Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » LiberoVeleno: la Satira è uguale per tutti?

liberoveleno editorialedi Alessandro Bottero

Una delle cose che mi rattrista di più è vedere quanto sia bistratta e irrisa una parola basilare come UGUAGLIANZA. La Rivoluzione Francese aveva comemotto Liberté, Egalité, Fraternité, ossia Libertà, Uguaglianza, Fraternità. Si dice spesso che siamo tutti uguali davanti alla legge o, altra versione della stessa idea, la Legge è Uguale per tutti (proprio perché siamo tutti uguali e la stessa legge deve valere in modo identico per me e per te.). In teoria siamo tutti uguali, e bisognerebbe dare a tutti il rispetto minimo dovuto proprio in base a questa uguaglianza che precede la decisione del singolo e si fonda sul comune essere umani.

Bene. Sono tutte palle. Nella realtà dei fatti non esiste una società più DIS-eguale e ipocrita della nostra. Almeno quando esisteva la schiavitù c’era la sincerità di dire “Tu sei uno schiavo. Io no. Quindi tu sei inferiore.”. Oggi invece la cosa si fa e non si dice. Si stabilisce che qualcuno è inferiore, diverso, non uguale a me, e ci si comporta di conseguenza. Ma senza avere il coraggio di ammetterlo. Non solo di applica la disuguaglianza, ma si è anche ipocriti.

Perché questo preambolo spaventosamente filosofico? Perché nel fumetto e nella satira è lo stesso. Non è vero che siamo tutti uguali. C’è chi è diverso e va escluso, va ignorato, va cancellato, perché è moralmente disprezzabile.

Prendiamo il caso di LiberoVeleno. È un inserto satirico domenicale inserito nel quotidiano Libero, che è arrivato al centesimo numero. Ossia due anni quasi di vita e di satira. Eppure per la critica non esiste. Perché non è uguale agli altri inserti/riviste satiriche. Non è di sinistra e quindi va ignorato. Va tolto di mezzo con il silenzio. E sicuramente non va minimamente preso in considerazione per il premio della Satira di Forte dei Marmi. Ora, è lecito e ammissibilissimo che uno dica “A me LiberoVeleno non fa ridere. Ho provato a leggerlo ma mi annoia”. Ed è anche ammissibile che dopo una COMPETIZONE dove le regole sono uguali per tutti e tutti sono messi in grado di partecipare, LiberoVeleno non vinta il premio della Satira. Non è questo il punto. Il punto è che se le regole valgono per tutti, allora ANCHE LiberoVeleno va preso in considerazione. A prescindere se ti piaccia o meno. Perché c’è una UGUAGLIANZA basata sul mutuo rispetto che dovrebbe esistere. Invece se sei diverso, se vieni pubblicato da un quotidiano “impresentabile” allora non sei più uguale.

Vorrei dire a Giuseppe Pollicelli che non deve stupirsi se la critica ufficiale del mondo del fumetto ignora e ostracizza LiberoVeleno, perché il peccato originale è essere legati a Libero, ossia il quotidiano più odiato e stigmatizzato dal establishment di centrosinistra/sinistra. E siccome in Italia è un dato di fatto che nel mondo del fumetto il Pensiero Unico Dominante sia antiberlusconiano e dominio di una sinistra liberal-chic, Libero è visto come una caccola sul volto dell’universo, un qualcosa che non dovrebbe nemmeno esistere. E chi ci scrive è un traditore, venduto a Berlusconi, fascista, stronzo e deve morire perché sì. Pensate che esageri? Pensate che non siano queste le PRECISE PAROLE che quando si tolgono di dosso l’ipocrisia buonista moltissimi addetti ai lavori del monto del fumetto dicono a proposito di Libero? Pensate che Giuseppe Pollicelli non si sia rovinato la reputazione di critico serio e preparato che aveva in precedenza perché scrive su LiberoVeleno? Allora siete molto più ingenui di quel che crdevo.

liberoveleno01Nel mondo del fumetto italiano non si è uguali. O ti conformi al PUA, o sei escluso, e diventi invisibile. Nessuno parla di te, nessuno ti cita, nessuno rilancia i tuoi pezzi, nessuno ammetterà di leggerti, o DIO NON VOGLIA!!!! di divertirsi con LiberoVeleno.

E anche qui c’è l’ipocrisia. Menti illustre e teorici della satira dicono “TUTTO deve essere sottoposto a satira”, con tutto scritto con le maiuscole. Ma quando la satira non viene dalle conventicole politicamente accettate, allora non è satira. È oltraggio, è disgustoso rancore, è fango, è essere servi di Berlusconi.

Allora cento numeri di LiberoVeleno non esistono. Non possono esistere, perché ammettere che cento numeri di LiberoVeleno hanno la STESSA dignità di cento numeri di Il Male, o di il MisFatto Quotidiano, significherebbe ammettere che Libero ha la stessa dignità de Il Fatto Quotidiano. Significherebbe ammettere che devo prendere sul serio Voltaire quando diceva di non essere d’accordo con il suo avversario ma che avrebbe lottato perché potesse esprimere il suo pensiero. Significherebbe liberarsi dalle catene del PUA, e pensare con la propria testa, ma purtroppo questo è un qualcosa che pochi sono in grado di fare.

LiberoVeleno arriva a cento numeri e, piaccia o no, è necessario che esista. È necessario perché è un’altra voce, un altro modo di guardare alle stesse cose ma da un angolo visuale diverso.

Non mi fa ridere? Nessun problema. Lo trovo noioso? Nessun problema. Sei un lettore e puoi fare giustamente quello che ti pare.

Ma se ti picchi di essere qualcosa di più di un lettore, di essere un critico, un conoscitore del settore, un esperto, un qualcuno che valuta le cose che si pubblicano e propone giudizi ai lettori assumendoti  implicitamente il ruolo di chi vorrebbe orientare le scelte finali del lettore, allora ignorarlo aprioristicamente perché “è quella merda che esce su quel giornale di merda”, non ti fa fare una bella figura caro critico/addetto ai lavori.

Nelle immagini: 2 vignette tratte da LiberoVeleno di Leoni, Gipo e Scronda.



Magazine

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:198 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:337 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:828 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1211 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli...

Leggi tutto

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:1476 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:12690 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:1489 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto