando di prenderla per fame disse chiaro e forte "Ich Bin eine Berliner" (Io sono un Berlinese) e gli USA aiutarono Berlino Ovest a resistere vanificando il progetto Sovietico, il mondo del fumetto italiano dovrebbe dire TUTTO "Je Suis Charlie Hebdo", e sbattere in prima pagina su siti, blog, pagine Facebook e riviste, le vignette che tanto fanno incazzare i fondamentalisti islamici. Cari fondamentalisti islamici…Ammazzateci tutti, tanto sempre bastardi restate.

PS. Noto invece che degni opinion leader del mondo del fumetto si divertono a sprecare tempo e fiato sulla vicenda dei marò, prigionieri del governo indiano (e uso il termine prigionieri in senso proprio e voluto). Certo, che una voce autorevole di una casa editrice che ha fatto del suo essere popolare la cifra del suo successo si diverta in questi modi iconoclasti e molto radical chic fa un po’ ridere. Penso che Tex se avesse avuto Kit Carson e Tiger Jack prigionieri del governo messicano con accuse impeccabili dal punto di vista formale se ne sarebbe fregato della forma legalista e sarebbe andato a liberare i suoi amici, ma si sa…L’importante è l’immagine del personaggio che si proietta sui social….

charlie ebdo vig


Magazine

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:198 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:337 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:828 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1211 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli...

Leggi tutto

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:1476 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:12689 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:1489 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto