Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » 2014: considerazioni su questo surreale inizio anno

di Alessandro Bottero

editoriale marinai indiaSono bastati undici giorni dall’inizio dell’anno per farmi capire che la commedia dell’assurdo in cui si è trasformata la vita di tutti noi non accenna a terminare. È sempre più probabile che Beckett e Ionesco siano diventati i demiurghi che reggono le fila dell’umana esistenza, e la cosa potrebbe ancora andare bene. Se a decidere delle nostre sorti fosse Jarry col suo Pére Ubu allora saremmo in guai seri. Di chi sto parlando? Di autori teatrali. Di Teatro dell’Assurdo e di Teatro Patafisico. Sto parlando di una società sempre più schizofrenica (o sarebbe meglio dire schifofrenica) dove la linearità del pensiero e delle idee, un filo logico, una consenguenzialità giorno dopo giorni tra azioni o dichiarazioni di uomini politici e persone al comando del vapore ormai è svanita. Il Titanic sta navigando, l’orchestra suona felice e tutti cliccano mi piace su face book coi loro iPhone nella sala da ballo. Peccato ci sia un Iceberg che attende.

Perché dico ciò? Perché oggi non parlerò di fumetti. Già. È arrivato il tempo di un’altra delle temute invettive botteriche. Non viviamo nella bolla, non siamo alieni dal contesto di tutti i giorni, e quindi anche se leggiamo fumetti ogni tanto la misura si colma. A me sono bastati undici giorni.

Il governo prima dice che RETROATTIVAMENTE (quando in tutte le università a giurisprudenza si insegna che la legge non può mai essere retroattiva e se lo dici a un esame ti bocciano) avrebbe preso 150 euro dalle buste paga degli insegnanti perché… perché sì. Al di là delle spiegazioni ridicole e in techinichese la motivazione è Perché a me mi servono soldi per fare bella figura con Bruxelles e quindi ti RUBO 140 euro dalla busta paga. E sticazzi. Poi però, giustamente, gli insegnanti e il ministro dell’istruzione si arrabbiano, e allora il governo fa marcia indietro. Figura ridicola. Tafazzi regna nei nostri cuori. Se ci sono tre categorie in una società che dovrebbero essere pagate bene perché svolgono compiti difficili, duri e fondamentali sono i medici, i poliziotti e gli insegnanti. Lo stato dovrebbe RADDOPPIARE gli stipendi a queste categorie, e non squalificarli sempre, ogni giorno che passa. E non lo dico per populismo o per demagogia. SE paghi poco un poliziotto, sarà più facile corromperlo. Se paghi poco un medico lavorerà male, e quindi ti curerà male. Se paghi poco un insegnante non insegnerà bene, e quindi le prossime generazioni saranno degli imbecilli.

In India ora pare che la pena di morte per i due marò italiani in attesa di giudizio non si possa escludere. La cosa è talmente delirante da risultare ridicola. In India ci sono le elezioni politiche. In India esiste una parte del apparato politico che odia Sonia Gandhi perché è italiana, e quindi vuole che i due italiani siano giustiziati per colpire Sonia Gandhi e il partito del congresso. Se Sonia o chiunque altro nel suo partito invocasse clemenza sarebbero accusati di chinare la testa di fronte alla prepotenza occidentale. E tu, in una situazione del genere, che conosci benissimo RIMANDI INDIETRO i marò, fidandoti delle assicurazioni (verbali e mai scritte, perché gli indiani non sono mica coglioni come noi e quindi non lasciano tracce) date mesi fa? Io già vedo la scena. India e Italia ai due lati di un tavolo. India con in mano due cartelline. Su una c’è scritta vita dei due marò, sull’altra commesse milionarie Italia-India. E qualcuno dice all’Italia che tutte e due non le può avere. Non bisognava rimandare indietro i marò. Punto e basta,. La diplomazia è una tecnica che serve a proteggere i propri cittadini all’estero e a fare gli interessi del proprio paese. Punto. Non è una scienza esatta da applicare a prescindere dalle persone. Solo che bisogna saperlo fare. E gli italiani ormai da anni non ne sono capaci.

Problema imposta casa. Io ho scientemente rinunciato a seguire cosa si dice sul problema IMU, Tasi, e altre sigle da telequiz perché ogni giorno il governo cambia idea. L’impressione che ne ho è che al governo e negli uffici amministrativi che li coadiuvano lavorino degli imbecilli che non sanno fare le addizioni, o le moltiplicazioni, o una semplice operazione, per cui ogni giorno rifanno i calcoli e scoprono cose nuove o cose di cui non si erano accorti. Io a scuola quando sbagliavo i calcoli prendevo 4. Oggi chi sbaglia i conti dello stato viene nominato Premier direttamente da Napolitano, o diventa direttore generale. Poi dici che uno evade. In una situazione del genere, con il 44,3% di pressione fiscale ufficiale - e probabilmente un 55% reale - evadere non sarebbe un reato. È sopravvivenza. E mi resta sempre in mente cosa diceva Tolkien “Chi è contrario alle evasioni? I Carcerieri.”

Populismo? No. Realismo. Disincantato, triste, impotente realismo.

Magazine

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:196 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:324 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:381 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:528 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1084 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:1768 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:2002 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto