Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale » L’Età dell’Oro che nessuno conosce

jack_kirby_sci_fi_collectiodi Alessandro Bottero

Uso privato di atti pubblici. Ebbene sì, vostro onore. Sono colpevole. Ammetto la mia colpa, e non nego il mio bieco interesse. Sto usando questo editoriale, per parlare di una cosa che pubblico io. Che sfrontatezza. Che conflitto di interessi. Che improntitudine. Che me ne frega?

Niente, e infatti eccomi qui. Sull’ultimo Mega (non so se anche su Anteprima, ma immagino di sì), è apparso l’annuncio di un volume che presenta storie di Jack Kirby. Per completezza diciamo che anche Cagliostro E-Press ne ha annunciato uno, e siccome il progetto Golden Age vede coinvolti, come affinità editoriale, sia Bottero Edizioni che Cagliostro E-Press, è giusto segnalare anche questo. Ma torniamo a noi. Cosa significa questo annuncio? Cos’è questo volume, e perché dovrebbe essere cos’ importante? Beh, cinicamente non mi aspetto migliaia (ma nemmeno centinaia) di copie vendute. Ma l’importanza di un progetto non dipende (o meglio non dipende SOLO) dalla vendita. A livello storico  parliamo di storie mai apparse in Italia, storie di ottimo valore,  e soprattutto storie mai raccolte in volume nemmeno in America. Parliamo di un mondo nuovo, un universo che si rivela per la prima volta davanti a noi.

Siamo sinceri. Per il lettore medio, minimamente “acculturato storicamente”, ma anche per il critico medio, la Golden Age dei comics americani è al 90% National/DC Comics, e Timely/Marvel. Poi stop.  Come se in America avessero pubblicato solo Capitan America, Sub-Mariner, la Torcia Umana originale, Superman, Batman, e per i più acculturati Wonder Woman, e Captain Marvel della Fawcett.  Beh, non è così. La Golden Age del fumetto americano è immensamente più vasta. Sono esistite case editrici che hanno pubblicato centinaia di titoli, e di cui non si sa nulla. Avon, Fox, Fiction house, Harvey. Ma anche la Quality (immensa e spettacolare) e la Fawcett. O nomi come Prize, Hillman, Ajax, St.John, e così via. E vogliamo parlare di autori? Wally Wood, Alex Toth, Basil Wolverton con i suoi fumetti fantascientifici surreali e deliranti, ma anche nomi meno noti (o sconosciuti) come Lou Fine, Jack Cole, e il grandissimo Matt Baker.

Ora, il discorso è che queste storie (migliaia di albi, dal 1936 al 1960) essendo inedite per l’italia, nei fatti non sono mai esistiti. Certo, si poteva leggere una riga in un articolo, dove magari si citava Lou Fine, artista di Uncle Sam e Doll Man, per la Quality, ma magari era un dato preso su Wikipedia, o riciclato da altri saggi, dove si ripetevano le parole, ma senza che alle parole scritte corrispondesse una effettiva conoscenza degli albi di cui si parlava. Ora tali albi sono accessibili, e io e Giorgio Messina ci siamo detti “Perché non pubblicarli?”.  Beh, una prima obiezione è “Perché non venderebbero un BEEEEEP!”. E posso anche capirla. Se stampi mille copie di un volume (e mille copie di un volume, checché se ne pensi in giro è la tiratura MEDIA non solo dei fumetti, ma anche dei libri che vedete nelle LIBRERIE DI VARIA GROSSE, GRANDI, E CHE SONO FICHISSIME  PERCHE’ CI VANNO I LIBRI VERI), e devi venderne almeno la metà per rientrare delle spese (e SFIDO i miei colleghi editori a dirmi che hanno un punto di pareggio INFERIORE al 50% della tiratura, ossia, per chiarire: sfido i miei colleghi editori a dirmi che se stampano 1.000 copie, rientrano dei costi vendendo MENO di 500 copie), è ovvio a chiunque non sia totalmente ottuso dalla passione più cieca, che un volume di storie degli anni ’40 o ’50, che presenta storie di autori sì famosi, ma non figosi o cool, non venderà MAI 500 copie. Quindi se un editore stampa 1.000 copie di un volume di questo tipo, va incontro a un suicidio certo.

E allora? E allora la risposta è print on demand. La risposta è “si vende poco? E io stampo per pochi.” Punto. Non vedo infatti perché io editore mi debba suicidare. Io VOGLIO pubblicare queste cose, perché ritengo che abbiano un loro perché (e non solo per “avere un titolo nel catalogo.” Chi pensa che gli editori pubblichino tanto per avere titoli nel catalogo è CHIARAMENTE uno che non sa cosa dice. E se lo dice o lo scrive su un forum o su un blog, dice o scrive una stupidaggine, e quindi, relativamente a questo argomento, assume la posizione del cretino).. Io voglio pubblicare queste storie, perché ritengo che sia giusto che le persone che potrebbero essere interessate le leggano. Ma al tempo stesso non vedo perché mi debba svenare, per farlo. Io faccio le cose, come IO ritengo si possano fare, secondo le mie possibilità e secondo il principio sacrosanto che non devo far fallire la mia casa editrice, o riempirmi di debiti perché qualcuno vuole l’erba voglio.

Quindi prodotti a BASSA tiratura. Prodotti rivolti a una NICCHIA. Non al grosso pubblico. A una NICCHIA. Lo devo ripetere? Non sono volumi rivolti a chi vuole spendere 3 euro, perché l’uomo ragno costa tre euro. Vuoi pagare i fumetti 3 euro? Perfetto. Compra qualcos’altro. Questi volumi non sono pensati per te. Sono pensati per altri. Per un pubblico diverso. Più piccolo, più selezionato. Più di elite, se volete. Ma diverso.  E come saranno questi volumi? Beh, direi che se ne può parlare un’altra volta, no?

Magazine

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:604 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2459 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2575 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:1975 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2579 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1801 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:2229 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto