Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » Historica, trionfatore nelle edicole

historica editorialedi Alessandro Bottero

Veramente l’uso corretto della lingua italiana esigerebbe l’uso del termine Trionfatrice visto che parliamo di una collana termine di genere tendente più al femminile che al maschile, ma i Nazi-grammatici con me non hanno mai avuto vita facile. Trionfatore ho scritto e trionfatore ripeto. E pure A Me MI Piace Historica. Per quei due o tre abitanti di Comignano del Peltro, paesino la cui edicola non riceve rifornimenti dall’aprile del 2006, che ancora non sanno cosa è Historica, vi svelerò che è la collana varata da Mondadori nelle edicole che con cadenza mensile presenta bei volumoni cicciotti e robusti dove si trovano cicli (autoconclusivi o in più volumi) di fumetti storici, tratti da quell’immenso arcipelago che è il mercato francese. Partita nel novembre 2012 con Airborne 44 - La battaglia delle Ardenne di Philippe Jarbinet, dedicato alla Seconda Guerra Mondiale, Historica si è mossa fino ad oggi secondo queste direttrici più o meno: Seconda Guerra Mondiale; Impero Romano; Medioevo; epoca Napoleonica. Certo per un vetusto appassionato di fantascienza ucronica come me un poco piange il cuore sapere che esistono fior di capolavori inediti dedicati a rivisitare gli eventi storici a base della fatidica domanda “E se….”, che non possono trovare posto nella collana, perché la filosofia di fondo di Historica è quella di presentare fumetti assolutamente aderenti alla realtà storica fattuale, sia pur all’interno della narrazione di storie di avventura. Ma a parte questo difettuccio, devo dire che avendola seguita per un anno intero sono pienamente soddisfatto della collana. La confezione è ottima, i contenuti di livello elevato, il prezzo (e parliamo di volumi cartonati formato francese di 192 pagine distribuiti in edicola) è davvero basso, visto che si tratta di 12,99 euri a volume. Finora oltre ad Airborne 44 sono usciti Bois-Maury, Memorie della Grande Armata ,Vae Victis (volumi 1-2-3), Il gufo reale, Le 7 vite dello Sparviero (volumi 1-2) ,Berlino, Gengis Khan ,L'ultimo volo, Gli scudi di Marte, Piuma al vento, e nel primo trimestre 2014 sono già sicuri Belem (gennaio), Attila vol.1 (febbraio) e La Battaglia (marzo).

Cosa ci insegna questa collana, partita come un esperimento e che a un anno di distanza si rivela un esperimento riuscito (e la riprova che è riuscito è il fatto che la Mondadori ha affiancato a Historica, una collana bimestrale di volumi sempre tratti dal mercato francese, ma in formato singolo albo)?

Primo: in edicola esiste un pubblico per questi prodotti. Non è numeroso, ma esiste.

Secondo: è un pubblico fedele ma esigente. Ti segue, mantenendo più o meno costanti le vendite, ma vuole una confezione editoriale e uno spessore nelle storie che giustifichino la spesa, sia pure una spesa che oggettivamente è inferiore alla media.

Terzo: esiste un pubblico che ama il genere storico, e la cosa non è da sottovalutare. In Italia ormai da decenni a parte Dago o Joan (ambientato all’epoca della Guerra Civile Spagnola) e pubblicati dall’Eura/Aurea non esistono serie regolari e/o continuative dedicate al genere storico. Gianfranco Manfredi ci ha provato con le due miniserie Volto Nascosto (ambientato all’epoca delle guerre coloniali italiane) e poi Shangai Devil (spostando l’azione nella Cina del Celeste Impero), ma erano due miniserie, e una volta conclusesi il filone si è chiuso. È vero che nel parco testate Bonelli esiste la collana Le Storie, ma non è precisamente la cosa a cui penso. Non è una collana o una serie di fumetti di genere storico in senso proprio, come invece troviamo a decine e decine nel mercato francese. Parlo di fumetti dove la Storia sia parte integrante della storia, e non solo una cornice o una ambientazione sullo sfondo.

Historica mi dice che è possibile raccontare storie usando la Storia come elemento cardine del discorso, senza per questo essere necessariamente pallosi o didascalici. E il punto è proprio qui: solo una società che ritiene la Storia degna di stima e rispetto potrò produrre autori che siano in grado di maneggiare la Storia con la stessa stima, rispetto e passione, ed usarla come spunto e materiale narrativo. In Italia succede questo? Assolutamente no. In Italia la Storia è vista come una cosa noiosa, pallosa, inutile e solo da studiare a scuola per evitare un debito formativo. Abbiamo una delle Storie nazionali più ricche di elementi narrativi e spunti, eppure i nostri autori non scrivono di Storia. E sono sicuro che se un editore volesse mettere in piedi un albo bonellide da edicola e un autore proponesse una serie o miniserie di genere storico non verrebbe minimamente preso in considerazione perché “Un fumetto storico???? Ma sei pazzo????”, dimenticandosi che in Italia il fumetto bonellide in edicola NON pubblicato da Sergio Bonelli più venduto da anni è Dago Ristampa (dietro quel fenomeno unico e irripetibile di Rat-Man). Se Dago da anni vende complessivamente su Lancio Story e sui monografici decine di migliaia di copie ogni mese un motivo di sarà. O no?

È vero che esiste la storia d’Italia a fumetti, e anche il volume per i 150 anni dlel’Unità d’Italia pubblicato dalla casa editrice San Paolo, ma non bastano. Oltretutto… possibile che ancora non esista una narrazione a fumetti alternativa alla vulgata ufficiale sul Risorgimento? Possibile che nessun autore abbia raccontato la distruzione voluta, spietata e sistematica del Regno delle Due Sicilie e la sua economia da parte degli invasori Savoia? Perché in Italia, a differenza di quel che succede in Francia o in Giappone ad esempio, non si usa il fumetto come un modo come altri per raccontare e/o esplorare la storia del paese e della società? Perché i fumetti storici non vendono? Non è vero. Questo è uno dei tanti dogmi di fede che gli editori si cuciono nella testa e che poi è impossibile togliere.

Historica dimostra che i lettori non hanno paura del fumetto storico.

I lettori non comprano i fumetti BRUTTI, non comprano i fumetti dove non succede niente, non comprano i fumetti che sono solo un insieme di cliché.

Ma se gli dai la ciccia sono ben contenti di addentarla.

Magazine

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:196 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:324 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:381 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:528 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1084 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:1768 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:2002 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto