Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » una storiella di cyberbullismo, fumetti e altro

editoriale cyberbullismodi Alessandro Bottero

Sempre più spesso si legge che Internet non è quella panacea universale dei mali, o Terra Promessa della Democrazia e del Rispetto Umano. Al di là degli interessanti moniti di Federico Rampini sui nuovi padroni della rete, il dibattito sul cyberbullismo è sempre più vivo. Però, come sempre, i bulli sono altri. Noi ci stavamo solo divertendo, noi non volevamo mica fare chissacchè, oppure Lui se lo merita perché … con tutte le variazioni del caso. Insomma, nel mondo virtuale di FB, forum e altro l’ipocrisia regna sovrana. Il cyberbullismo è bruttissimo quando lo leggiamo sui giornali, ma poi quando il capo ordina e io attacco il nemico e lo attacco per ucciderlo.

Potremmo fare decine e decine di esempi, anche solo pescando all’interno dei siti, pagine Facebook e forum legati al mondo del fumetto italiano, ma invece di fare nomi e cognomi voglio raccontarvi una storia.

C’è un tipo che vive in una città. Questi tipo ha un’edicola, quindi per le dinamiche della distribuzione su scala nazionale può capitare che riceva un fumetto uno o die giorni prima di altre parti d’Italia (cosa elementare, ma che invece molti lettori ignorano preferendo teorie complottistiche). Questo tipo legge un fumetto pubblicato da una casa editrice il cui nome inizia per B. Il fumetto è l’ultimo numero di una serie, o se preferite stagione. Il fumetto è molto atteso, perché attorno ad esso da almeno quattro anni è stato creato un clima di hype senza precedenti. È il numero finale della prima stagione e i lettori (quelli rimasti a seguirlo) lo attendono, lo agognano, lo bramano. Il tipo lo legge, e visto che ha un canale su Youtube dove pubblica quello che accidenti gli pare (e ha tutti i diritti di farlo, come milioni di persone in tutto il mondo che pubblicano video su Youtube e non si ritrovano ad essere attaccati in branco) decide di fare una videorecensione. Ora, siccome non è un attore professionista, magari il video è confuso, ma il tipo riesce lo stesso a dire quello che voleva dire, e soprattutto, visto che parla di un fumetto ormai USCITO IN EDICOLA quindi appartenente al PASSATO dice come finisce la stagione e come si chiamerà la serie che racconterà la seconda stagione.

A questo punto la nostra storia potrebbe seguire varie direzioni. La prima: la cosa non suscita particolare scalpore, dopo un paio di giorni tutto si dissolve nel mare magnum della rete, e si passa a un altro video e un’altra recensione. La seconda: qualcuno molto legato alla serie in oggetto non prende benissimo la cosa, e usa la sua pagina Facebook per regolare i conti con costui che ha osato a) non parlare bene della serie, b) rivelare cose segrete, anche se a rigor di logica queste cose segrete le conosceva chiunque avesse letto l’albo. Nella nostra storia la scelta è la seconda. Su una pagina Facebook viene indicato questo video, ma non per segnalarlo asetticamente, o dire “Grazie. Perlomeno hai comprato il fumetto e hai speso il tuo tempo per parlarne”. No. Oltre 700 commenti servono solo a distruggere mediaticamente l’autore di tanto vilipendio. 700 contro 1. Il blasfemo ha osato attaccare il Totem e quindi la tribù deve punirlo. Perché dico punirlo? Perché la nostra storia ha un’altra diramazione. Il tipo del video aveva anche una pagina Facebook. Molti amici, pochi amici, non importa. Importa che si faceva gli affari suoi, non dava fastidio a nessuno e pubblicava le sue cosette, così come milioni di persone fanno ogni giorno. Beh, la tribù, o forse è meglio chiamarlo Branco, decide di attuare un attacco di massa. Segnala la pagina del tipo del video a Facebook in massa, e Facebook , solo ed unicamente per la mole di segnalazioni, decide che una pagina che suscita tali reazioni va contro alla regole di Facebook e quindi la sospende d'ufficio, senza nemmeno stare a vedere se le segnalazioni dicevano il vero. In pratica il branco, per la pura forza del numero, uccide il singolo.

Ma vediamo una cosa sempre più interessante nella nostra sotria. A un certo punto un’altra persona decide di rilanciare il video della prima sulla sua pagina Facebook, e un amico della persona che ha deciso di fare questo commenta per dirgli “XXXX , io ti stimo, ma perché dai spazio alle farneticazioni di quel tipo?”. Alla risposta che esiste la libertà dio parola, e che il tipo in questione aveva solo esercitato un diritto di opinione, cosa che se vogliamo gli Antifascisti di professione dovrebbero sapere ed apprezzare, la risposta è stata “Certo, la libertà di parola esiste, ma non per questo dobbiamo parlare di questa cosa”. Ossia la teorizzazione di un cordone sanitario contro chi rompe i coglioni, o attacca gli amici.

La storia come finisce? Finisce che il tipo crea un’altra pagina Facebook e continua a fare le sue cose, finisce che una persona solo per aver espresso un’opinione contraria al PUA (Pensiero Unico Approvato) è stata attaccata senza possibilità o diritto di difesa. Finisce con Ominicchi e Quaqquaraqqua che circolano liberi per gli spazi del web (Facebook in primis). La cosa mi Stupisce? Assolutamente no. Chi ha potere attrae sempre seguaci, e chi non ne ha sempre viene schernito dalla folla priva di senno.

PS. Qualcuno potrebbe dirmi “Scusa ma perché non fai i nomi?” Perché questa è una storia, mica un’indagine o un resoconto. È una favoletta. Magari me la sono inventata del tutto. O Magari invece no. Se siete attenti e volete capire cosa si celi dietro i paludati versi usate quelle che Poirot chiamava cellule grigie. Sennò basti la storiella.

Magazine

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:198 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:337 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:828 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1211 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli...

Leggi tutto

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:1476 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:12689 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:1489 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto