Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » LiberoVeleno: la Satira è uguale per tutti?

liberoveleno editorialedi Alessandro Bottero

Una delle cose che mi rattrista di più è vedere quanto sia bistratta e irrisa una parola basilare come UGUAGLIANZA. La Rivoluzione Francese aveva comemotto Liberté, Egalité, Fraternité, ossia Libertà, Uguaglianza, Fraternità. Si dice spesso che siamo tutti uguali davanti alla legge o, altra versione della stessa idea, la Legge è Uguale per tutti (proprio perché siamo tutti uguali e la stessa legge deve valere in modo identico per me e per te.). In teoria siamo tutti uguali, e bisognerebbe dare a tutti il rispetto minimo dovuto proprio in base a questa uguaglianza che precede la decisione del singolo e si fonda sul comune essere umani.

Bene. Sono tutte palle. Nella realtà dei fatti non esiste una società più DIS-eguale e ipocrita della nostra. Almeno quando esisteva la schiavitù c’era la sincerità di dire “Tu sei uno schiavo. Io no. Quindi tu sei inferiore.”. Oggi invece la cosa si fa e non si dice. Si stabilisce che qualcuno è inferiore, diverso, non uguale a me, e ci si comporta di conseguenza. Ma senza avere il coraggio di ammetterlo. Non solo di applica la disuguaglianza, ma si è anche ipocriti.

Perché questo preambolo spaventosamente filosofico? Perché nel fumetto e nella satira è lo stesso. Non è vero che siamo tutti uguali. C’è chi è diverso e va escluso, va ignorato, va cancellato, perché è moralmente disprezzabile.

Prendiamo il caso di LiberoVeleno. È un inserto satirico domenicale inserito nel quotidiano Libero, che è arrivato al centesimo numero. Ossia due anni quasi di vita e di satira. Eppure per la critica non esiste. Perché non è uguale agli altri inserti/riviste satiriche. Non è di sinistra e quindi va ignorato. Va tolto di mezzo con il silenzio. E sicuramente non va minimamente preso in considerazione per il premio della Satira di Forte dei Marmi. Ora, è lecito e ammissibilissimo che uno dica “A me LiberoVeleno non fa ridere. Ho provato a leggerlo ma mi annoia”. Ed è anche ammissibile che dopo una COMPETIZONE dove le regole sono uguali per tutti e tutti sono messi in grado di partecipare, LiberoVeleno non vinta il premio della Satira. Non è questo il punto. Il punto è che se le regole valgono per tutti, allora ANCHE LiberoVeleno va preso in considerazione. A prescindere se ti piaccia o meno. Perché c’è una UGUAGLIANZA basata sul mutuo rispetto che dovrebbe esistere. Invece se sei diverso, se vieni pubblicato da un quotidiano “impresentabile” allora non sei più uguale.

Vorrei dire a Giuseppe Pollicelli che non deve stupirsi se la critica ufficiale del mondo del fumetto ignora e ostracizza LiberoVeleno, perché il peccato originale è essere legati a Libero, ossia il quotidiano più odiato e stigmatizzato dal establishment di centrosinistra/sinistra. E siccome in Italia è un dato di fatto che nel mondo del fumetto il Pensiero Unico Dominante sia antiberlusconiano e dominio di una sinistra liberal-chic, Libero è visto come una caccola sul volto dell’universo, un qualcosa che non dovrebbe nemmeno esistere. E chi ci scrive è un traditore, venduto a Berlusconi, fascista, stronzo e deve morire perché sì. Pensate che esageri? Pensate che non siano queste le PRECISE PAROLE che quando si tolgono di dosso l’ipocrisia buonista moltissimi addetti ai lavori del monto del fumetto dicono a proposito di Libero? Pensate che Giuseppe Pollicelli non si sia rovinato la reputazione di critico serio e preparato che aveva in precedenza perché scrive su LiberoVeleno? Allora siete molto più ingenui di quel che crdevo.

liberoveleno01Nel mondo del fumetto italiano non si è uguali. O ti conformi al PUA, o sei escluso, e diventi invisibile. Nessuno parla di te, nessuno ti cita, nessuno rilancia i tuoi pezzi, nessuno ammetterà di leggerti, o DIO NON VOGLIA!!!! di divertirsi con LiberoVeleno.

E anche qui c’è l’ipocrisia. Menti illustre e teorici della satira dicono “TUTTO deve essere sottoposto a satira”, con tutto scritto con le maiuscole. Ma quando la satira non viene dalle conventicole politicamente accettate, allora non è satira. È oltraggio, è disgustoso rancore, è fango, è essere servi di Berlusconi.

Allora cento numeri di LiberoVeleno non esistono. Non possono esistere, perché ammettere che cento numeri di LiberoVeleno hanno la STESSA dignità di cento numeri di Il Male, o di il MisFatto Quotidiano, significherebbe ammettere che Libero ha la stessa dignità de Il Fatto Quotidiano. Significherebbe ammettere che devo prendere sul serio Voltaire quando diceva di non essere d’accordo con il suo avversario ma che avrebbe lottato perché potesse esprimere il suo pensiero. Significherebbe liberarsi dalle catene del PUA, e pensare con la propria testa, ma purtroppo questo è un qualcosa che pochi sono in grado di fare.

LiberoVeleno arriva a cento numeri e, piaccia o no, è necessario che esista. È necessario perché è un’altra voce, un altro modo di guardare alle stesse cose ma da un angolo visuale diverso.

Non mi fa ridere? Nessun problema. Lo trovo noioso? Nessun problema. Sei un lettore e puoi fare giustamente quello che ti pare.

Ma se ti picchi di essere qualcosa di più di un lettore, di essere un critico, un conoscitore del settore, un esperto, un qualcuno che valuta le cose che si pubblicano e propone giudizi ai lettori assumendoti  implicitamente il ruolo di chi vorrebbe orientare le scelte finali del lettore, allora ignorarlo aprioristicamente perché “è quella merda che esce su quel giornale di merda”, non ti fa fare una bella figura caro critico/addetto ai lavori.

Nelle immagini: 2 vignette tratte da LiberoVeleno di Leoni, Gipo e Scronda.



Magazine

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:304 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:621 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:769 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:731 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:768 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:1036 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto