Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » una storiella di cyberbullismo, fumetti e altro

editoriale cyberbullismodi Alessandro Bottero

Sempre più spesso si legge che Internet non è quella panacea universale dei mali, o Terra Promessa della Democrazia e del Rispetto Umano. Al di là degli interessanti moniti di Federico Rampini sui nuovi padroni della rete, il dibattito sul cyberbullismo è sempre più vivo. Però, come sempre, i bulli sono altri. Noi ci stavamo solo divertendo, noi non volevamo mica fare chissacchè, oppure Lui se lo merita perché … con tutte le variazioni del caso. Insomma, nel mondo virtuale di FB, forum e altro l’ipocrisia regna sovrana. Il cyberbullismo è bruttissimo quando lo leggiamo sui giornali, ma poi quando il capo ordina e io attacco il nemico e lo attacco per ucciderlo.

Potremmo fare decine e decine di esempi, anche solo pescando all’interno dei siti, pagine Facebook e forum legati al mondo del fumetto italiano, ma invece di fare nomi e cognomi voglio raccontarvi una storia.

C’è un tipo che vive in una città. Questi tipo ha un’edicola, quindi per le dinamiche della distribuzione su scala nazionale può capitare che riceva un fumetto uno o die giorni prima di altre parti d’Italia (cosa elementare, ma che invece molti lettori ignorano preferendo teorie complottistiche). Questo tipo legge un fumetto pubblicato da una casa editrice il cui nome inizia per B. Il fumetto è l’ultimo numero di una serie, o se preferite stagione. Il fumetto è molto atteso, perché attorno ad esso da almeno quattro anni è stato creato un clima di hype senza precedenti. È il numero finale della prima stagione e i lettori (quelli rimasti a seguirlo) lo attendono, lo agognano, lo bramano. Il tipo lo legge, e visto che ha un canale su Youtube dove pubblica quello che accidenti gli pare (e ha tutti i diritti di farlo, come milioni di persone in tutto il mondo che pubblicano video su Youtube e non si ritrovano ad essere attaccati in branco) decide di fare una videorecensione. Ora, siccome non è un attore professionista, magari il video è confuso, ma il tipo riesce lo stesso a dire quello che voleva dire, e soprattutto, visto che parla di un fumetto ormai USCITO IN EDICOLA quindi appartenente al PASSATO dice come finisce la stagione e come si chiamerà la serie che racconterà la seconda stagione.

A questo punto la nostra storia potrebbe seguire varie direzioni. La prima: la cosa non suscita particolare scalpore, dopo un paio di giorni tutto si dissolve nel mare magnum della rete, e si passa a un altro video e un’altra recensione. La seconda: qualcuno molto legato alla serie in oggetto non prende benissimo la cosa, e usa la sua pagina Facebook per regolare i conti con costui che ha osato a) non parlare bene della serie, b) rivelare cose segrete, anche se a rigor di logica queste cose segrete le conosceva chiunque avesse letto l’albo. Nella nostra storia la scelta è la seconda. Su una pagina Facebook viene indicato questo video, ma non per segnalarlo asetticamente, o dire “Grazie. Perlomeno hai comprato il fumetto e hai speso il tuo tempo per parlarne”. No. Oltre 700 commenti servono solo a distruggere mediaticamente l’autore di tanto vilipendio. 700 contro 1. Il blasfemo ha osato attaccare il Totem e quindi la tribù deve punirlo. Perché dico punirlo? Perché la nostra storia ha un’altra diramazione. Il tipo del video aveva anche una pagina Facebook. Molti amici, pochi amici, non importa. Importa che si faceva gli affari suoi, non dava fastidio a nessuno e pubblicava le sue cosette, così come milioni di persone fanno ogni giorno. Beh, la tribù, o forse è meglio chiamarlo Branco, decide di attuare un attacco di massa. Segnala la pagina del tipo del video a Facebook in massa, e Facebook , solo ed unicamente per la mole di segnalazioni, decide che una pagina che suscita tali reazioni va contro alla regole di Facebook e quindi la sospende d'ufficio, senza nemmeno stare a vedere se le segnalazioni dicevano il vero. In pratica il branco, per la pura forza del numero, uccide il singolo.

Ma vediamo una cosa sempre più interessante nella nostra sotria. A un certo punto un’altra persona decide di rilanciare il video della prima sulla sua pagina Facebook, e un amico della persona che ha deciso di fare questo commenta per dirgli “XXXX , io ti stimo, ma perché dai spazio alle farneticazioni di quel tipo?”. Alla risposta che esiste la libertà dio parola, e che il tipo in questione aveva solo esercitato un diritto di opinione, cosa che se vogliamo gli Antifascisti di professione dovrebbero sapere ed apprezzare, la risposta è stata “Certo, la libertà di parola esiste, ma non per questo dobbiamo parlare di questa cosa”. Ossia la teorizzazione di un cordone sanitario contro chi rompe i coglioni, o attacca gli amici.

La storia come finisce? Finisce che il tipo crea un’altra pagina Facebook e continua a fare le sue cose, finisce che una persona solo per aver espresso un’opinione contraria al PUA (Pensiero Unico Approvato) è stata attaccata senza possibilità o diritto di difesa. Finisce con Ominicchi e Quaqquaraqqua che circolano liberi per gli spazi del web (Facebook in primis). La cosa mi Stupisce? Assolutamente no. Chi ha potere attrae sempre seguaci, e chi non ne ha sempre viene schernito dalla folla priva di senno.

PS. Qualcuno potrebbe dirmi “Scusa ma perché non fai i nomi?” Perché questa è una storia, mica un’indagine o un resoconto. È una favoletta. Magari me la sono inventata del tutto. O Magari invece no. Se siete attenti e volete capire cosa si celi dietro i paludati versi usate quelle che Poirot chiamava cellule grigie. Sennò basti la storiella.

Magazine

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:218 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:605 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:1618 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinamtografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:1477 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:1837 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:1815 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:1818 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto